Mettiti in comunicazione con noi

Politica

Lello Castagnozzi scrive una lettera aperta al segretario provinciale del PD.

Pubblicato

-

Egregio segretario,

ogni sei mesi, forse anche meno, il Partito Democratico in ogni dove, in qualsiasi circostanza lo permetta, a qualsiasi latitudine della nostra penisola, dichiara, invano, guerra alla politica per la politica, all’autoreferenzialità di cui, come il resto dei partiti italiani, ne è pregno per grossa parte del suo tessuto di sostegno, quello che voi chiamiate pomposamente “i quadri del partito”. Per la maggior parte dell’anno questi “quadri” che dovrebbero rappresentare la classe dirigente del PD, passano la maggior parte del loro tempo che dovrebbe tradursi in impegno politico, in un’azione dilaniante fatta di schermaglie all’arma bianca che fatalmente sfociano in contrapposizioni violente, il cui terreno di scontro è rappresentato unicamente dai giornali locali. Quotidianamente, nelle edicole, gli strilli, dei rotocalchi ci offrono questa visione triste di richiamo a dichiarazioni monocratiche di questo o quel dirigente o, infine, della massima autorità provinciale di coordinamento in materia politica. Affermazioni del tipo: “il segretario provinciale ha deciso che il PD farà questo”, “su quell’argomento il segretario provinciale ha deciso per” e così di seguito, sono all’ordine del giorno. Il cittadino comune, il simpatizzante o l’iscritto al partito, quale sono io in tutte e tre le forme – rappresento un elemento per una parziale campionatura- si chiede: ma è ancora questa la politica o il modo di fare politica? Possibile che in una provincia, Avellino, ultima in Italia per qualità della vita, il segretario del PD, il più grande partito del territorio, non abbia nulla da fare o pensare, ideare, progettare se non squallide mosse per garantire protettorati politici o rendite di posizione a chi, in seguito, provvederà a tutelare e garantire la stabilità del proprio posto di potere. In tutto questo, la possibilità che qualcuno provi a realizzare un progetto nuovo, a mettere insieme e in campo forze che vivono la politica con quel giustificato grado di prevenzione e sfiducia, a coinvolgere associazioni che operano sul territorio conoscendolo a fondo, cittadini,intellettuali marginalizzati dalla cattiva politica che si è praticata in queste zone e che, ancora per un attimo, intravedono la possibilità che il corso cambi, per lei, coordinatore o segretario provinciale che dir si voglia, non ha nessun significato. Non riesce a trovare il tempo per ascoltare tutte le campane, è edotto a tal punto sulle questioni da non sprecare nemmeno una miserabile motivazione alle sue inappellabili sentenze. Primarie no ad Ariano. Candidature a sindaco, certificate nel circolo “ufficiale” del PD di Ariano, cancellate con un colpo di spugna; il malumore che pure regna maggioritario in quel circolo, lei, semplicemente, ha deciso che non esiste per decreto. Scommetto che si sente anche diverso da Grillo. Scommetto che si sente democratico. Scommetto che si sente coordinatore, in grado cioè di armonizzare le varie anime, visioni, sensibilità che pur in un territorio martirizzato e offeso nelle sue prerogative culturali ha qualche volta un colpo di reni, uno scatto d’orgoglio che si concretizza nella voglia di cambiare, di proporre una visione nuova, limpida, della politica e, attraverso essa la costruzione di una società veramente civile ed eticamente accettabile. Ariano, come tutte le comunità di questo territorio, merita un’attenzione particolare che non può risolversi in una sintesi brutale e rozza di negazione.

Con stima anche se strappata con forza dal più profondo della mia educazione.

Lello Castagnozzi 

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Vincenzo Ciampi:”Il M5S accanto agli infermieri che chiedono il riconoscimento dell’indennità Covid”

Pubblicato

-

Sono stato con gli infermieri che stamattina hanno protestato presso gli uffici della Regione chiedendo il riconoscimento delle indennità previste dal contratto per coloro che operano in condizioni di rischio infezione Covid.

Si tratta di una battaglia sacrosanta che riguarda gli operatori sanitari impegnati n prima linea in questi mesi di difficile contrasto al Covid nei reparti ospedalieri.

Ho presentato un’interrogazione, insieme alla capogruppo del Movimento Cinque Stelle in Consiglio regionale Valeria Ciarambino, chiedendo alla Giunta che tenga fede agli impegni presi in conferenza Stato Regioni corrispondendo a coloro che ne hanno diritto le indennità fino ad oggi maturate.

Da componente della Commissione Sanità, continuerò a seguire da vicino questa vertenza. 

