Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Taglio del nastro per Cioccolariano. Ciro Maiorano: “Il cioccolato fa bene”.

Pubblicato

-

Gremita dalle famiglie la tendostruttura in piazza Plebiscito per il taglio del nastro di Cioccolariano ad opera del grande Maitres Chocolatiers Ciro Maiorano alla presenza del Sindaco, Antonio Mainiero, del vicepresidente del Centro Commerciale Naturale Ariano Centro Storico, Andrea Sampietro e di altri componenti della Giunta e del Consorzio.

Per essere una prima edizione è una manifestazione veramente bella.- ha affermato il maestro Maiorano- Ne ho visti di eventi di questo genere ma devo dire che Cioccolariano è stata organizzata veramente bene. Complimenti al Consorzio Ariano Centro Storico. Ritengo che questa rassegna possa avere un futuro e possa contribuire a coltivare la tradizione per il cioccolato che al sud manca un po’ e divulgare ancora di più la cultura su questo cibo degli dei”. Maiorano nel corso della tre giorni terrà delle lezioni. Eseguirà torte a tema con il cioccolato plastico dedicate a diverse tipologie di evento. Delle vere e proprie sculture come la torta ispirata alla favola di Biancaneve e i sette nani già esposta nella tendostruttura. Ma il maestro del cioccolato ci tiene a sfatare il fatto che la cioccolata faccia male anzi…:“Il cioccolato non fa ingrassare, basta non eccedere come per tutti gli alimenti. Io ho la passione per il cioccolato, sono goloso e lo mangio senza esagerare. Anzi il cioccolato ha delle importanti proprietà, specialmente il fondente, è antiossidante e fa bene all’umore. Abituiamo i bambini a preferire il fondente rispetto a quello al latte”.

Hanno stupito il pubblico per bellezza e caratteristiche decorative, praticamente da professionisti, le torte esposte per il concorso “La torta bellissima 2013” ed è già iniziata la corsa a votare la preferita. Le famiglie si sono poi riversate lungo le strade del centro alla scoperta di stand ricchi di golosità e bancarelle di svariato genere.

Folla anche nella sala convegni del Palazzo degli Uffici dove gli alunni della scuola secondaria di primo grado “Aurelio Covotta” hanno presentato il progetto “Noi siamo quello che mangiamo” ripercorrendo i pregi della dieta mediterranea riconosciuta dall’Unesco “Patrimonio immateriale dell’umanità” e dove gli studenti ed i docenti dell’Istituto Superiore Alberghiero hanno presentato un loro volume di ricette oltre a servire un impeccabile buffet.

E per domani, sabato 20 aprile, il programma di Cioccolariano risulta particolarmente intenso e goloso. Gli stand e le botteghe dei maestri cioccolatieri esporranno le loro leccornie al pubblico dalle ore 10,00 alle 22,00. Numerosi i momenti di workshop e dimostrazioni pratiche.

A partire dalle ore 10,00 nella Sala 1 della tendostruttura: percorso dimostrativo per gli Istituti scolatici, visita a “Cioccolariano”, dimostrazione e realizzazione di Muffin al cioccolato e brownies; mentre nella Sala 2 Children Cake “Fantasie decorative” dimostrazioni di decorazioni di torte dedicate ai bambini

Nel pomeriggio a partire dalle ore 16,00 e fino alle 22,00 nella Sala 1: “Pasticciamo insieme”, realizzazione di lollipops, grissini al cioccolato e tanto altro per i bambini, mentre per i grandi: dimostrazioni di moelleux au chocolat, panna cotta b-gusto, torta sacher, simili baci. Nella Sala 2 invece dalle ore 16,00 alle 18,00 tecniche per torte da cerimonia e alle ore 18,00 la realizzazione de “i tre colli di profitteroles” con assaggio gratuito per tutti.

Da non perdere, alle 20,00, presso l’atrio di Palazzo Cozzo, in via Tribunali, “Il cioccolato ed il giusto bicchiere (e l’ammazza cioccolato: il Toscano)” un gioco di degustazione e abbinamento di diversi tipi di cioccolato con vini e distillati a cura dell’Ais (associazione italiana sommeliers) di Avellino. La partecipazione è gratuita ma a numero chiuso, quindi è necessario prenotarsi presso il punto informativo in piazza Plebiscito.

A corso Europa poi, presso la sede DNA, mostra di locandine d’epoca sul cioccolato e proiezioni di documentari sul cacao.

Nell’arco della giornata tanta animazione per i bambini, ci sarà Willy Wonka nella factory di cioccolata, i mangiafuoco che tenteranno di sciogliere la cioccolata, la gara di dama con le pedine rigorosamente di cioccolato, giostrine, teatrino dei burattini e molte altre attività.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Ad Ariano partono i mercati agroalimentari nei Rioni di Cardito e Martiri

Pubblicato

-

L’Amministrazione Comunale di Ariano Irpino con delibera di Giunta n. 283 del 23.11.2021, ha dato le direttive per l’istituzione di n. 2 mercati agroalimentari nei Rioni periferici Cardito e Martiri, per un periodo sperimentale di un anno.

Si inizia sabato 2 luglio a Cardito e lunedì 4 luglio ai Martiri.

I due mercati si terranno ogni sabato nel Rione Cardito (area antistante il Palazzetto dello Sport) e ogni lunedì nel Rione Martiri (area di
sosta laterale alla via Caracciolo, adiacente locale “Reset”).

L’intento dell’Amministrazione, d’intesa anche con la Cia di Avellino, è quello di dare priorità alle aziende agricole del territorio, al fine di valorizzare le eccellenze locali, con l’utilizzo di prodotti a chilometri zero.

Continua a leggere

Attualità

Ariano approva l’esenzione canone unico (EX COSAP) dal 01 luglio al 30 settembre per le imprese di pubblico esercizio

Pubblicato

-

Il  31 marzo 2022 è scaduta la proroga dell’esenzione per i pubblici esercizi dal pagamento del Canone Unico Patrimoniale (ex COSAP) stabilita dal Governo con la Legge di Bilancio (art. 1, commi 706-707 della Legge n. 234 del 30/12/2021)  a causa dell’emergenza Covid19.
 
Il Comune di Ariano Irpino ha approvato la proroga dell’esenzione dal 01/07/2022 al 30/09/2022 a favore delle imprese di pubblico esercizio di cui all’art. 5 della L. 25/08/1991 n. 287, titolari di concessioni o di autorizzazioni concernenti l’utilizzazione del suolo pubblico dal pagamento del canone unico patrimoniale ex art. 1, co. 816 e segg., L. 160/2019. 
 
Si rende inoltre noto ai titolari di imprese di pubblico esercizio che, per effetto dell’art. 3-quinquies del D.L. n° 228/2021 (c.d. “Milleproroghe”), convertito, con modifiche, in Legge 25 febbraio 2022, n. 15, è stato prorogato al  30 giugno 2022 il regime semplificato per le autorizzazioni all’occupazione degli spazi ed aree pubbliche.
 
In allegato la  delibera n. 146 del 28 giugno 2022,  con la quale la Giunta Comunale ha approvato le misure a favore dei pubblici esercizi di cui all’art. 5 della legge 25/08/1991, n. 287.

Continua a leggere

Attualità

Questione Castello, la Minoranza:”Nessuna delibera in consiglio”

Pubblicato

-

Nella prima e finora unica dichiarazione rilasciata al Mattino dopo il pasticcio del Castello Normanno, il Sindaco Enrico Franza sostiene che il Consiglio all’unanimità, quindi con i voti anche della minoranza, avrebbe deliberato in data 18/05/2022 di non accettare la donazione del progetto del CESN. Tale affermazione, purtroppo, è falsa. Ed infatti il Consiglio Comunale nulla ha deliberato sul progetto CESN (anche perché non era di sua competenza), ma con la delibera n. 27 ha semplicemente fornito all’Area Tecnica generici indirizzi sul Castello Normanno, volti all’utilizzo dello stesso anche per altre finalità e all’avvio di collaborazioni anche con altri Enti (non meglio identificati) oltre che con il CESN. Nella delibera si legge a chiare lettere che il Consiglio dà indirizzi alla Giunta di procedere alla redazione di un progetto che preveda percorsi, antichi manufatti e altre azioni di recupero, sempre in collaborazione con il CESN. Insomma una semplice dichiarazione di intenti, che non esclude affatto il CESN e il suo progetto, ma anzi parte proprio da esso per promuovere una valorizzazione dell’antico maniero.
La prova di ciò, documentata da questo video ce la dà lo stesso Sindaco, che il 30/05/2022 (quindi successivamente alla delibera) si recó in pompa magna al convegno per il trentennale CESN a ringraziare per la “munificenza” offerta dal CESN alla città, ribadendo l’opportunità di valorizzare il Museo Normanno e offrendo in segno di gratitudine al prof. Troso, anima del progetto, la cittadinanza onoraria.
Questi i fatti. Poi chi vuole arrampicarsi sugli specchi lo faccia pure, ma senza attribuire (anche) ad altri le proprie scelte autolesioniste.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti