Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Assad: “Firmeremo Convenzione e consegneremo armi chimiche”

Avatar

Pubblicato

-

La Siria ha accettato il piano russo per la messa sotto controllo internazionale delle armi chimiche. “Ma non perché temiamo la minaccia Usa”. Lo ha detto il presidente siriano Bashar al Assad in un’intervista con il canale Russia 24 annunciando che saranno inviati alle Nazioni Unite i documenti necessari alla firma della Convenzione internazionale che bandisce le armi chimiche.

Un appello alla cautela era stato lanciato dal presidente russo Vladimir Putin sul New York Times. A 24 ore dal discorso alla nazione del presidente americano Barack Obama, Putin sceglie il giornale liberal per rivolgersi a Washington e agli americani e presentare la sua versione dei fatti sulla Siria accusando i ribelli di aver usato le armi chimiche. E’ la cornice politica in cui si muoverà oggi il suo ministro degli Esteri, Serghei Lavrov, quando incontrerà il capo del dipartimento di Stato Usa John Kerry a Ginevra per il primo faccia a faccia sul piano russo per la Siria.

Putin afferma: la Russia “non sta proteggendo il governo siriano ma la normativa internazionale”. E mette in guardia sulle conseguenze di un potenziale attacco americano contro Damasco, che sarebbe, senza l’appoggio dell’Onu, un “atto di aggressione”. Putin ribadisce che “non c’è dubbio che gas” chimico “sia stato usato in Siria. ma ci sono ragioni per ritenere – afferma il presidente russo – che non sia stato l’esercito siriano ma le forze dell’opposizione per provocare un intervento” di potenze straniere che, così, “si allineerebbero con i fondamentalisti”. “Dobbiamo smetterla di usare il linguaggio della forza e tornare sulla strada della diplomazia. Una nuova opportunità per evitare un’azione militare è emersa negli ultimi giorni. Gli Stati Uniti, la Russia e tutti i membri della comunità internazionale devono trarre vantaggi dalla volontà del governo siriano a mettere l’arsenale chimico sotto il controllo internazionale per una successiva distruzione”.

Nuovi decisivi elementi di giudizio potrebbero emergere lunedì prossimo, se come annuncia il ministro degli Esteri Laurent Fabius, sarà reso pubblico il rapporto degli ispettori Onu sugli attacchi con armi chimiche, compreso quello del 21 agosto che ha aperto la strada alla reazione americana.

 

 

Fonte “La Repubblica”
Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Covid in Irpinia-11 persone positive in provincia

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 518 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 11 persone: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Confesercenti, Marinelli: puntare sulla campagna vaccinale, per evitare nuove chiusure

redazione

Pubblicato

-

Il commercio, in Irpinia come nel resto del Paese, sta cercando di risalire la china, dopo la difficile fase di emergenza. E’ necessario però che non vengano meno gli aiuti delle istituzioni e che si scongiurino nuove chiusure. Per queste ragioni,  bisogna accelerare sulla campagna di vaccinazione, confidando sul senso di responsabilità dei cittadini. Non escludiamo l’ipotesi Green pass, anche se rischia di avere effetti negativi per le attività”. Ad affermarlo è Giuseppe Marinelli, presidente provinciale di Confesercenti. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Nasce il primo gruppo di sostenitori del bollino blu. Le e I “Custodi del bollino blu”

redazione

Pubblicato

-

Le e i custodi del bollino blu sono messaggeri di un principio reso concreto attraverso l’adozione gratuita del bollino blu. (altro…)

Continua a leggere

Più letti