Mettiti in comunicazione con noi

Cronaca

Finti operai dell’Enel truffano un’anziana.

Pubblicato

-

Da alcuni giorni, gli Agenti del Commissariato di Ariano Irpino erano sulle tracce di due truffatori seriali che, spacciandosi per operatori dell’ENEL, erano riusciti a portare a compimento un colpo presso l’abitazione di un’anziana signora del luogo.

I malviventi, entrambi 30enni, provenienti uno dalla Provincia di Benevento l’altro da Napoli, approfittando dell’assenza dei familiari, erano riusciti, carpendo la vulnerabilità emotiva e psicologica della vittima, una donna ultraottantenne, a farsi aprire la porta dell’abitazione. Questi, dopo aver esibito un falso tesserino di appartenenza all’Ente, convincevano l’anziana signora che la loro presenza era giustificata dal fatto di dover effettuare dei controlli al contatore e al contratto di fornitura.

Nella circostanza mentre uno riusciva a distrarre la padrona di casa, l’altro furtivamente si introduceva all’interno della camera da letto per asportare monili in oro ed alcune banconote custodite all’interno di un cassetto. Solo l’arrivo dei familiari evitava alla malcapitata di subire danni ben più gravi in quanto gli stessi riuscivano ad allontanarsi con il bottino.

La tenacia investigativa dei poliziotti ha però consentito nella giornata di ieri di identificare e rintracciare i due giovani truffatori che sono stati denunziati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Benevento. Non si esclude che i due possano essere gli autori di altri furti recentemente commessi con analoghe modalità in Ariano e paesi limitrofi.

La Polizia di Stato, al riguardo, rinnova l’appello ai cittadini di contattare immediatamente le Forze dell’Ordine qualora dovessero verificarsi analoghi episodi, affinché non venga concessa a tali individui, sedicenti appartenenti ad Aziende ed Enti di fornitura di servizi domestici che nelle maniere più disparate carpiscono la buona fede soprattutto di persone anziane, di portare a compimento tali azioni delittuose.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Maltempo, istituito in Provincia un Tavolo Permanente per l’Emergenza

Pubblicato

-

presidente Buonopane: “Vogliamo fornire il massimo supporto ai Comuni”

Il presidente della Provincia, Rizieri Buonopane, ha scritto a tutti i sindaci irpini per confermare il supporto dell’Ente ai Comuni che si trovano a registrare problemi causati dal maltempo. In Provincia è stato istituito un Tavolo Permanente per l’Emergenza Maltempo, proprio al fine di fornire supporto alle Amministrazioni Comunali che ne facciano richiesta.

“Già dalla serata di martedì, 9 agosto 2022 – evidenzia il presidente Buonopane – l’Ente si è attivato per alcuni interventi. La Provincia è pronta a fare altrettanto, qualora si dovesse presentare l’esigenza in qualsiasi zona del territorio irpino. Eventuali richieste di supporto vanno inviate a info@pec.provincia.avellino.it. Con alcuni sindaci sono costantemente in contatto per verificare la situazione, dopo le devastanti piogge di ieri. Ribadisco solidarietà e vicinanza alla comunità di Monteforte Irpino e a tutti i cittadini che si trovano a fare i conti con i disagi determinati dal violento nubifragio”.

Continua a leggere

Attualità

Ariano-Vinti 39mila euro al Superenalotto

Pubblicato

-

Ariano ancora protagonista nelle vincite al gioco e questa volta al SuperEnalotto nel concorso del 4 agosto, come riporta Agipronews. Infatti è stato centrato un “5” da 39.268,78 euro. La giocata vincente è stata convalidata in un bar di via Martiri ad Ariano Irpino.

Nel frattempo il Jackpot è arrivato a quota 249,2 milioni di euro – record nella storia del gioco – che saranno messi in palio nel prossimo concorso. L’ultima sestina vincente è arrivata il 22 maggio 2021, con i 156,2 milioni di euro finiti a Montappone (FM), mentre in Campania il “6” manca dal 30 dicembre 2014 quando a Castellammare di Stabia furono vinti 18 milioni di euro.

Continua a leggere

Attualità

Truffa alle Assicurazioni-Terremoto giudiziario in Irpinia, indagati medici e avvocati

Pubblicato

-

Dalle prime luci dell’alba oltre cento carabinieri del Comando provinciale di Avellino stanno eseguendo undici misure cautelari e sequestro preventivo di beni mobili e immobili nei confronti di altrettante persone sospettate di far parte di una organizzazione criminale dedita alle truffe assicurative.

Figurano anche 17 medici, indagati per false attestazioni delle lesioni subite; tre avvocati, due dei quali finiti ai domiciliari, e dei due consulenti di infortunistica stradale, tra le 278 persone indagate nell’ambito dell’inchiesta dei carabinieri di Avellino che, all’alba, coordinati dalla Procura irpina, hanno notificato undici misure cautelari.

L’opera dei professionisti era determinante per la redazione delle pratiche di risarcimento: e, infatti, sono complessivamente 74 i falsi incidenti, per complessivi 600 mila euro in danno delle compagnie assicurative, 270 mila dei quali già liquidati a favore delle false vittime, organizzati dai truffatori sgominati oggi dai carabinieri di Avellino che hanno eseguito, complessivamente, undici misure cautelari emesse dal gip su richiesta della Procura irpina.

I falsi sinistri venivano organizzati in aree prive di sistemi di videosorveglianza. Perquisizioni sono state effettuate presso i domicili e gli studi legali riconducibili a due avvocati ed è stato eseguito un provvedimento di sequestro preventivo di beni mobili e immobili nei confronti di dieci degli indagati per la somma concorrente di 273 mila euro.  

Gli indagati devono rispondere di associazione per delinquere finalizzata alla truffa e di falsità materiale e ideologica commessa da pubblico ufficiale in atto pubblico.

C’era anche chi era disposto a farsi rompere i denti tra le persone reclutate dai componenti i tre distinti gruppi di truffatori arrestati oggi dai carabinieri di Avellino al termine di un’indagine contro il fenomeno delle truffe alle assicurazioni coordinata dall’ufficio inquirente irpino coordinato dal procuratore Domenico Airoma.

Venivano reclutate persone di ogni età, anche minorenni o affette da gravi patologie, per ottenere dalle compagnie assicurative risarcimenti per incidenti stradali mai avvenuti.

E in diversi casi, le false vittime dei sinistri, per ricevere maggiori compensi, acconsentivano a farsi rompere i denti e a procurarsi fratture agli arti. 

Continua a leggere
Advertisement

Più letti