Mettiti in comunicazione con noi

Cultura Eventi e Spettacolo

‘Il diritto di nascere sicuri’. Dopo il convegno di Ariano Irpino, l’avvocato Gazzella in Senato per la conferenza stampa ‘Kristeller – la Manovra invisibile: dalla mancata prevenzione dei rischi al contenzioso’

Pubblicato

-

Dopo l’ evento di Ariano Irpino, un altro importante appuntamento è in programma per il noto avvocato irpino. Insieme a Pierfrancesco Belli, Presidente Commissione Rischi ed Etica Sanitaria Incer Institute,  ai professori Erich Cosmi e Massimo Montisci dell’Università degli Studi di Padova e al senatore Maurizio Romani, il 31 maggio 2017, alle ore 12:00, presso il Senato della Repubblica, l’avvocato Guerino Gazzella prenderà parte alla conferenza stampa sul tema ‘ Kristeller – La Manovra Invisibile: dalla mancata prevenzione dei rischi al contenzioso’.

Il 26 maggio, a partire dalle ore 15:00,  presso la sala convegni dell’istituto Biogem di Ariano Irpino, il convegno ‘Il diritto di nascere sicuri – stop Kristeller’, promosso e organizzato dallo studio legale Gazzella. Relatori, Luisa Acanfora, professoressa, medico chirurgo, specialista in ostetricia e ginecologia presso il dipartimento di medicina sperimentale e clinica dell’università di Firenze, Pierfrancesco Belli, presidente della commissione rischio ed etica sanitaria Incer Institute, Ciriaco Serluca, attuario e membro della Commissione rischio ed etica sanitaria Incer Institute, e Guerino Gazzella, avvocato  promotore dell’iniziativa.

Il convegno sarà moderato da Marco La Carità, giornalista de Il Mattino e di Canale 58. L’evento, che dà diritto a crediti formativi per gli avvocati partecipanti, ha il patrocinio morale del comune di Ariano Irpino; della provincia di Avellino; del Rotary Club Avellino Est Centenario; dell’Ordine degli Avvocati di Benevento; dell’Ordine dei Medici di Avellino; della Fondazione Scuola Forense Alta Irpinia; della Fondazione Erminio Grasso; di Incer Institute; Safety&Life; Stop Kristeller. 

Il convegno gode del patrocinio morale anche di numerosi comuni del circondario, tra i quali: Savignano Irpino; San’Angelo all’Esca; Zungoli; Montaguto; San Sossio Baronia; Vallata; Montecalvo Irpino; Casalbore; Pietradefusi; Gesualdo; Flumeri; Grottaminarda; Sturno; Villamaina; Bonito;Villanova del Battista; Carife; Greci; Frigento; Melito Irpino; Castel Baronia; “Unione dei Comuni – Terre dell’Ufita”; San Nicola Baronia.

La discussione dal punto di vista medico riguarderà la  cd. manovra Kristeller. Nata nel 1867 ad opera del ginecologo tedesco Samuel Kristeller come metodologia basata su criteri scientifici ha nel tempo perso il suo carattere scientifico  per diventare una pratica clinica effettuata senza nessuna codifica, misurazione e controllo, che è divenuta la causa principale degli eventi avversi che ricorrono in sala parto.

L’avvocato Guerino Gazzella illustra alcune tematiche che saranno oggetto di approfondimento del convegno ‘Il diritto di nascere sicuri – stop Kristeller’.

Il diritto di nascere sicuri: quali tutele legali per le donne che partoriscono?

“In caso di evento avverso avvenuto durante il parto (complicanze alla partoriente, al feto o al neonato), è necessario preliminarmente richiedere copia della cartella clinica e, con l’aiuto di un medico-legale e di uno specialista, accertare la sussistenza di eventuali responsabilità del personale medico e sanitario intervenuto. In caso affermativo di negligenza o imperizia, è possibile agire giudizialmente o stragiudizialmente per ottenere il risarcimento del danno subìto. Nel caso in cui le suddette complicanze siano dovute all’esecuzione durante il parto della manovra di Kristeller, dato che molto spesso l’annotazione di questa pratica viene omessa in cartella clinica e nei flussi informativi, è molto importante ricorrere alla testimonianza del personale sanitario e parasanitario facente parte dell’equipe che ha assistito al parto o, preferibilmente, del partner della partoriente, aiutandosi anche con una eventuale video-registrazione del parto.  In caso di danni della madre e/o del neonato, molto spesso è risolutiva l’indagine penale condotta, nell’immediatezza, dal P.M. il quale, in fase di escussione dei singoli membri dell’equipe riesce, nella maggior parte dei casi, ad ottenere risposte certe e a scoprire se la manovra di Kristeller sia stata effettuata o meno nel caso specifico.  Ai fini preventivi, tuttavia, bisogna ricordare che chi si sottopone a prestazioni di tipo medico, ha diritto a chiedere ed ottenere tutte le spiegazioni su quanto sta per essere eseguito sulla propria persona e, nel caso specifico del parto, la paziente ha diritto di sapere – alla presenza di un proprio familiare –  sia in anticipo sia nel corso dello stesso, di tutte le manovre che il personale ostetrico e ginecologo intende effettuare e sui potenziali rischi che queste comportano”. 

