Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

‘VACCINI IN AZIENDA’, AL VIA IN IRPINIA L’HUB DI ISCO: ASSICURATA LA SOMMINISTRAZIONE AI DIPENDENTI DI DECINE DI AZIENDE

Pubblicato

-

Penza: “Bene l’iniziativa di Confindustria dal forte carattere sociale, servirà a far ripartire rapidamente il nostro apparato produttivo.”

Avellino, 3 giu – Al via stamani presso il gruppo Isco l’operazione “Vaccini in Azienda” promossa dall’ASL in sinergia con Confindustria Avelino. Presso la sede atripaldese del gruppo, sita in via Belli, sono stati allestiti i box nei quali saranno somministrati i preparati di Pfizer e Moderna, non solo ai dipendenti delle varie aziende che fanno capo al dottor Pasquale Penza, ma anche a quelli di altre realtà come il Gruppo De Caro, il Gruppo D’Agostino, Italcastagne e altre aziende e studi professionali.

L’inoculazione dei vaccini – fanno sapere da Isco – avverrà, ovviamente, nel pieno rispetto delle linee di indirizzo fornite da Confindustria e dei protocolli stabiliti dalle autorità sanitarie. Saranno presenti medici, infermieri e il personale necessario a garantire che le procedure si svolgano nella massima sicurezza.  

“Abbiamo particolarmente apprezzato, e subito sposato, l’iniziativa promossa da Confindustria Avellino – dichiara Pasquale Penza – tesa a coinvolgere nella campagna vaccinale anticovid larga parte del mondo imprenditoriale irpino. Non solo per mettere al sicuro i nostri collaboratori, ma per contribuire alla campagna aprendo le nostre porte anche ai dipendenti di quelle aziende che si relazionano a vario titolo con le nostre realtà. Insomma, anche ISCO è per il sociale.”

“Oggi più che mai – prosegue – dopo un anno di lockdown, il nostro apparato produttivo necessità di ripartire. Per farlo occorre mettere al sicuro tutti i lavoratori e uscire così nel minor tempo possibile da un’emergenza che ha indubbiamente sfiancato tante aziende, alcune portandole alla chiusura, specie quelle di piccole dimensioni. Penso ai tanti piccoli artigiani, ai commercianti, al settore della ristorazione, che hanno fin qui assicurato nel loro piccolo un’occupazione stabile a tante persone. Soprattutto per loro, per le loro famiglie, dobbiamo fare uno sforzo che serva a tornare presto ai ritmi di produzione precovid, assicurando una prospettiva migliore per le nuove generazioni.”

“Senza voler scadere nella facile retorica – conclude Penza – è evidente che la pandemia lascerà una scia di dolore, ma ci avrà insegnato che la sinergia tra istituzioni, mondo produttivo, autorità sanitarie può innestare un meccanismo virtuoso che in futuro servirà a prevenire altre emergenze e ad affrontarle al meglio per evitare danni irreparabili innanzitutto alle persone e poi al nostro sistema economico.”

Da ISCO, infine, un grazie ai medici Vincenzo Turri, Aldo Laurenzano, Michele Mastroberardino, Pasquale Miele e Lucia Parziale per il contributo che daranno al funzionamento dell’hub e all’associazione Nuova Dimensione per la logistica.

Attualità

Massimo Villone: “Bisogna contrapporsi nettamente all’autonomia differenziata”

Pubblicato

-

Bonaccini, presidente della regione Emilia Romagna, boccia la linea politica del PD, ritenuta troppo a sinistra. Il congresso è alle porte e Bonaccini scalda i motori ponendosi in pole position per essere eletto segretario. Il futuro condottiero del PD reputa indispensabile dare immediata attuazione al regionalismo differenziato che è parte integrante del programma di governo inserito nella legge di bilancio. Dimentica il Meridione che si avvia allo spopolamento, senza i giovani quest’area non avrà le braccia e le intelligenze per risollevarsi dal declino. Bonaccini insieme a Zaia e Fontana, quest’ultimi presidenti delle regioni Veneto e Lombardia, vogliono il regionalismo differenziato senza l’approvazione dei Livelli Essenziali delle Prestazioni (LEP) che consentirebbero di riconoscere diritti minimi ed uguali a tutti i cittadini. Grave è il pericolo della balcanizzazione del paese, nessuna voce, in campagna elettorale, propone il rilancio del meridione privo di infrastrutture moderne che possano consentire le sfide commerciali con i competitor internazionali. Il regionalismo differenziato rompe il patto costituzionale dell’Unità e della coesione territoriale, sul tema i partiti, di maggioranza ed opposizione, hanno calato un vergognoso silenzio. Il pericolo è chiaro e imminente, il tema è stato ripreso da Massimo Villone, professore emerito di Diritto Costituzionale dell’Università Federico II di Napoli su “Il Manifesto” dell’8 agosto 2022: “Ora che l’autonomia è ufficialmente nel programma elettorale del centrodestra il silenzio non può continuare. Bisogna contrapporsi nettamente”.

Continua a leggere

Attualità

Coordinamento Provinciale di Forza Italia Avellino:”Quella di Gambacorta e’ una non notizia”

Pubblicato

-

Quella di Gambacorta e’ una non notizia. Gambacorta essendo stato consigliere politico della Carfagna, non ha fatto altro che seguire le orme della stessa. Non vi è alcuna strategia in termini politici di un ipotetico polo moderato in questa scelta. Anche perché l’unica area moderata nella scena politica nazionale, è rappresentata da Forza Italia.
Una scelta, quindi, non dettata da valori, ma semplicemente da tatticismi inutili privi di coerenza.

Continua a leggere

Attualità

Servizi micronido e integrativi al nido-L’Azienda Consortile per le Politiche Sociali pubblica i bandi

Pubblicato

-

L’Azienda Consortile per le Politiche Sociali ha pubblicato gli Avvisi Pubblici per accedere ai Servizi di “Micro Nido” e ai Servizi Integrativi al Nido “Spazio Bambini e Bambine”, per l’anno educativo 2022/2023.

Le singole domande vanno inoltrate tramite la compilazione dello specifico Modulo ON-LINE https://ava1.retedelsociale.it entro le ore 12:00 del 26 Agosto 2022.

Per informazioni e chiarimenti è possibile contattare:

rossella.schiavo@pianosociale-a1.it

0825872441 – 08251930654

Continua a leggere
Advertisement

Più letti