Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

NurSind Campania si mobilita:”Presi in giro dalla politica”

Pubblicato

-

Il NurSind Campania, in merito alla situazione drammatica vissuta dai
precari del nostro SSR a cui tra pochi mesi scadranno i contratti di lavoro,
annuncia una mobilitazione regionale con la proclamazione di uno stato di
agitazione che riguarderà tutte le provincie della Campania.
Dall’approvazione, a fine dicembre 2020 da parte della Giunta Regionale,
del DEFCR 2021/2023 che prevedeva il rinnovo a 36 mesi dei contratti dei
precari del SSR e l’allineamento dei contratti già in essere della medesima
durata previa l’adozione di un atto di indirizzo del Dipartimento della
Salute Regionale, a distanza di 5 mesi ci ritroviamo ad essere presi in giro
dalla burocrazia di Palazzo Santa Lucia con la complicità palese della
Politica di maggioranza. Grazie ai lavoratori precari assunti durante
l’emergenza pandemica, a cui si vanno ad aggiungere i migliaia di precari
storici sfruttati per anni dalle Aziende con contratti di somministrazione e
tramite Cooperative, si è evitato il collasso del nostro SSR.
Allo stato attuale, con la fine dello Stato d’Emergenza Nazionale che
terminerà il 31 luglio, c’è il rischio che le Aziende diano a questi lavoratori
il benservito. La Campania è una delle poche Regioni d’Italia che sta
adottando questa strategia autodistruttiva nei confronti del personale
sanitario con contratti in scadenza. Le Aziende, intanto, stanno bandendo
concorsi pubblici che forse vedranno l’orizzonte di una graduatoria
definitiva a fine Pandemia. Nel frattempo già alcuni infermieri precari si
stanno dimettendo dalle nostre Aziende poiché vincitori di avvisi pubblici
a 36 mesi o di concorsi a tempo indeterminato in altre Regioni del nostro
territorio nazionale. Da mesi il NurSind Campania, sulla questioni precari,
ha inviato lettere e interpelli alle varie istituzioni regionali senza mai
ricevere alcuna risposta. Considerato lo scenario attuale e il rischio di
compromissione dei LEA, vista l’indifferenza e insensibilità della classe
politica di maggioranza, non ci resta che la mobilitazione regionale a tutela
dei circa cinquemila infermieri precari a cui questa Regione sta voltando le
spalle.
Napoli, 13 Maggio 2021  Il Segretario Regionale NurSind Antonio Eliseo

Attualità

Massimo Villone: “Bisogna contrapporsi nettamente all’autonomia differenziata”

Pubblicato

-

Bonaccini, presidente della regione Emilia Romagna, boccia la linea politica del PD, ritenuta troppo a sinistra. Il congresso è alle porte e Bonaccini scalda i motori ponendosi in pole position per essere eletto segretario. Il futuro condottiero del PD reputa indispensabile dare immediata attuazione al regionalismo differenziato che è parte integrante del programma di governo inserito nella legge di bilancio. Dimentica il Meridione che si avvia allo spopolamento, senza i giovani quest’area non avrà le braccia e le intelligenze per risollevarsi dal declino. Bonaccini insieme a Zaia e Fontana, quest’ultimi presidenti delle regioni Veneto e Lombardia, vogliono il regionalismo differenziato senza l’approvazione dei Livelli Essenziali delle Prestazioni (LEP) che consentirebbero di riconoscere diritti minimi ed uguali a tutti i cittadini. Grave è il pericolo della balcanizzazione del paese, nessuna voce, in campagna elettorale, propone il rilancio del meridione privo di infrastrutture moderne che possano consentire le sfide commerciali con i competitor internazionali. Il regionalismo differenziato rompe il patto costituzionale dell’Unità e della coesione territoriale, sul tema i partiti, di maggioranza ed opposizione, hanno calato un vergognoso silenzio. Il pericolo è chiaro e imminente, il tema è stato ripreso da Massimo Villone, professore emerito di Diritto Costituzionale dell’Università Federico II di Napoli su “Il Manifesto” dell’8 agosto 2022: “Ora che l’autonomia è ufficialmente nel programma elettorale del centrodestra il silenzio non può continuare. Bisogna contrapporsi nettamente”.

Continua a leggere

Attualità

Coordinamento Provinciale di Forza Italia Avellino:”Quella di Gambacorta e’ una non notizia”

Pubblicato

-

Quella di Gambacorta e’ una non notizia. Gambacorta essendo stato consigliere politico della Carfagna, non ha fatto altro che seguire le orme della stessa. Non vi è alcuna strategia in termini politici di un ipotetico polo moderato in questa scelta. Anche perché l’unica area moderata nella scena politica nazionale, è rappresentata da Forza Italia.
Una scelta, quindi, non dettata da valori, ma semplicemente da tatticismi inutili privi di coerenza.

Continua a leggere

Attualità

Servizi micronido e integrativi al nido-L’Azienda Consortile per le Politiche Sociali pubblica i bandi

Pubblicato

-

L’Azienda Consortile per le Politiche Sociali ha pubblicato gli Avvisi Pubblici per accedere ai Servizi di “Micro Nido” e ai Servizi Integrativi al Nido “Spazio Bambini e Bambine”, per l’anno educativo 2022/2023.

Le singole domande vanno inoltrate tramite la compilazione dello specifico Modulo ON-LINE https://ava1.retedelsociale.it entro le ore 12:00 del 26 Agosto 2022.

Per informazioni e chiarimenti è possibile contattare:

rossella.schiavo@pianosociale-a1.it

0825872441 – 08251930654

Continua a leggere
Advertisement

Più letti