La responsabilità civile del medico: situazione attuale e prospettive legate alla riforma Gelli. 

“La recente legge Gelli-Bianco sulla responsabilità civile e penale degli esercenti la professione sanitaria è intervenuta modificando la normativa di riferimento, che in passato ha determinato non pochi problemi tanto agli operatori sanitari quanto agli operatori del diritto. L’intervento normativo in questione si pone l’obiettivo di combattere il fenomeno della “medicina difensiva”, ossia l’eccesso di zelo che alcuni medici dimostrano prescrivendo numerose visite, test diagnostici ed esami, di dubbia necessità, al fine di cautelarsi da eventuali denunce dei pazienti ed, allo stesso tempo, di deflazionare il carico di lavoro degli uffici giudiziari italiani, riducendo il contenzioso. A tal proposito la riforma, al fine di favorire una  risoluzione stragiudiziale delle controversie, introduce, tra l’altro, l’obbligo di esperire un tentativo di conciliazione prima di rivolgersi alle competenti sedi giudiziarie ovvero il deposito, in forma di ricorso al Giudice competente, di una procedura di ATP ai fini conciliativi, quest’ultima da concludersi entro sei mesi dal deposito del riscorso. La domanda giudiziale è procedibile solo se la conciliazione non riesce, o in fase stragiudiziale o in sede di ATP. Le riforma citata, a mio avviso, reca delle prospettive di miglioramento della situazione attuale soprattutto con riferimento all’effettività e tempestività dei risarcimenti, anche in virtù delle innovazioni procedurali introdotte. Va segnalata a tal proposito, a titolo esemplificativo, l’introduzione di un Fondo di Garanzia che interverrà a risarcire i pazienti vittima di errore sanitario tra l’altro, nell’ipotesi in cui il medico o la struttura sanitaria responsabili non abbiamo la copertura assicurativa oppure in quella in cui l’impresa assicuratrice sia insolvente”.

Lo studio legale Gazzella da anni si occupa di responsabilità civile in ambito sanitario. Casi che hanno fatto scuola?

“Tra i casi più eclatanti che ho seguito, vi è quello di una paziente di 45 anni rivoltasi ad una struttura sanitaria per un utero fibromatoso, che veniva sottoposta a isterectomia e poi dimessa senza che le venisse indicato che fosse affetta da un tumore con elevato potenziale di malignità, che richiedeva un immediato programma di follow up ed inizio di terapia chemio o radio terapica. Il risultato della mancata informazione è stato una rapida evoluzione della malattia verso unamassiva carcinosi peritoneale da leiomiosarcoma uterino, che nell’arco di soli sei mesi ha determinato il decesso della paziente. Ebbene, attraverso un ricorso per accertamento tecnico preventivo depositato al Tribunale competente è stata accertata la responsabilità dei sanitari che la ebbero in cura ed abbiamo ottenuto il risarcimento del danno in favore degli eredi per la perdita della congiunta. Altrettanto esemplare è stato il caso di un errore medico avvenuto proprio in sala parto, ove, a causa della imperizia ed imprudenza del medico ginecologo intervenuto, la nascitura fu sottoposta ad una manovra impropria durante la fase dell’espulsione, che provocò alla bimba la lesione del plesso brachiale e la frattura della clavicola dx con paresi di Erb-Duchenne e postumi invalidanti. In tale caso abbiamo avuto in sede penale una condanna definitiva del medico ginecologo al risarcimento dei danni in favore della parte civile costituita da liquidarsi in sede civile e al pagamento di una provvisionale da imputarsi nella liquidazione definitiva  del danno”.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Presentazione del volume “Il ruolo dell’Universita’per le aree interne”

Pubblicato

-

La gestione associata dei servizi e delle funzioni comunali nella Val di Comino” a cura di Margherita Interlandi e Luigi Famiglietti

Sabato 22 gennaio, alle ore 10.30, si terrà la presentazione del libro “Il ruolo dell’università per le aree interne. La gestione associata dei servizi e delle funzioni comunali nella Val di Comino” a cura di Margherita Interlandi e Luigi Famiglietti. L’evento è organizzato dall’Associazione culturale “La Ripa” di Castelvetere sul Calore (AV) e dalla sua sottosezione Centro Studi “Fiorentino Sullo”.

