Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Elezioni comunali Ariano – Il ballottaggio

Pubblicato

-

Finalmente si è giunti alla fine della tornata elettorale per eleggere gli Organi Amministrativi di Ariano Irpino.

Due, come da dettami della democrazia vigente, i candidati che hanno riproposto al corpo elettorale Arianese le proprie visioni, prospettive, soluzioni.

A qualcuno sono apparse vuote parole, ad altri neanche interessa approfondire in quanto ‘’tifosi’’.

Abbiamo anticipato alcune indicazioni, caratteristiche ‘’politiche’’ del candidato ideale.

Oggi, domenica 4 ottobre 2020, e domani lunedì 5 ottobre, strisciante la ripresa dei contagi, persistente la confusione sulla corretta informazione degli effetti sulla sanità pubblica del Coronavirus, gli Arianesi, alla pari di cittadini di altri 66 Comuni,si recano alle urne per decidere chi dovrà accollarsi problemi antichi e moderni.

Tematiche non tutte riconducibili al Sars-cov2, tematichedecennali.

Nella prima fase della competizione si è verificata l’abituale confusione di ruoli, di posizionamenti. Programmi altisonanti, dichiarazioni d’amore verso la Comunità e di condivisione delle aspettative collettive.

La Comunità Arianese, defraudata degli Uffici Giudiziari, vuole dimenticare l’Ordinanza Regionale n. 27 del 3 aprile 2020, la n. 33 del 13 aprile 2020, relative alla ‘’gestione’’ del drammatico focolaio di contagio da Sars-Cov2. La ferita resta aperta nei cuori, nella mente di quanti, tanti, troppi, hanno sofferta nel corpo e nello spirito.

Questione aperta, la Sanità sul Tricolle ma, per la valenza territoriale, sulle Comunità Ufitane tutte.

La viabilità interna e di collegamento da e verso il territorio mostra esigenze improcrastinabili che soltanto i residenti vivono con rabbia. Il ‘’forestiero’’, chi vive Arian Irpino con mordi e fuggi non rileva più di tanto.

I parcheggi esistenti e mal o affatto gestiti, insufficienti.

La bonifica di Difesa Grande, telenovela che nasconde o maschera inefficienza o interessi. Il territorio sottomesso a sversamenti illeciti piuttosto che illegali, inquinamento elettromagnetico.

Come molta parte dell’Irpinia.

La Storia negata ai cittadini, ai giovani (studenti e non), ai visitatori: i Musei dovrebbero essere raccoglitori di ‘’foto’’ (cimeli) fruibili in rete e de visu; da decenni non vengono effettuati scavi, ricerche.

Le realtà seminascoste di Contrada S. Eleuterio (AequumTuticum).

Oggi e domani Enrico Franza e Marco La Carità saranno ancora concorrenti al ruolo di Primo Cittadino. Da oggi entrambi sono caricati di responsabilità che il cittadino residente, il viaggiatore, il visitatore pone loro.

Spesso nelle nostre Comunità si è indotti a eleggere chi non vive il quotidiano della cittadinanza tutta, l’abisso che separa la politica dalla società non si colma con le parole.

Occorre qualità di pensiero, dialettica, orizzonte collettivo, coraggio.

Consapevoli che nei prossimi mesi parte del personale dipendente dell’Ente Comune va reintegrato.

La riapertura delle Scuole, necessaria in quanto a didattica, impone gestione accorta e previdente.

Ai Cittadini Arianesi l’invito a utilizzare ogni accortezza nell’uso dei dispositivi di protezione, correttezza

Nell’accesso all’esercizio del diritto/dovere alle urne. Nel quotidiano.

La Comunità con univoca visione del domani può farcela.

Buon voto a tutti!

 

Mostra di sé, Ariano Irpino

Attualità

Coordinamento Provinciale di Forza Italia Avellino:”Quella di Gambacorta e’ una non notizia”

Pubblicato

-

Quella di Gambacorta e’ una non notizia. Gambacorta essendo stato consigliere politico della Carfagna, non ha fatto altro che seguire le orme della stessa. Non vi è alcuna strategia in termini politici di un ipotetico polo moderato in questa scelta. Anche perché l’unica area moderata nella scena politica nazionale, è rappresentata da Forza Italia.
Una scelta, quindi, non dettata da valori, ma semplicemente da tatticismi inutili privi di coerenza.

Continua a leggere

Attualità

Servizi micronido e integrativi al nido-L’Azienda Consortile per le Politiche Sociali pubblica i bandi

Pubblicato

-

L’Azienda Consortile per le Politiche Sociali ha pubblicato gli Avvisi Pubblici per accedere ai Servizi di “Micro Nido” e ai Servizi Integrativi al Nido “Spazio Bambini e Bambine”, per l’anno educativo 2022/2023.

Le singole domande vanno inoltrate tramite la compilazione dello specifico Modulo ON-LINE https://ava1.retedelsociale.it entro le ore 12:00 del 26 Agosto 2022.

Per informazioni e chiarimenti è possibile contattare:

rossella.schiavo@pianosociale-a1.it

0825872441 – 08251930654

Continua a leggere

Attualità

Nel sessantesimo anniversario un libro racconta il terremoto dell’Irpinia e del Sannio del 21 agosto 1962

Pubblicato

-

Raccontare la storia di un terremoto dimenticato a sessant’anni dagli eventi che lo caratterizzarono. È questo l’obiettivo di “21 agosto 1962. Storia e memoria di un terremoto dimenticato”, opera del giornalista Alessandro Mazzaro e dello scrittore Angelo Coscia che punta a ricostruire le vicende che interessarono il sisma che nel 1962 colpì Irpinia e Sannio provocando 20 vittime e oltre 16mila sfollati.

Il libro, edito da Albatros Edizioni, prova a ricostruire quella storia utilizzando un doppio registro: storico e narrativo. In parallelo al racconto cronachistico di quei giorni, curato da Alessandro Mazzaro, corre infatti la narrazione di un ragazzo di quelle zone, narrata da Angelo Coscia. A curare la prefazione, invece, è Costantino Vassallo, ingegnere e storico dell’arte.

Quello del 21 agosto 1962 è un terremoto che smitizza la retorica del “miracolo economico”, riportando coi piedi per terra coloro che credevano che il modello di sviluppo del boom si fosse diffuso a macchia d’olio su tutto il territorio nazionale.

Il primo di una lunga serie di risvegli dagli inebrianti ed ottimistici sogni dell’epoca. C’è un filo sottile che collega, non solo dal punto di vista geologico, i terremoti del 1930 (oltre mille morti), quello del 1962 e quello del 1980: partendo da una tale consapevolezza il volume punta a ricostruire la complessità in cui operano i vari elementi di sviluppo e di arretratezza in Campania ed in parte del Sud Italia.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti