Mettiti in comunicazione con noi

News

“Sport: Missione Comune” – 200 milioni per impiantistica sportiva e playground ai Comuni italiani. Incontro a Palazzo Caracciolo con Anci e Istituto per il Credito Sportivo

Pubblicato

-

E’ in programma venerdì prossimo – 7 luglio -, presso Sala Grasso di Palazzo Caracciolo, con inizio alle ore 9.00, l’incontro pubblico promosso per presentare il Protocollo d’Intesa ANCI – Istituto per il Credito Sportivo “SPORT: MISSIONE COMUNE” – 200 MILIONI PER IMPIANTISTICA SPORTIVA E PLAYGROUND AI COMUNI ITALIANI.

L’iniziativa si aprirà con i saluti istituzionali del vice-presidente della Provincia di Avellino delegata allo Sport, Caterina Lengua. Seguiranno gli interventi di
Antonio Ragonesi responsabile ANCI Infrastrutture, Territorio, Politiche ambientali e Sport; Eduardo Gugliotta, responsabile Servizio Incentivi ICS; Domenico Gambacorta, presidente della Provincia di Avellino; Domenico Tuccillo, presidente ANCI Campania; Cosimo Sibilia, presidente LND e componente della Giunta Regionale Coni Campania; Paolo D’Alessio, commissario straordinario dell’Istituto per il Credito Sportivo; Roberto Pella, vice-presidente vicario ANCI Delegato allo Sport e sindaco di Valdengo (BI).

Nel corso dell’incontro verranno presentati dai sindaci di Aquilonia, Ariano Irpino, Gesualdo, Grottaminarda, Lioni, Luogosano, Montefalcione, Montoro, Teora, Vallata e Volturara Irpina i progetti dei Comuni irpini finanziati nel 2016.

La Provincia si conferma la Casa dei Comuni. In tale ottica ospita l’incontro nel corso del quale verranno illustrati i contenuti e le opportunità del protocollo d’intesa tra Anci e Istituto per il Credito Sportivo, dalla diretta voce dei rispettivi vertici e di quelli del Coni. A disposizione nel 2017 ci sono 200 milioni per l’impiantistica sportiva – afferma il presidente Gambacorta -. L’incontro è anche occasione per presentare i progetti degli undici Comuni irpini finanziati lo scorso anno, su un totale di trenta in Campania e 424 in tutta Italia. In assenza di risorse da parte della Regione Campania (la legge regionale n. 42 del 1979 è priva di copertura e non ci sono fondi europei sulla nuova programmazione), i Comuni con un notevole sacrificio hanno puntato sul bando del Credito Sportivo per realizzare nuovi impianti o per ristrutturare quelli esistenti. È un sacrificio perché dal prossimo bilancio le rate vanno restituite. In ogni caso, a fronte di questo, i giovani, gli sportivi e le associazioni sportive potranno godere di nuove strutture in provincia di Avellino. L’iniziativa organizzata a Palazzo Caracciolo è, dunque, anche un giusto riconoscimento ai Comuni irpini virtuosi che hanno avviato in tempi brevissimi gare e lavori”, conclude il presidente Gambacorta.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Covid in Irpinia-38 persone positive oggi in provincia

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 435 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 38 persone:

– 3, residenti nel comune di Aiello del Sabato;

– 1, residente nel comune di Avella;

– 6, residenti nel comune di Avellino;

– 3, residenti nel comune di Baiano;

– 1, residente nel comune di Calabritto;

– 6, residenti nel comune di Monteforte Irpino;

– 2, residenti nel comune di  Montella;

– 3, residenti nel comune di  Preturo Irpino;

– 4, residenti nel comune di Pietradefusi;

– 2, residenti nel comune di San Mango sul Calore;

– 1, residente nel comune di  San Potito Ultra;

– 1, residente nel comune di  Santo Stefano del Sole;

– 1, residente nel comune di  Scampitella;

– 1, residente nel comune di  Solofra;

– 1, residente nel comune di  Sorbo Serpico;

– 1, residente nel comune di  Taurano;

– 1, residente nel comune di  Venticano.

L’Azienda Sanitaria Locale ha avviato indagine epidemiologica sui contatti dei casi positivi.

Continua a leggere

Attualità

Furto d’acqua ad Ariano, denunciato dai carabinieri

Pubblicato

-

I Carabinieri della Stazione di Ariano Irpino hanno denunciato un uomo della Città del Tricolle, ritenuto responsabile di furto aggravato. Lo stesso aveva trovato il modo per “risparmiare” sulla bolletta dell’acqua.

Il sopralluogo eseguito con l’ausilio di personale specializzato della società fornitrice del servizio idrico, ha permesso di accertare che era stato rimosso il sigillo posto sul contatore dell’abitazione ed effettuato un allaccio abusivo al fine di collegare l’impianto domestico direttamente alla rete pubblica dell’acqua potabile. 

Veniva così guadagnata illecitamente la fornitura di acqua ed eluso il pagamento delle bollette. In considerazione delle evidenze emerse, il 60enne è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Benevento.

Continua a leggere

Attualità

Ciampi (M5S): Hub vaccinali chiusi, Morgante rinnovi i contratti a infermieri e amministrativi per favorire le vaccinazioni

Pubblicato

-

“Mi colpisce molto l’appello che il presidente dell’ordine dei medici di Avellino Francesco Sellitto ha fatto all’Asl: aprire subito tutti i centri vaccinali della provincia. Come mi colpisce il richiamo a vaccinarsi di un medico simbolo come Nuccio Sanseverino che ha spiegato come sia necessario non tagliare i fondi per la sanità.

Mi unisco a loro e ribadisco il mio impegno in commissione Sanità alla Regione. Confermo anche che è indispensabile che vadano riaperti tutti e 22 i centri vaccinali della provincia.
Ma vediamo come stanno le cose. Gli hub vaccinali aperti attualmente sono tra i sette e i dieci: troppo pochi.
A marzo e aprile di quest’anno l’Asl ha pubblicato avvisi e bandi per la manifestazione di interesse rivolti ad amministrativi ed infermieri per il reclutamento di personale per i centri anticovid della provincia. Contratti della durata di sei mesi eventualmente rinnovabili.
I sei mesi sono passati e ora manca personale agli hub. Come ha specificato il presidente Sellitto, non essendo stati rinnovati i contratti agli operatori sanitari assunti tramite manifestazione di interesse, la maggior parte dei centri vaccinali resta chiusa. Invito il manager dell’Asl di Avellino ad attivarsi per stipulare immediatamente nuovi contratti. 
Per completare la terza dose, per consentire a chi non ha fatto prima e seconda dose di vaccinarsi, è indispensabile che gli hub vaccinali siano aperti 12 ore al giorno nei 22 centri individuati in provincia di Avellino. 
L’emergenza non è terminata e i fondi della sanità vanno spesi per  completare la copertura vaccinale. La manager  attinga subito alle graduatorie e stipuli i nuovi contratti,  risparmiandoci gli spettacoli a cui abbiamo assistito: lunghe file di persone sotto la pioggia ad attendere la dose”.

Continua a leggere

Più letti