Continua a leggere

Attualità

Nota politica del PD di Ariano Irpino:”Il Commissario Bordo deve garantire la massima trasparenza sul tesseramento”

Pubblicato

-

Gli eventi degli ultimi tempi che hanno visto il PD irpino nelle prime pagine dei giornali nazionali per la vicenda delle anomalie del tesseramento gestito dal commissario Bordo, secondo l’ esclusiva modalita on line, ha messo a nudo una situazione a dir poco sconcertante per il vertiginoso numero di tessere e la modalita di sottoscrizione. II dato di 2657 di tessere al Pd gestite da una societa che ha sede in lrlanda allarma e preoccupa perche evidenzia il tentativo di arrembaggio del Partito Democratico irpino. Raccolgo il grido d’allarme di Ida Grella, Areadem, di chiedere a voce alta chiarezza al commissario Bordo e reclamare ii diritto alla democrazia all’interno del PD.

Questa situazione è solo la punta dell’ iceberg: l’impossibilita di arrivare al congresso provinciale ed a quelli di circolo ha compromesso la pace e gli equilibri all’interno del PD locale, ha impedito di fare chiarezza e di risolvere le ambiguita come e accaduto ad Ariano con un PDchesiede sui banchi della maggioranza e un altro PD su quello dell’opposizione. Personalmente sono amareggiata perche milito nel Partito Democratico dalla sua nascita, sono stata nel comitato provinciale, ho partecipato alle primarie per le politiche nel 2011 e ho partecipato alle amministrat ive 2020 in una lista di ispirazione PD. II PD è il partito che mi rappresenta e proprio in questi giorni che abbiamo commemorato una delle anime piu alte, David Sassoli, uomo di ideali e non di ideologie, a cui mi piacerebbe che venisse intitolato ii futuro circolo arianese, mi rattrista e sconforta vedere lo scempio che se ne fa a livello provinciale.

Mai come adesso abbiamo bisogno di un PD forte, coeso, aperto e attivo, in dialogo costante con la base e allerta per le sfide future perche ci sono t reni che passano e occasioni irripetibili da cogliere.

D’intesa con il capogruppo PD Laura Cervinaro e il vice sindaco Carmine Grasso chiedo chiarezza sulle tessere, rigoroso rispetto delle regole, trasparenza a livello provinciale attraverso l’insediamento di una commissione di garanzia per fare in modo che tutti i tesserati siano a conoscenza degli elenchi messi a disposizione dalla direzione del partito nazionale. Il Commissario Bordo deve garantire la massima trasparenza in questa fase delicate della vita del partito Provinciale e profondere il Massimo impegno ad avviare quanto prima procedure regolari per stabilire la platea congressuale e le procedure per lo svolgimento del congresso provinciale e quelle di circolo per superare un inaccettabile commissariamento del Partito Democratico irpino.

Grazia Vallone, consigliera PD

Continua a leggere

Attualità

M5S, Ciampi: “Covid, erogare indennità prevista per i nostri operatori in prima linea”

Pubblicato

-

Interrogazione del consigliere regionale: “Si dia seguito ad accordo stipulato 17 mesi fa in Conferenza Stato Regioni”

“Gli operatori sanitari in servizio negli ospedali e nelle aziende sanitarie della Campania, che da due anni si battono in prima linea per il contrasto a questa terribile pandemia, hanno diritto al riconoscimento dell’indennità prevista dal contratto di lavoro nazionale. Parliamo di una cifra pari a 5,16 euro per turno di servizio che, nell’ambito di un’intesa definita in Conferenza Stato Regioni, è stata estesa a tutti gli operatori sanitari, per le loro specifiche attività, sono particolarmente a rischio di contrarre il Covid. L’indennità riguarda, in particolar modo, coloro che prestano servizio nelle terapie intensive e sub intensive, nelle sale operatorie e nei reparti di nefrologia e dialisi, oltre che in quelli specializzati in malattie infettive, dove è maggiormente elevato il rischio di contrarre il Covid. Ad oggi, a 17 mesi di distanza dalla firma del protocollo, la Campania è l’unica regione a non aver dato seguito a quell’accordo”. È quanto dichiara il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Vincenzo Ciampi che, con la capogruppo regionale Valeria Ciarambino, ha presentato un’interrogazione nella quale chiedono “alla Regione di dare seguito alle previsioni del protocollo, facendosi così carico delle istanze del personale infermieristico e tecnico che assiste pazienti Covid, degli infermieri dei pronto soccorso e del 118 e di quanti prestano servizio nei Covid Hospital, che ad oggi non hanno ancora ricevuto un solo centesimo delle indennità pattuite”.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti