Mettiti in comunicazione con noi

Cultura Eventi e Spettacolo

Quando moda e arte si incontrano. Storia di un’imprenditrice del Sud che resiste

Pubblicato

-

C’è una stretta interconnessione tra moda e arte, in cui la prima si ispira più spesso di quanto si immagini alla seconda. I periodi storici della vita di ogni donna, e più in generale della moda, non sono peraltro caratterizzati e riconducibili anche al modo di vestire? E i vestiti non hanno spesso forme e colori da vere e proprie opere d’arte? E così, moda e arte si sono incontrate, in un riuscito connubio, presso lo show room Vipa di Ariano Irpino, con la mostra “Storie di donne”, del Maestro Rocco Russo, autore nella sua prolifica attività di pittore e scultore, di almeno trenta volti femminili. Già vincitore del primo premio di estemporanea di pittura a 19 anni, premiato da Salvatore Fiume, Russo ha esposto presso la Vipa, suggestivi volti di donna, dipinti a olio e busti, che raccontano la storia delle protagoniste: donne carismatiche, misteriose, sensibili, dalla spiccata personalità, e come nel caso di Labirinto, abili nel districarsi dalle difficoltà della vita, dote di cui le donne sono particolarmente capaci, che “dimostra come posseggano una marcia in più”, ci ha detto il Maestro. Tra i busti, una donna trafitta, emblema di un’emancipazione finta, in cui i diritti che sembra siano stati conquistati, in realtà, hanno estirpato al mondo femminile molti valori, in cambio di doveri. E anche quella di Bruna Palermo è una storia significativa: tenace imprenditrice, la moda ce l’ha nel sangue, probabilmente per averla ereditata dal padre, nel settore sartoriale fin dall’inizio degli anni Sessanta, allorquando intraprese la produzione di capi in pelle e pellicce. Donna volitiva e appassionata del suo mestiere, Bruna gestisce insieme al fratello Rosario, un rinnovato show room di capi di pregio, dalle pellicce di propria produzione, ai capi da cerimonia, al pret a porter, tutti di manifattura rigorosamente italiana, partendo da fasce di prezzi abbordabili, ma sempre preservando stile e attenzione al dettaglio. Nell’attuale crisi in cui la moda medio alta sta soffrendo, le abbiamo chiesto come abbia fatto a resistere… Cinquant’anni di esperienza, ci hanno fatto comprendere che non si può recidere il filo che ci lega alla clientela, con la quale si instaura sempre un rapporto di fiducia, fiore all’occhiello dell’intera nostra filosofia aziendale. Non siamo meri venditori di un prodotto, ma puntiamo a garantirne la qualità, che necessariamente, non si può fornire a prezzi troppo bassi e i nostri clienti storici, così come quelli nuovi, lo sanno bene. Forniamo anche un servizio a 360 gradi: per la pellicceria ad es., partiamo dal disegno del capo al suo confezionamento e ne seguiamo la storia nel tempo. Quando infatti una cliente, dopo un certo lasso temporale, volesse permutarlo o cambiarne il modello, noi ci occupiamo di ogni fase della trasformazione, attualizzandone la modellistica. Amiamo far sentire il cliente a proprio agio e coccolarlo. Come uscire dal lungo periodo di crisi? È fondamentale capire che non si può, né si deve cambiare strada. Amiamo il nostro territorio e non intendiamo essere tra le aziende che lo abbandonano o chiudono, al contrario: proprio in momenti come questi è necessario tener duro, continuare sulla strada della professionalità, se necessario reinventarsi nel solco dell’amore per il proprio lavoro e perché no, guardare al futuro in modo fiducioso. Vorrei che questo discorso potesse essere ampliato ai nostri giovani, che troppo spesso sono costretti ad emigrare per lavorare, mentre sarebbe giusto trovassero opportunità in questo territorio, le cui potenzialità non vengono adeguatamente messe a frutto. Che rapporto c’è tra moda e arte? Quando si crea un capo, ci ispira alle forme e ai colori della natura, di un quadro, si tira fuori l’estro, quindi si fa arte. Spesso l’ispirazione nasce da una sensazione, da un’emozione, da un’idea, che si traducono poi in una forma e dei colori, finché non arriva il risultato finale della sua realizzazione

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Inaugurazione della mostra di pittura di Rossana Scaperrotta

Pubblicato

-

Sarà inaugurata oggi sabato 28 maggio, alle ore 17:30, la mostra di pittura di Rossana Scaperrotta “TUnNEL”. 

Nelle sale dell’Acquedotto Romano della Rocca dei Rettori di Benevento l’artista ricostruisce, attraverso l’esposizione di 22 originali dipinti, il suo percorso artistico e la costante evoluzione in cui spazio ed impegno civile si fondono e si compongono, dando forma e figura ad una visione dell’arte dove a prevalere sono i “sentimenti”. Quelli semplici, puri.
Conosciamo l’ artista attraverso un breve profilo.

Rossana Scaperrotta nasce ad Ariano Irpino, provincia di Avellino, il 28 gennaio 1955. Fin dai primi anni si evidenzia la sua predisposizione alla creatività. La sua attività professionale (Caposala presso il Frangipane) non la distoglie da una ricerca interiore che la porta a frequentare i laboratori artistici della prof.ssa Rosalba Albanese e del maestro Lello Albanese, dai quali apprende alcune tecniche pittoriche e dell’arte ceramica. Dal 1997 fa parte dell’associazione culturale “Vicoli ed Arte” fondata dall’arch. Carmine Iuorio e tesa alla valorizzazione dei vicoli e delle arti del suo paese, Ariano Irpino, noto anche per la tradizione ceramista.

Si appassiona alla composizione di opere originali utilizzando pietre marine raccolte soprattutto dalla bellissima costa cilentana. Nel 2019, libera ormai da impegni professionali, si dedica alla sua passione e si iscrive all’Atelier del maestro Mario Ferrante a Benevento. Grazie al sostegno e all’aiuto del maestro Ferrante, acquisisce e perfeziona molte tecniche pittoriche. I temi delle sue opere spaziano dai paesaggi agli eventi di grande attualità.

Opere esposte

“L’ora di andare…” 42/32 (titolo disegno locandina)

“Il suono del silenzio” 40/60

“Spazio sacro” 29/40collezione privata

“Riparo” 30/42 collezione privata

“A un passo da te” 21/29.30

“Clair de luna “34/51

“Tu chi sei?” 29/21

“Il nido” 20/26

“Quello che c’è…” 33/24

“I giorni della merla” 40/50

“Controverse sensazioni” 23/31

“Inchiostro vivo” 32/44

“Mottua” 32/44

“Consuetudini infrante” 40/60

“L’ombrello” 25/36

“Concerto” 30/40

“Cercarsi” 30/42

“Toccando il tuo silenzio” 30/42

“Maternità” 30/42

“Dolorosa quiete” 42/32

“Disarmante crudeltà” 20/40

“Nuove coltivazioni” 30/42

“Il bambù di notte” 30/20

Continua a leggere

Attualità

Progetto APP-ART:Il Rotary Community Corps Avellino Est promuove le opere custodite nelle chiese della Diocesi di Ariano- Lacedonia

Pubblicato

-


Il Rotary Community Corps Avellino Est è lieto di condividere la II tappa del progetto APP-Art, finalizzato alla valorizzazione del patrimonio artistico-culturale delle più belle opere custodite nelle chiese della Diocesi di Ariano I. – Lacedonia.
Con la collaborazione di appassionati di storia locale sono state realizzate targhette descrittive con QR-code, contenenti minuziosi dettagli, foto, video, audio e descrizioni, tradotti anche in lingua inglese, per ciascuna opera identificata.
Dopo la prima consegna delle 32 targhe presso la Chiesa di S. Maria Maggiore di Grottaminarda, l’RCC è pronto a condividere informazioni sui piccoli tesori custoditi presso il Santuario di Maria SS. di Carpignano.

Il progetto di descrizione e digitalizzazione delle opere d’arte sarà dedicato, per ciascuna chiesa, a cittadini illustri che si sono distinti in campo artistico, letterario e professionale, dando lustro alla nostra Irpinia.

I Tappa App-Art ricorda:
Prof. Antonio Palomba.

II tappa App-Art ricorda:
Maestro Salvatore Fucci .

Continua a leggere

Attualità

Assessore regionale al turismo Casucci in Irpinia per il rilancio turistico

Pubblicato

-

Tour in Irpinia dell’Assessore regionale al turismo e alla semplificazione amministrativa, Felice Casucci, che ha toccato diverse realtà della provincia di Avellino accompagnato dal sindaco di Monfredane, Ciro Aquino.
Prima tappa a Capriglia Irpina, dove ha incontrato il sindaco Nunziante Picariello con il quale ha visitato il borgo della comunità ed il Castello su cui si avvieranno attività di promozione territoriale e turistica.
Successivamente tappa ad Atripalda, presso l’azienda vitivinicola Matroberardino, per un primo confronto sui percorsi dell’enoturismo che la Regione Campania intende organizzare con particolare riferimento all’Irpinia che vanta prestigiosi vini Docg, come Fiano di Avellino,  Greco e Taurasi. Presente il candidato sindaco di Attiva Atripalda, Paolo Spagnuolo.
Successivamente Casucci è stato a Montella, per un incontro con il sindaco, Riziero Buonopane, incentrato intorno al rilancio dei borghi delle aree interne.
Infine, l’Assessore regionale al Turismo, ha visitato il centro storico di Montemarano dove si è confrontato su enogastronomia e la ricettività del bosco. Presente il candidato sindaco di Montemarano 2027, Luigi Ricciardelli.
Appuntamenti che proseguiranno in Irpinia sabato 28 maggio con tappe a Caposele su “Appennini, un viaggio tra le esperienze e le storie” e a seguire Lapio. Si tratta di incontri per raccogliere idee necessarie per sviluppare attrattivita’ territoriale da organizzare in un processo di condivisione tra le piccole municipalità della provincia di Avellino. 

Continua a leggere
Advertisement

Più letti