Mettiti in comunicazione con noi

Economia

Fairphone, il primo telefono “etico” al mondo è realtà

Avatar

Pubblicato

-

“Compra un telefono, comincia un movimento”. È questo lo slogan che accompagna la presentazione di Fairphone, lo smartphone dell’omonima azienda olandese che verrà presentato a Londra nei prossimi giorni. Si può benissimo dire di essere dinanzi al primo telefono equo e solidale, vista l’attenzione posta dagli sviluppatori (hardware e software) alle modalità di costruzione. Per questo la casa produttrice ha lavorato a stretto contatto con i reparti specifici per garantire che Fairphone potesse davvero essere definito un prodotto etico.

 

Aziende leader come Apple e Samsung sono state spesso criticate per non aver fatto chiarezza sulla provenienza dei materiali utilizzati per i loro smartphone. Gli interrogativi sullo sfruttamento di risorse minerarie estratte da zone di conflitto o prodotte in fabbriche disagiate dell’estremo Oriente dove le pratiche di lavoro sono al di là della sopportazione umana, hanno aumentato la poca stima da parte delle organizzazioni ambientali e dai fautori di una tecnologia sostenibile.

 

A mettere tutti d’accordo ci prova Fairphone che unisce l’eticità nella sua produzione con un profilo hardware di tutto rispetto. Uno schermo da 4.3 pollici, a metà strada tra iPhone 5 e Samsung Galaxy SIII, ha un processore quad-core MediaTek 6589, 16 GB di memoria interna, 1 GB di RAM, fotocamera principale da 8 Megapixel, frontale da 1.3 Megapixel e capacità di supportare due SIM (caratteristica molto diffusa in Africa e Asia). Ovviamente c’è Android, in versione 4.2 Jelly Bean, a far girare il tutto, con un’interfaccia speciale sviluppata dall’agenzia di Ricerca & Sviluppo Kwame Corporation. La particolarità è che sia il sistema operativo che l’interfaccia sono completamente aperte e pronte ad essere modificate dagli utenti (su Android “classico” c’è bisogno del root). Anche a livello pratico ognuno, con un po’ di esperienza, può aprire il telefono e aggiustarlo comprando sul web parti di ricambio (non è chiaro se queste saranno disponibili presso la stessa Fairphone).

 

Gran parte dei materiali di produzione arrivano dal South Kivu, una provincia della Repubblica Democratica del Congo. Nonostante la zona sia continuo territorio di scontri e lotte civili, l’azienda insiste sul fatto di star lavorando duro per assicurare giuste condizioni di lavoro ai minatori e nessuna mediazione con le milizie armate.

 

Fairphone sarà in vendita entro la fine dell’anno ad un costo non convenzionale di 325 euro. Ogni singolo euro sborsato per l’acquisto viene rendicontato dalla casa produttrice attraverso un report dettagliato. Mai nessuna azienda aveva finora intrapreso una simile campagna di comunicazione, spiegando come si arriva a spendere centinaia di euro per uno smartphone il cui costo di produzione è nettamente inferiore a quello di vendita.

 

Nella logica dell’equo e solidale c’è da dire che il Fairphone non è completamente etico. Consuma energia elettrica (per la ricarica), utilizza diverse onde radio (3G, GPS, Wi-FI, Bluetooth, FM), insomma si fregia di quella tecnologia che in ogni caso non giova molto al pianeta. “Non è questo il punto – afferma Miquel Ballester, Product Manager di Fairphone – i produttori di oggi pensano che basti un adesivo sulla scatola per dire che si è sostenibili in base ad una certificazione, ma in realtà non stanno cambiando nulla. Per noi è diverso, si tratta di creare un ambiente economico che favorisca un trattamento etico, ad ogni punto della filiera produttiva ”.

 

 

 

Fonte : “La Stampa”
Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

VINITALY: COLDIRETTI, LE UVE STORICHE CAMPANE TRA I GRAPPOLI D’ITALIA

redazione

Pubblicato

-

ORIGINI DEL VINO ITALIANO: ECCO I VITIGNI ANTICHI IN MOSTRA A VERONA
C’è il Greco Bianco, il vino più antico d’Italia, il Fiano citato da Federico II, l’Asprinio introdotto dagli Etruschi, il Piedirosso ricordato da Plinio nella Naturalis historia, la Coda di Volpe sul Vesuvio da prima dell’eruzione su Pompei, l’Aglianico amato dagli Aragonesi, la Biancolella ischitana arrivata dall’Eubea, il Casavecchia bevuto dai legionari romani, il Pallagrello prediletto da Ferdinando IV di Borbone e la Catalanesca importata da Alfonso I D’Aragona. Sono i vitigni campani presenti nella più gande esposizione di uve mai realizzata portati al Vinitaly Special Edition Verona da tutte le diverse regioni nell’esclusivo salone “Vigneto Italia” creato dalla Coldiretti presso il padiglione 4 stand D3 della Fiera di Verona per scoprire la grande biodiversità e qualità dalle quali nascono le più prestigiose bottiglie del vino Made in Italy.
(altro…)

Continua a leggere

Attualità

PASTA: COLDIRETTI E RUMMO, IN 10 ANNI PASTA 100% SANNITA

redazione

Pubblicato

-

La provincia di Benevento ha a disposizione circa 17 mila ettari di terreno potenzialmente coltivabili a grano duro, che permetterebbero a Rummo di produrre una pasta 100% sannita. Ad annunciarlo è Gennarino Masiello, presidente della federazione Coldiretti di Benevento e vicepresidente nazionale, a margine della conferenza stampa che si è tenuta questa mattina presso la sala Vetrone dell’organizzazione agricola. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

COLDIRETTI SOS RACCOLTA-100MILA SENZA NEI CAMPI

redazione

Pubblicato

-

L’obbligo del green pass scatta in agricoltura per circa 400mila lavoratori che in questo momento sono impegnati nelle campagne dove tra l’altro è in pieno svolgimento la vendemmia, la raccolta delle mele ed è da poco iniziata quella delle olive. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti che stima attorno al 25% il numero di lavoratori agricoli italiani e stranieri non sono ancora vaccinati per un totale di circa 100mila, dopo la firma del presidente del Consiglio Draghi al DPCM con le linee guida per i controlli. (altro…)

Continua a leggere

Più letti