Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

La nuova stagione di tutela del Territorio e dei Beni Culturali dell’Arianese

Grazia Vallone

Pubblicato

-

I ritrovamenti emersi dai sondaggi di scavo nel cantiere Terna in prossimità della masseria “La spirinia”, hanno portato alla ribalta la questione degli studi archeologici del nostro territorio; questione mai dimenticata dai cultori della storia locale, ma accantonata per anni nella programmazione provinciale.

La grande stagione degli scavi archeologici che ha fatto emergere l’Irpinia del sottosuolo è terminata da decenni. Un’ intera generazione di archeologi aveva rinvigorito le fonti della storia irpina, da Avellino, Carife, Ariano della Starza e infine Aequum Tuticum sino ai cantieri medievali del prof Marcello Rotili con gli scavi condotti nei castelli di Montella, Rocca San Felice e Ariano degli anni ’90. Personalità del calibro di Jovannosky e C. Albore Livadie riportavano alla luce insospettabili tesori come il tempio delle acque di Casalbore e l’insediamento della Starza, già noto negli anni ‘50 agli studiosi britannici, fautori dell’archeologia preistorica.

L’area tra il fiume Cervaro e la zona di penetrazione sannita in prossimità del Taburno si dimostrava ricco di frequentazioni dall’età preistoriche secondo la direttrice del displuvio e denso di percorsi tratturali convertiti nei tracciati delle strade romane dalla più antica Minucia fino alla Traiana, emblema dell’ avvenuta sottomissione delle popolazioni pre-romane al giogo di Roma.

La tomba della cosiddetta “principessa” di Bisaccia, dimostrazione della rilevanza dei commerci lanieri gestiti dalle donne e diretti verso la costa tirrenica grecizzata attraverso la via istmica, esprime una stratificazione complessa e affascinante per i rimandi e la longevità degli insediamenti umani nei nostri territori. La scoperta a sant’Eleuterio del sito di probabile origine sannita e di conversione romana, testimonianza della sovrapposizione dei municipia e dei vicus agli insediamenti sanniti, coincidente con la città di Aequum Tuticum a cui fa risalire l’origine di Ariano, lo storico del XVIII sec. Tommaso Vitale, apre una pagina importante nella geografia urbana di questo settore dell’Italia meridionale. Il sito probabilmente fu il punto di arrivo dei primi vescovi itineranti che attraverso la celebrazione del battesimo diffusero il cristianesimo in tempi remoti nelle contrade meridionali. Una delle questioni più interessanti è il sistema viario che insisteva nella zona con la sovrapposizione dei percorsi preistorici dei tratturi e le vie romane fino all’incrocio della via Appia proveniente da Aeclanum. La scoperta di emergenze architettoniche durante i sondaggi di scavo preliminari al cantiere per la realizzazione dell’elettrodotto Terna in località Lasprinia e prossima al tracciato della Traiana e separato da una collina da Aequum Tuticum, riapre la questione della tutela e valorizzazione del vasto territorio di Ariano e del suo enorme patrimonio etnoantropologico. Gli interventi di tutela e l’auspicabile apertura di una nuova stagione di scavi archeologici nel nostro territorio e l’ampliamento delle collezioni del nostro Antiquarium potrebbero segnare una nuova fase di valorizzazione della nostra terra in concomitanza con l’inaugurazione del Distretto culturale con sede nel Palazzo Bevere.

È tempo di continuare l’opera di conoscenza e di conservazione del nostro territorio iniziata da alcuni pionieri che da appassionati archeologi ante litteram si fecero cultori e gelosi custodi della nostra storia.

Attualità

Il giro d’Italia ignora il Sud

Antonio Bianco

Pubblicato

-

Lo definiscono Giro d’Italia ma non attraversa la costa tirrenica né la Calabria e le Isole. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Emergenza Covid in Irpinia-Somministrate 1284 dosi di vaccino sull’intera provincia

redazione

Pubblicato

-

Sono state somministrate presso i Centri Vaccinali anti-covid dell’Asl di Avellino tot. 1.284 dosi di vaccino così suddivise: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Emergenza Covid in Campania-Scuole chiuse fino al 14 marzo

redazione

Pubblicato

-

Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da
COVID-19.
Ordinanza ai sensi dell’art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978,
n.833 in materia di igiene e sanità pubblica e dell’art. 3 del decreto-legge 25 marzo
2020, n. 19. Disposizioni urgenti relative alle attività didattiche.

(altro…)

Continua a leggere

Più letti