Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Morti sul lavoro – Antonio Bianco: “Ripristinare il Sistema Sanitario Nazionale”

Pubblicato

-

I sindacati scioperano, il 20 aprile a Roma la CGIL e la UIL, non partecipa la CISL, portano in piazza i temi della sanità incapace di dare risposte concrete e rapide ai pazienti e delle morti sul lavoro. Le liste di attesa sono un dramma nazionale, ancor più acuto nel Meridione, con posti letto insufficienti e personale carente che è costretto a subire turni inaccettabili, anche di 12 ore al giorno, perfino nel pronto soccorso. In Italia almeno 5 milioni di persone hanno rinunciato a curarsi, con il passaggio della gestione della Sanità da Nazionale a quella Regionale, sono diventate inaccettabili le disparità di assistenza e cura di identiche patologie legate alle risorse finanziarie che impongono ai residenti nelle regioni più povere del Meridione di migrare verso il Nord per curarsi. L’uguaglianza dei cittadini e la loro salute non sono diritti fondamentali dell’individuo (articoli 3 e 32 della Costituzione) ma legati alla residenza che contrassegna la possibilità di avere cure garantite in tempi accettabili. 

Sia l’uguaglianza dei cittadini che le cure gratuite per gli indigenti, sono un mero sogno. In Italia, secondo le stime dell’ISTAT, non meno di 5,7 milioni di cittadini, pari all’8,5% delle famiglie residenti nel 2023, sono in condizioni di povertà assoluta, persone alle quali la cura e l’assistenza sanitaria non è garantita, né mai erogata. I sindacati confederali scendono in piazza anche per denunciare, per l’ennesima volta, la barbarie delle morti sul lavoro. Gli ultimi episodi mostrano quanta strada deve essere fatta sulla prevenzione e sul controllo nei cantieri. Secondo il sindacato deve essere eliminato il sub appalto del sub appalto che scarica la riduzione dell’importo appaltato sulla sicurezza e sul salario del lavoratore, costretto a subire condizioni pericolose per la propria salute pur di mettere il piatto a tavola. Né vi è stato il confronto con il governo sul rinnovo dei contratti e sulla riduzione del potere di acquisto dei salari causato dall’inflazione. Secondo il sindacato, le risorse finanziarie potrebbero essere trovate tassando gli extra profitti delle banche, del settore farmaceutico e di quello energetico. Le chiacchiere stanno a zero: le liste di attesa si allungano e prosegue la strage dei morti sul lavoro. Non possiamo rimanere con le mani in tasca a guardare gli eventi, occorre una crociata per rendere civile il nostro paese, non possiamo essere complici della politica che non considera tutti gli individui “Fratelli d’Italia”.

Attualità

Ospedale di Ariano – Oggi e domani corso sulla gestione delle emergenze in sala parto

Pubblicato

-

Al via il Corso sulle emergenze ostetriche. Nell’ambito del potenziamento delle attività e dei servizi ospedalieri offerti dal P.O. “Frangipane” di Ariano Irpino, voluto dal Direttore Generale dell’ASL di Avellino Mario Nicola Vittorio Ferrante, nei giorni 23 e 24 Maggio 2024, presso la UOC Ginecologia ed Ostetricia, diretta dal Dott. Domenico Stanco, si svolgerà un corso di aggiornamento su un argomento di grande importanza: la gestione delle emergenze ostetriche che possono verificarsi nel blocco nascita.
Tale corso è fondamentale al fine di mantenere alto il livello tecnico organizzativo di tutto il personale addetto, contribuendo a garantire la qualità del servizio erogato all’utenza, offrendo al personale medico e sanitario gli strumenti adeguati per affrontare con competenza e sicurezza le più comuni situazioni di urgenza ed emergenza.
In programma sono previste simulazioni pratiche in condizioni reali mediante appositi manichini che riproducono fedelmente l’anatomia umana. Saranno, inoltre, tenuti corsi di suture emostatiche ed altre skill, necessarie allo svolgimento dell’attività ostetrica.
La parte teorica e pratica sarà gestita da tutor del Gruppo Emergenze Ostetriche, mentre il programma e gli argomenti sono stati accuratamente selezionati dal Direttore dell’Unità Operativa Stanco, al fine di garantire una formazione continua adeguata al personale che si trova ad operare in un luogo complesso e articolato come è la sala parto.

Continua a leggere

Attualità

Confesercenti, Marinelli: contributi fino a 50 mila euro a giovani per avvio attività

Pubblicato

-

“Per chi intende avviare una nuova attività autonoma, soprattutto in Irpinia e nel Mezzogiorno, ci sono interessanti opportunità da cogliere, se si hanno le idee chiare”. A sostenerlo è Giuseppe Marinelli, presidente provinciale di Confesercenti Avellino.

“Gli incentivi per l’autoimpiego – prosegue il dirigente dell’associazione di categoria -, come avevamo annunciato, possono essere una risposta alla ridotta natalità di nuove imprese, oltre che una possibilità occupazionale per i più giovani e per le persone inoccupate, che hanno competenze da spendere. Se, come auspicato dalla nostra organizzazione nazionale, verrà anche allargata la platea dei beneficiari, con ulteriori supporti, i risultati potranno essere sicuramente soddisfacenti”.

La misura, introdotta dal governo nazionale, con il decreto Coesione, prevede agevolazioni diversificate, in base alle aree geografiche del Paese, fino a 50 mila euro, sotto forma di voucher a fondo perduto, da utilizzare per l’acquisto di beni, strumenti e servizi, soprattutto se inerenti la digitalizzazione e la transizione ecologica.

A questo stanziamento si aggiunge un contributo integrativo a fondo perduto, proporzionale all’investimento, in misura variabile: in Campania pari al 75% per programmi di spesa fino a 120 mila euro e al 70% per spese tra i 120 e i 200 mila euro.

Gli incentivi, che possono essere usati per costituire nuove imprese o studi e società professionali, sono rivolti a giovani fino a 35 anni, disoccupati o inoccupati o in  condizioni di marginalità sociale.

Per ulteriori informazioni e assistenza è possibile rivolgersi agli uffici di Confesercenti Avellino in viale Italia n° 53 o al centro servizi di via de Conciliis n° 66, telefonando allo  0825 679256.

Continua a leggere

Attualità

Ad Ariano Irpino un Piazzale dedicato a Eunice Kennedy Shriver

Pubblicato

-

L’Amministrazione Comunale di Ariano Irpino e’ lieta di invitare la cittadinanza a partecipare alla cerimonia di intitolazione del Piazzale Eunice Kennedy Shriver, fondatrice del movimento Special Olympics, che si terrà domani 23 maggio 2024 alle ore 10.30 presso il Palazzetto dello Sport. 

La proposta, promossa dal movimento locale di Special Olympics, ha trovato il sostegno della Commissione Speciale Toponomastica dell’Ente e dell’Amministrazione Comunale che già da tempo sta portando avanti un progetto di Toponomastica al femminile denominato “Ariano sulle vie della parità” impegnandosi ad intitolare ogni anno tre luoghi della città a tre donne al fine di valorizzare l’operato delle donne nella nostra società. 

Eunice Kennedy Shriver si è distinta per la sua attività nel settore dello sport e dell’inclusione, è stata la Fondatrice del Movimento Special Olympics nel mondo, colei che per prima ha osservato come le persone con disabilità intellettive, se messe nelle giuste condizioni, siano in grado di dimostrare capacità e talenti attraverso lo sport.

Nata nel 1921 a Brookline, Eunice Kennedy è cresciuta con sua sorella Rosemary, giovane donna con una disabilità intellettiva che ha ispirato tutta la sua vita. Le note e terribili vicende della famiglia Kennedy legate a Rosemary hanno provocato in Eunice un incolmabile desiderio di riscatto per tutte le persone con disabilità intellettive. Oggi, grazie alla sua tenacia, quel desiderio si è trasformato in un Movimento sportivo che conta oltre 5milioni di Atleti in 200 paesi al mondo.

Il Sindaco e l’Amministrazione Comunale tutta ringraziano i membri della Commissione Toponomastica per il prezioso lavoro svolto e il comitato locale di Special Olympics nella persona della Direttrice Provinciale Lucia Scrima per l’impegno profuso affinché si giungesse a questa importante intitolazione in luogo così significativo come il popoloso quartiere del Piano di Zona e nei pressi nel Palazzetto dello Sport.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti