Mettiti in comunicazione con noi

Politica

La sinistra del PD Arianese all’attacco dei vertici provinciali del partito.

Pubblicato

-

La sinistra del PD arianese in un documento attacca duramente i vertici del partito provinciale. I rappresentanti dell’area della sinistra PD infatti scrivono nel documento :” Dobbiamo confessare che quando leggiamo le interviste,le dichiarazioni o gli articoli di Venezia,Lengua, De Biaso e soci viene spontanea la domanda, ci sono o ci fanno?. Degli ostracismi di Enzo Venezia non ci stupiamo affatto, è un vizio di famiglia”,

il riferimento è relativo ad un episodio del 1961 in cui il Vescovo di allora Mons. Pasquale Venezia invitava l’allora sindaco socialista Mario Ortu, il vicesindaco comunista Luigi Albani e gli assessori, presenti alla processione del Corpus Domini ad allontanarsi altrimenti la processione non avrebbe avuto inizio. Poi i componenti della sinistra del PD aggiungono nel documento :

” che gli amministratori per senso di responsabilità si allontanarono, per rispetto anche dei numerosi fedeli. Il buon Marx- continua il documento- scriveva che la storia si ripete sempre due volte. La prima come tragedia, la seconda come farsa. Oggi siamo andati oltre la farsa. Venezia citando Moro, parla di casa da costruire con il contributo di tutti, attraverso la ricerca di punti di contatto e di confluenze. Ma dov’era Enzo Venezia, quando autorevole esponente provinciale, nonchè responsabile enti locali del PD veniva indecentemente defenestrato il capogruppo consiliare del PD di Ariano Irpino, colpevole di aver difeso la linea politica, la dignità e anche l’immagine del partito? Perchè non è intervenuto e non ha detto una parola lui così loquace? Forse era in Siberia a trovare un villaggio confortevole e dove far trascorrere le vacanze a Fierro? De Blasio poi tuona che il “PD non è un campeggio dove si sosta fino a quando conviene”. Ma allora come spiega De Blasio e cosa ne pensa delle trattive condotte a livello provinciale, sulle testa e alle spalle del PD arianese, per l’ingaggio di personaggi dalla storia politica travagliata? La norma vale solo per gli altri? E ciliegina sulla torta, se uno dichiara, se uno dichiara di essere stato ed essere tuttora comunista, per De Blasio questa è la prova provata del PD che non vogliamo. Ma anche un autorevole esponente del PD provinciale ha sempre ostentatamente rivendicato di essere stato ed essere tuttora democratiano fino in fondo, ci consentirà.allora,De Blasio di dire che anche questa è la prova provata del “PD che non vogliamo”. O per De Blasio così non è? Sotto sotto non è che nella mente di questi signori si coltivi l’idea assurda ed illusoria e cervellotica di emarginare o sterilizzare il partito della sinistra? Se fosse così la questione, al di la dei vizi e delle virtù o anche degli errori di questo o quel personaggio riguarda tutti coloro che si considerano di sinistra.
A Venezia, Lengua,De Blasio e soci diciamo che troveranno pane per i loro denti ed ammonirli citando Gianni Cuperlo che ” senza la sinistra il PD non è”.
Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Sistema Irpinia, al via le attività del Centro Redazionale

Pubblicato

-

Il presidente Buonopane:“Tappa importante per la programmazione di valorizzazione del territorio”

Vanno avanti le attività legate alla programmazione Sistema Irpinia. Il presidente Rizieri Buonopane ha incontrato i professionisti del Centro Redazionale, che dovranno occuparsi del costante aggiornamento della piattaforma https://sistemairpinia.provincia.avellino.it, in sinergia con la Fondazione Sistema Irpinia e gli operatori degli hub/infopoint presenti sul territorio. 

Al confronto ha preso parte anche la presidente della Fondazione Sistema Irpinia, Maria Gabriella De Matteis. 

“Si tratta di un’altra tappa importante del percorso che abbiamo avviato per irrobustire la programmazione complessiva di Sistema Irpinia – dice il presidente della Provincia, Rizieri Buonopane – Ho incontrato professionisti motivati, appassionati del territorio, che hanno dimostrato voglia di mettersi subito all’opera. Insieme alla presidente e ai componenti del Cda della Fondazione Sistema Irpinia si stanno pianificando una serie di azioni per la valorizzazione del patrimonio che custodisce la nostra provincia. La presidente De Matteis sta lavorando senza sosta anche per definire alcune collaborazioni con privati che riteniamo importanti. Con il Centro Redazionale che entra nel pieno delle sue funzioni – conclude il presidente Buonopane – viene impressa un’ulteriore accelerazione ai processi messi in piedi da questa amministrazione”.

Continua a leggere

Attualità

Il disegno di legge della Gelmini renderà la Repubblica disunita e disuguale

Pubblicato

-

Il disegno di legge sul regionalismo differenziato voluto dalla Gelmini inciderà profondamente sulla struttura della Repubblica che, secondo l’art. 5 della Costituzione, è “una e indivisibile”. Nell’ultimo question time, tenutosi alla camera dei deputati, non ha offerto alcuna rassicurazione sulla possibilità che le disuguaglianze tra le due macro aree del Paese possano essere ridotte. La conferma di questa volontà, sposata dal governo in carica, è resa palese dall’incontro tenuto dalla Gelmini sul regionalismo differenziato con le regioni del Nord senza invitare tutte le altre regioni italiane.

Oramai non siamo uno Stato unitario ma un insieme di piccole patrie intente a salvaguardare solo gli interessi dei territori del Nord ricco lasciando nel pantano il Meridione. Vogliono che le cose rimangano così come sono, il Sud deve fornire risorse umane in cerca di lavoro e nel contempo deve essere la zona più povera dell’UE. Con tali presupposti (disoccupazione doppia e reddito la metà rispetto al Nord) l’Italia riceverà il PNRR più cospicuo rispetto agli altri Stati europei. Nel disegno di legge della Gelmini non sono previsti i Livelli Essenziali delle Prestazioni (LEP) né i fabbisogni standard che avrebbero individuato i diritti uguali per ogni parte del Paese. Il governo andrà avanti e nei prossimi giorni sarà portato in Consiglio dei Ministri il provvedimento della Gelmini. In parlamento i partiti di maggioranza ed opposizione concordano sulla necessità di dividere l’Italia, disegnando un nuovo assetto politico della Repubblica, disunita e disuguale.

Continua a leggere

Attualità

Ciampi(M5S):“Corse tagliate e treni in fiamme, via De Gregorio per risollevare il trasporto pubblico in Campania”

Pubblicato

-

Il consigliere regionale invoca le dimissioni del presidente Eav: “Unico responsabile di un disastro organizzativo senza fine”


“L’ennesimo taglio delle corse della Circumvesuviana in direzione Ponticelli e Volla, rappresenta uno schiaffo a una periferia e a una fetta di hinterland la cui popolazione supera quella di una città media italiana. Una beffa in piena regola, che si aggiunge al taglio delle fermate a villa delle Ginestre e via del Monte, sulla linea Napoli-Sorrento, con conseguenze inevitabili anche sul turismo. Senza dimenticare quanto sta accadendo in Valle Caudina dove, per lavori sulla linea ferrata che si sarebbero dovuti concludere lo scorso anno, il collegamento con Napoli è ancora interrotto e sostituito con i bus. Un disastro organizzativo senza fine che ha un solo responsabile, Umberto De Gregorio, l’uomo solo al comando del sistema del trasporto pubblico regionale, si chiama Umberto De Gregorio. Un uomo che non disdegna l’attività politica militante, al servizio di Vincenzo De Luca, tanto da essere continuamente nei pensieri del governatore, che lo voleva anche sindaco di Napoli”. Lo denuncia il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Vincenzo Ciampi. “È paradossale – prosegue Ciampi – continuare ad assistere a un vergognoso scaricabarile da parte di De Gregorio che, per coprire i fallimenti di una gestione caratterizzata da convogli che prendono fuoco, soppressioni all’ordine del giorno, ritardi che si accumulano fino a superare le due ore e linee ferroviarie mai completate, addossa le proprie responsabilità ai lavoratori. Arrivando addirittura a minacciarli, a mezzo stampa, di non consentire turni straordinari a chi lo richiede, ovemai dovessero rifiutare di farli oggi. Di fronte a un tale disastro, le dimissioni di De Gregorio rappresentano l’unica speranza per risollevare il trasporto pubblico in Campania”.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti