Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

SICUREZZA SISMICA DEI FABBRICATI: SE NE DISCUTE AD AVELLINO

Pubblicato

-

Mercoledi 21 marzo, con inizio alle ore 10,00, si svolgerà presso la sala convegni dell’Hotel De La Ville, il
convegno “Le innovazioni introdotte dalle NTC 2018 – Sicurezza sismica delle costruzioni” organizzato dal
Genio Civile di Avellino e dagli Ordini professionali degli Ingegneri e degli Architetti della provincia.
All’appuntamento, oltre ai saluti introduttivi della dott. ssa Claudia Campobasso, Dirigente del Genio Civile
di Avellino, e dei Presidenti degli Ordini, ing. Luigi Masi e arch. Erminio Petecca, saranno presenti i massimi
esperti a livello nazionale: il prof. Edoardo Cosenza, Ordinario della Federico II ed ex assessore ai LL.PP.
della Regione Campania, il prof. Mauro Dolce, Direttore Generale del Dipartimento della Protezione Civile
Nazionale, altri docenti universitari prof. Andrea Prota e prof. Gianfranco Urciuoli (Federico II), e il prof.
Faella e il prof. Ascione (Università di Salerno).
Si tratta di una occasione importante di confronto sullo stato delle costruzioni in provincia di Avellino e
sulla vulnerabilità degli edifici: su quanto si sia già fatto in termini di edilizia antisismica, sia nuove
costruzioni e ricostruzioni post terremoto, che interventi su costruzioni esistenti, e su quanto ancora ci sia
da fare, soprattutto sul costruito risalente agli anni ’50 – ’70 o antecedente, edificato prima dell’entrata in
vigore delle norme antisismiche.
Il giorno dopo, in fatti, il 22 marzo, entrano in vigore le nuove norme tecniche per le costruzioni, che
dedicano particolare attenzione proprio agli interventi sulle costruzioni esistenti, privilegiando gli interventi
di miglioramento sismico rispetto al competo adeguamento.
In particolar modo si affronta la spinosa questione degli interventi strutturali sulle scuole e sulle opere
strategiche (ponti, sedi di protezione civile, ospedali, caserme, ecc.), per le quali non si impone il completo
adeguamento antisismico alle norme vigenti ma sono consentiti interventi che garantiscano il
raggiungimento di un grado di sicurezza pari ad almeno il 60%. Queste opere sono comunque considerate
adeguate quanto si raggiunge un grado di sicurezza pari almeno all’80%.
Per gli edifici privati, al fine di incentivare gli interventi soprattutto sui condomini, anche avvalendosi del
sisma bonus, si consente di intervenire in maniera graduale, consentendo il miglioramento sismico
dell’edificio con aumento del grado di sicurezza di almeno il 10%. Si rammenta che in caso di completo
adeguamento antisismico dei fabbricati, è necessario raggiungere un grado di sicurezza del 100%.
Per le costruzioni abusive, invece, si impone sempre la preventiva valutazione della sicurezza al fine di
accertare il grado di vulnerabilità dell’edificio rispetto alle norme antisismiche.
L’Irpinia è un’area particolarmente esposta al rischio sismico e il tema della sicurezza sismica del patrimonio
edilizio rimane uno dei temi più importanti, rispetto al quali l’attenzione delle istituzioni continua a
rimanere alto, con l’auspicio che gli interventi di messa a norma, anche usufruendo delle misure di
agevolazione esistenti, possano interessare un numero sempre maggiore di edifici.

Attualità

Ad Ariano partono i mercati agroalimentari nei Rioni di Cardito e Martiri

Pubblicato

-

L’Amministrazione Comunale di Ariano Irpino con delibera di Giunta n. 283 del 23.11.2021, ha dato le direttive per l’istituzione di n. 2 mercati agroalimentari nei Rioni periferici Cardito e Martiri, per un periodo sperimentale di un anno.

Si inizia sabato 2 luglio a Cardito e lunedì 4 luglio ai Martiri.

I due mercati si terranno ogni sabato nel Rione Cardito (area antistante il Palazzetto dello Sport) e ogni lunedì nel Rione Martiri (area di
sosta laterale alla via Caracciolo, adiacente locale “Reset”).

L’intento dell’Amministrazione, d’intesa anche con la Cia di Avellino, è quello di dare priorità alle aziende agricole del territorio, al fine di valorizzare le eccellenze locali, con l’utilizzo di prodotti a chilometri zero.

Continua a leggere

Attualità

Ariano approva l’esenzione canone unico (EX COSAP) dal 01 luglio al 30 settembre per le imprese di pubblico esercizio

Pubblicato

-

Il  31 marzo 2022 è scaduta la proroga dell’esenzione per i pubblici esercizi dal pagamento del Canone Unico Patrimoniale (ex COSAP) stabilita dal Governo con la Legge di Bilancio (art. 1, commi 706-707 della Legge n. 234 del 30/12/2021)  a causa dell’emergenza Covid19.
 
Il Comune di Ariano Irpino ha approvato la proroga dell’esenzione dal 01/07/2022 al 30/09/2022 a favore delle imprese di pubblico esercizio di cui all’art. 5 della L. 25/08/1991 n. 287, titolari di concessioni o di autorizzazioni concernenti l’utilizzazione del suolo pubblico dal pagamento del canone unico patrimoniale ex art. 1, co. 816 e segg., L. 160/2019. 
 
Si rende inoltre noto ai titolari di imprese di pubblico esercizio che, per effetto dell’art. 3-quinquies del D.L. n° 228/2021 (c.d. “Milleproroghe”), convertito, con modifiche, in Legge 25 febbraio 2022, n. 15, è stato prorogato al  30 giugno 2022 il regime semplificato per le autorizzazioni all’occupazione degli spazi ed aree pubbliche.
 
In allegato la  delibera n. 146 del 28 giugno 2022,  con la quale la Giunta Comunale ha approvato le misure a favore dei pubblici esercizi di cui all’art. 5 della legge 25/08/1991, n. 287.

Continua a leggere

Attualità

Questione Castello, la Minoranza:”Nessuna delibera in consiglio”

Pubblicato

-

Nella prima e finora unica dichiarazione rilasciata al Mattino dopo il pasticcio del Castello Normanno, il Sindaco Enrico Franza sostiene che il Consiglio all’unanimità, quindi con i voti anche della minoranza, avrebbe deliberato in data 18/05/2022 di non accettare la donazione del progetto del CESN. Tale affermazione, purtroppo, è falsa. Ed infatti il Consiglio Comunale nulla ha deliberato sul progetto CESN (anche perché non era di sua competenza), ma con la delibera n. 27 ha semplicemente fornito all’Area Tecnica generici indirizzi sul Castello Normanno, volti all’utilizzo dello stesso anche per altre finalità e all’avvio di collaborazioni anche con altri Enti (non meglio identificati) oltre che con il CESN. Nella delibera si legge a chiare lettere che il Consiglio dà indirizzi alla Giunta di procedere alla redazione di un progetto che preveda percorsi, antichi manufatti e altre azioni di recupero, sempre in collaborazione con il CESN. Insomma una semplice dichiarazione di intenti, che non esclude affatto il CESN e il suo progetto, ma anzi parte proprio da esso per promuovere una valorizzazione dell’antico maniero.
La prova di ciò, documentata da questo video ce la dà lo stesso Sindaco, che il 30/05/2022 (quindi successivamente alla delibera) si recó in pompa magna al convegno per il trentennale CESN a ringraziare per la “munificenza” offerta dal CESN alla città, ribadendo l’opportunità di valorizzare il Museo Normanno e offrendo in segno di gratitudine al prof. Troso, anima del progetto, la cittadinanza onoraria.
Questi i fatti. Poi chi vuole arrampicarsi sugli specchi lo faccia pure, ma senza attribuire (anche) ad altri le proprie scelte autolesioniste.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti