Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Nuovi politici, vecchia politica.

Pubblicato

-

L’ex-macello e la campagna elettorale per il rinnovo del Forum della Gioventù.

 

Notiamo con piacere che l’ex-macello comunale e il suo riutilizzo a fini sociali sono entrati nel
dibattito politico, come dimostra il programma politico per l’imminente rinnovo del forum della
gioventù presentato dal gruppo che si auto-definisce Oh issAriano, gruppo chiaramente
riconducibile ad Harambee Movimento per i beni comuni (Oh Issaa! altro non è che la
traduzione in italiano della parola Swahili Harambee). L’ex-macello viene nominato nel
programma pubblicato sulla pagina Facebook creata dai quattro candidati del gruppo (Marisol
Rivero, Valentina Pietrolà, Rossana Grasso e Francesco Borriello) ed è stato oggetto di dibattito
durante la puntata di Radio Harambee sulle elezioni del Forum della Gioventù.
Detto questo, e sottolineato ancora una volta che all’Associazione Buena Onda non può che far
piacere che il tema si sia posto all’attenzione della pubblica opinione, non si può non notare che
non una volta l’Associazione venga nominata per riconoscerle il merito di aver avanti portato
con forza un progetto che quando è iniziato sembrava perso in partenza. Bisogna anche
sottolineare, per correttezza di informazione, che nonostante l’Associazione Buena Onda si sia
preoccupata di incentivare in tutti i modi la partecipazione delle associazioni arianesi, la stessa
ha ricevuto risposta solo da poche di esse, e la sola associazione culturale Arianize You (oltre a
Indievidui, associazione non arianese) ha partecipato attivamente alla stesura del progetto e
all’organizzazione dell’evento di presentazione.
Sebbene Buena Onda sia stata accusata dal portavoce di Harambee di essersi

ppropriata indebitamente di idee altrui — nonostante il Presidente dell’Associazione Raffaele Grasso abbia sempre sottolineato che la campagna LivingRooms si ispira all’esperienza della comunità Impossible Living — e di aver cercato di fare rete con le altre associazioni del territorio in maniera sbagliata chiedendo agli altri di accodarsi dietro il gonfalone di Buena Onda, crediamo che sia palese che il progetto LivingRooms Ex-Macello sia stato portato avanti in maniera trasparente, aperta e partecipata. Difatti, dopo un sondaggio pubblico per decidere quale fosse l’idea da sviluppare, la proposta progettuale è stata redatta su una pagina Wiki presente sul sito dell’associazione, con accesso libero attraverso login da social network o dal sito di Buena Onda, e ha beneficiato della collaborazione attiva e proficua con Arianize You e Indievidui.

Con questo non si vuole assolutamente cercare di stabilire un monopolio sul tema del recupero del ex-macello, convinti come siamo che le idee di natura sociale non siano soggette a copyright, né che il progetto LivingRooms non sia ancora aperto alle associazioni e ai singoli che vogliano collaborare agli sviluppi futuri dello stesso, si vuole però sottolineare come le nuove leve della politica nostrana non abbiano perso la cara vecchia abitudine della classe politica nostrana: quella di salire sul carro dei vincitori.

Advertisement
1 Comment

Attualità

Coordinamento Provinciale di Forza Italia Avellino:”Quella di Gambacorta e’ una non notizia”

Pubblicato

-

Quella di Gambacorta e’ una non notizia. Gambacorta essendo stato consigliere politico della Carfagna, non ha fatto altro che seguire le orme della stessa. Non vi è alcuna strategia in termini politici di un ipotetico polo moderato in questa scelta. Anche perché l’unica area moderata nella scena politica nazionale, è rappresentata da Forza Italia.
Una scelta, quindi, non dettata da valori, ma semplicemente da tatticismi inutili privi di coerenza.

Continua a leggere

Attualità

Servizi micronido e integrativi al nido-L’Azienda Consortile per le Politiche Sociali pubblica i bandi

Pubblicato

-

L’Azienda Consortile per le Politiche Sociali ha pubblicato gli Avvisi Pubblici per accedere ai Servizi di “Micro Nido” e ai Servizi Integrativi al Nido “Spazio Bambini e Bambine”, per l’anno educativo 2022/2023.

Le singole domande vanno inoltrate tramite la compilazione dello specifico Modulo ON-LINE https://ava1.retedelsociale.it entro le ore 12:00 del 26 Agosto 2022.

Per informazioni e chiarimenti è possibile contattare:

rossella.schiavo@pianosociale-a1.it

0825872441 – 08251930654

Continua a leggere

Attualità

Nel sessantesimo anniversario un libro racconta il terremoto dell’Irpinia e del Sannio del 21 agosto 1962

Pubblicato

-

Raccontare la storia di un terremoto dimenticato a sessant’anni dagli eventi che lo caratterizzarono. È questo l’obiettivo di “21 agosto 1962. Storia e memoria di un terremoto dimenticato”, opera del giornalista Alessandro Mazzaro e dello scrittore Angelo Coscia che punta a ricostruire le vicende che interessarono il sisma che nel 1962 colpì Irpinia e Sannio provocando 20 vittime e oltre 16mila sfollati.

Il libro, edito da Albatros Edizioni, prova a ricostruire quella storia utilizzando un doppio registro: storico e narrativo. In parallelo al racconto cronachistico di quei giorni, curato da Alessandro Mazzaro, corre infatti la narrazione di un ragazzo di quelle zone, narrata da Angelo Coscia. A curare la prefazione, invece, è Costantino Vassallo, ingegnere e storico dell’arte.

Quello del 21 agosto 1962 è un terremoto che smitizza la retorica del “miracolo economico”, riportando coi piedi per terra coloro che credevano che il modello di sviluppo del boom si fosse diffuso a macchia d’olio su tutto il territorio nazionale.

Il primo di una lunga serie di risvegli dagli inebrianti ed ottimistici sogni dell’epoca. C’è un filo sottile che collega, non solo dal punto di vista geologico, i terremoti del 1930 (oltre mille morti), quello del 1962 e quello del 1980: partendo da una tale consapevolezza il volume punta a ricostruire la complessità in cui operano i vari elementi di sviluppo e di arretratezza in Campania ed in parte del Sud Italia.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti