Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Emergenza Covid19 – Dica 33

Pubblicato

-

Alzi la mano chi non conosce l’espressione del medico di medicina generale (o medico di famiglia o di base) ‘’dica 33’’ oppure ‘’tossisca..ancora..’’

Traducendo, il medico dà una valutazione di qualità a quello che ‘’sente’’.

Il professor Saggio (il cognome la dice tutta..), Giovanni Saggio ricercatore del Policlinico di Tor Vergata, Roma, ritiene si possa individuare, dalla voce del paziente al telefono, l’avvenuto contagio da Sars-Cov2.

A parere del prof. analizzando 6.370 parametri è possibile.

La notizia è stata lanciata da Adnkronos.

La squadra di lavoro, Voice Wise, ha sperimentato con successo il metodo su 150 pazienti e la percentuale di riscontro supera il 90%.

A differenza del ‘’dica 33’’, il metodo del prof. Saggio offre una valutazione quantitativa, associa numeri a quanto viene registrato nella telefonata; confronta i parametri e il risultato è (..sarebbe..) la presenza della patologia e lo stadio in cui si trova.

‘’Registrando i campioni di voce dei malati di Covid e di quelli sani, abbiamo rilevato quali parametri differenziano i due tipi e abbiamo lavorato sulle differenze. La voce è il risultato di tre fattori importanti: la fisiologia, la psicologia e le patologie della stessa. Questi tre fattori danno caratteristiche diverse alla voce del paziente”, ha spiegato il prof. Saggio.

Il test della voce ha individuato, in due casi, la positività di pazienti risultati negativi al tampone. La cui positività sarebbe stata poi confermata dal test sierologico.

Lo studio non è operativo e al momento riguarda solo le persone con sintomi, le quali presentano un’alterazione della voce.

Un altro studio italiano ha cercato di capire perché alcuni malati Covid sono più gravi. E’ stato analizzato un particolare tipo di molecole che interagiscono con il coronavirus.

La ricerca, coordinata da Elvira Grandone, responsabile dell’Unità di Ricerca Emostasi e Trombosi dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo di Foggia, ha consentito di capire che la ridotta presenza della proteina Adamts13, determina maggiore mortalità.

I pazienti affetti dal Sars-Covid2 hanno come sintomo comune un’infiammazione del rivestimento interno dei vasi sanguigni. Il grado di danni di questo rivestimento può compromettere, nelle sue forme più gravi, il polmone, a causa di coaguli all’interno dei vasi sanguigni, provocando quella che tecnicamente è definita “microangiopatia trombotica”.

I ricercatori hanno scoperto che la presenza in quantità più o meno maggiore della proteina può essere considerata il “termometro” della Covid-19.

Bastano 12 minuti per scoprire se una persona è positiva e se ha sviluppato anticorpi al Sars-Cov2. Indicando persino la carica virale. Parliamo del nuovo test messo a punto dalla Menarini Diagnostic. La strumentazione è trasportabile anche fuori dai laboratori. Viene effettuato un tampone nasofaringeo, il test rileva la presenza dell’antigene e consente l’utilizzo come test sierologico misurare la quantità di anticorpi IgM/IgG nel sangue.

Confidiamo nel lavoro di questi eccellenti ricercatori italiani.

Se tutto va bene, ce la faremo!

Attualità

Giornata scientifica del Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia-Valore strategico di tutela delle denominazioni d’origine

Pubblicato

-

La XIV edizione della giornata scientifica del Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia si svolge il 10 dicembre 2021, presso l’aula magna del Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino. Tema della giornata sarà il valore strategico e le esigenze di tutela delle denominazioni d’origine.

Dopo poco più di 50 anni dai primi riconoscimenti in Italia dei vini a denominazione d’origine, il settore vitivinicolo italiano si presenta sul mercato nazionale e internazionale con 77 vini DOCG, 332 vini DOC e 118 vini IGT. Un patrimonio di identità che porta sul mercato l’88 dell’offerta nazionale. La giornata di studio di quest’anno vuole essere un’occasione di riflessione sul valore strategico delle denominazioni e sulle crescenti esigenze di tutela da minacce che, in un mercato sempre più caratterizzato dagli scambi internazionali, diventano sempre più frequenti e multiformi.

L’evento vedrà la partecipazione del Magnifico Rettore dell’Ateneo federiciano, il Prof. Matteo Lorito, dei Professori Danilo Ercolini – Direttore del Dipartimento di Agraria-, Angelita Gambuti – Coordinatrice dei Corsi di Laurea in Viticoltura ed Enologia e in Scienze Enologiche, Giuseppe Blaiotta – Presidente Sezione della Vigna e del Vino, Giuseppe Cringoli – Presidente della Scuola di agraria e veterinaria dell’Ateneo federiciano, Raffaele Coppola – Fondazione Italiana per gli Studi sul Vino, i dottori Roberto Di Meo – Presidente Assoenologi Campania, Angelo Frattolillo – Confagricoltura Avellino, Antonio Capone – Presidente Ordine agronomi e forestali di Avellino, Domenico Biancardi – Presidente della Provincia di Avellino.

Interverranno: il prof. Eugenio Pomarici – ordinario di Economia Agraria, Università degli studi di Padova, il dott. Michele Alessi – Direttore Ufficio PIVE VII Settore vitivinicolo -MIPAAF, la dott.ssa Simona Lamorte – MIPAAF, la dott.ssa Elvira Bortolomin – Presidente Consorzio del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG.

Il Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino, oltre ad ospitare l’evento, curerà un intervento musicale dal vivo. Moderatore della giornata sarà il Prof. Boris Basile, Università Federico II. Il vino dell’Anno Accademico, uno shiraz, sarà presentato dal prof. Luigi Moio, Università Federico II.

Continua a leggere

Attualità

Zaia-Gelmini tramano contro l’Unità e la coesione Nazionale

Pubblicato

-

La lunga strada della separazione del Nord dal Sud prosegue sotto traccia. La Ministra per gli affari regionali e le autonomie Mariastella Gelmini è sorvegliata a vista dal doge Zaia, come cospiratori nulla fanno trapelare sul disegno dell’autonomia regionale differenziata portato avanti nelle segrete stanze. Il progetto proposto con un referendum dal Veneto e dalla Lombardia, condiviso dall’Emilia Romagna, è in dirittura d’arrivo, sarà approvato quale collegato alla legge di bilancio entro la fine dell’anno. Prima di completare la frantumazione della Nazione vi sarà il passaggio in parlamento, organo, oramai, esautorato del potere di emendare e di porre un freno al progetto della destra leghista ed accolto, a braccia aperte, dalla sinistra padronale tosco-emiliana. Forse passeranno due anni prima di completare l’iter, dopo di che sarà ridisegnata la struttura politica della Nazione, rendendo definitive le sperequazioni socio-economiche fra le due macro aree, rese ancor più acute dalla migrazione dei giovani e dalla popolazione che invecchia con pochi servizi e senza alcuna speranza di migliorare le condizioni di vita.

Lo scenario era chiaro all’Europa, senza il Sud l’economia italiana non poteva ripartire, era in gioco il destino e la sopravvivenza dell’area euro e, per tal motivo, l’Italia riceverà con il PNRR (Piano nazionale di Ripresa e Resilienza) una consistente dotazione finanziaria di circa 209 miliardi, dei quali l’UE aveva destinato circa 140 miliardi per le infrastrutture nel Meridione, ridotti dal governo italiano a 80 miliardi. Il confronto fra le forze politiche italiane disconosce la centralità del Mezzogiorno indispensabile per la rinascita del Paese. Si prosegue con il progetto, unto e bisunto, di fornire consistenti risorse finanziarie alla locomotiva del Nord sperando che traini i vagoncini meridionali verso la ripresa economica. Progetto che sin ad ora ha mostrato tutti i suoi limiti senza che fossero rimossi gli ostacoli sociali ed infrastrutturali che impediscono la rinascita del Meridione. I denari del PNRR sono una ghiotta occasione per far volare l’economia italiana e rimettere in moto quella meridionale. Sul tema e sulle modalità di redistribuzione delle risorse finanziarie del PNRR è intervenuta la Corte dei Conti secondo la quale tali risorse non dovranno essere allocate con il criterio della spesa storica ma definendo ed approvando i LEP (Livelli Essenziali delle Prestazioni) necessari a mitigare la sperequata assegnazione dei soldi al Meridione. DalQuirinale non giunge alcun commento, mai come ora,necessario. Il richiamo all’Unità ed alla coesione dellaNazione non può essere un atto formale, diversamente, se, ancora una volta, saranno disconosciuti i diritti di cittadinanza di 21 milioni di cittadini, scivoleremo su un crinale senza fondo e nessuno si salverà.

Continua a leggere

Attualità

Provincia-Concerto dell’Immacolata nella Chiesa del Rosario. Appuntamento domani alle 19,30

Pubblicato

-

La Provincia di Avellino con la Fondazione Sistema Irpinia e la Diocesi di Avellino hanno organizzato per domani – mercoledì 8 dicembre – alle ore 19.30, un concerto gospel. Nella suggestiva cornice della Chiesa del Rosario di corso Vittorio Emanuele ad Avellino si terrà l’esibizione del coro DNA, diretto dal maestro Angelo Abate.

Il coro, composto da 27 elementi, eseguirà un vasto repertorio di brani natalizi internazionali e canti gospel.

Al termine del concerto, nella vicina piazza Biagio Agnes, seguirà l’accensione dell’albero di Natale nell’ambito dell’iniziativa “il Pino Irpino 2021” che conclude il suo tour.

A tutela della salute e della tranquillità di tutti, l’evento si svolgerà nel rigoroso rispetto delle regole previste dalle normative anti-covid.

Accesso consentito fino ad esaurimento posti.

Continua a leggere

Più letti