Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Emergenza Covid19 – Dica 33

Federico Barbieri

Pubblicato

-

Alzi la mano chi non conosce l’espressione del medico di medicina generale (o medico di famiglia o di base) ‘’dica 33’’ oppure ‘’tossisca..ancora..’’

Traducendo, il medico dà una valutazione di qualità a quello che ‘’sente’’.

Il professor Saggio (il cognome la dice tutta..), Giovanni Saggio ricercatore del Policlinico di Tor Vergata, Roma, ritiene si possa individuare, dalla voce del paziente al telefono, l’avvenuto contagio da Sars-Cov2.

A parere del prof. analizzando 6.370 parametri è possibile.

La notizia è stata lanciata da Adnkronos.

La squadra di lavoro, Voice Wise, ha sperimentato con successo il metodo su 150 pazienti e la percentuale di riscontro supera il 90%.

A differenza del ‘’dica 33’’, il metodo del prof. Saggio offre una valutazione quantitativa, associa numeri a quanto viene registrato nella telefonata; confronta i parametri e il risultato è (..sarebbe..) la presenza della patologia e lo stadio in cui si trova.

‘’Registrando i campioni di voce dei malati di Covid e di quelli sani, abbiamo rilevato quali parametri differenziano i due tipi e abbiamo lavorato sulle differenze. La voce è il risultato di tre fattori importanti: la fisiologia, la psicologia e le patologie della stessa. Questi tre fattori danno caratteristiche diverse alla voce del paziente”, ha spiegato il prof. Saggio.

Il test della voce ha individuato, in due casi, la positività di pazienti risultati negativi al tampone. La cui positività sarebbe stata poi confermata dal test sierologico.

Lo studio non è operativo e al momento riguarda solo le persone con sintomi, le quali presentano un’alterazione della voce.

Un altro studio italiano ha cercato di capire perché alcuni malati Covid sono più gravi. E’ stato analizzato un particolare tipo di molecole che interagiscono con il coronavirus.

La ricerca, coordinata da Elvira Grandone, responsabile dell’Unità di Ricerca Emostasi e Trombosi dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo di Foggia, ha consentito di capire che la ridotta presenza della proteina Adamts13, determina maggiore mortalità.

I pazienti affetti dal Sars-Covid2 hanno come sintomo comune un’infiammazione del rivestimento interno dei vasi sanguigni. Il grado di danni di questo rivestimento può compromettere, nelle sue forme più gravi, il polmone, a causa di coaguli all’interno dei vasi sanguigni, provocando quella che tecnicamente è definita “microangiopatia trombotica”.

I ricercatori hanno scoperto che la presenza in quantità più o meno maggiore della proteina può essere considerata il “termometro” della Covid-19.

Bastano 12 minuti per scoprire se una persona è positiva e se ha sviluppato anticorpi al Sars-Cov2. Indicando persino la carica virale. Parliamo del nuovo test messo a punto dalla Menarini Diagnostic. La strumentazione è trasportabile anche fuori dai laboratori. Viene effettuato un tampone nasofaringeo, il test rileva la presenza dell’antigene e consente l’utilizzo come test sierologico misurare la quantità di anticorpi IgM/IgG nel sangue.

Confidiamo nel lavoro di questi eccellenti ricercatori italiani.

Se tutto va bene, ce la faremo!

Attualità

Carcere Ariano – La segreteria SiNAPPe annuncia l’arrivo di 5 unità presso la struttura di Ariano

redazione

Pubblicato

-

La Segreteria Provinciale del SiNAPPe, il Sindacato Nazionale Autonomo della Polizia Penitenziaria, ha  annunciato (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Conte ha firmato il nuovo DPCM, entrerà in vigore domani

redazione

Pubblicato

-

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Emergenza Covid in Irpinia – Oggi 18 positivi in provincia, ecco dove

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 808 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 18 persone: (altro…)

Continua a leggere

Più letti