Il libro, curato da Luigi Famiglietti, professore a contratto di diritto degli enti locali presso l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, insieme alla professoressa Margherita Interlandi, ordinario di diritto amministrativo presso lo stesso ateneo, analizza l’attuazione della gestione associata di servizi e funzioni in “Val di Comino”, territorio della provincia di Frosinone inserito nella Strategia Nazionale Aree Interne (SNAI).

Il tema delle Aree Interne viene affrontato nell’ambito di un rinnovato rapporto tra Università, comunità locale e capitale umano, in grado di sperimentare nuovi modelli di partenariato istituzionale, necessari per orientare la formazione, la ricerca, lo sviluppo economico e sociale a vantaggio della realtà in cui opera.

L’indagine, che ha preso forma attraverso il lavoro di ricerca effettuato dagli studenti del corso di Diritto degli Enti Locali dell’Università di Cassino tenuto da Luigi Famiglietti, consente di riflettere sui rapporti di forza e sulle criticità della Strategia, nonché sulla sua applicazione in altri contesti, come la stessa Irpinia, dove i fondi del PNRR e della Programmazione europea 2021-2027 costituiscono uno strumento irripetibile per l’elaborazione di politiche di sviluppo locale.

Dopo i saluti di Generoso Moccia, sindaco di Castelvetere sul Calore, interverranno Filippo Barbera, professore ordinario di sociologia economica presso il Dipartimento CPS dell’Università di Torino, Vincenzo Durante, Responsabile Area Occupazione di INVITALIA, Luigi Famiglietti, curatore del libro, Clelia Fusco di Formez PA, Francesco Monaco, Capo Dipartimento “Supporto ai Comuni e Studi politiche europee”, Fondazione per la Finanza e l’Economia locale IFEL-ANCI, Luigi Vacana, vicepresidente della Provincia di Frosinone e vicesindaco di Gallinaro.

Il dibattito, moderato da Roberto Sullo, coordinatore del Centro Studi “Fiorentino Sullo”, sarà trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook del Centro Studi “Fiorentino Sullo”.

https://www.facebook.com/CentroStudiSullo

Continua a leggere

Attualità

Ariano Irpino riceve il finanziamento regionale per “Buongiorno Ceramica”

Pubblicato

-

La Regione Campania con decreto dirigenziale n. 2 del 05/01/2022, ha pubblicato la graduatoria dei progetti ammissibili di finanziamento per il POC 2021-2022 “Programma unitario di percorsi turistici di tipo culturale, naturalistico ed enogastronomico di portata nazionale e internazionale”.

Tra questi, con grande soddisfazione, Ariano Irpino si è classificata 8^ su 89 proposte e 4^ a livello provinciale, con la proposta progettuale “Buongiorno Ceramica. I colori della Campania tra Terre e Mare”.

Il progetto vede per la prima volta insieme 5 Città della Ceramica campane unite nel perseguire il comune obiettivo di promuovere e valorizzare le proprie eccellenze e specificità territoriali con la ceramica artistica e tradizionale a fare da filo conduttore di un viaggio che attraverserà tutta la Campania, dalle aree interne alle aree costiere, dai piccoli borghi alle città di mare, alla scoperta di colori, sapori, tradizioni, sensazioni che rendono unica la nostra Regione.

Il Comune di Ariano Irpino con orgoglio e onore guiderà il progetto – riferisce il Sindaco Franza – che ha visto l’adesione, ad inizio settembre 2021, dei Comuni di Cerreto Sannita, San Lorenzello, Cava de’ Tirreni e Vietri sul Mare e che ringraziamo per il supporto”.

Un grande risultato per la Città – continua l’Assessore Tarantino. Dopo il progetto di manutenzione artistica “Frantumi” prosegue l’impegno dell’Amministrazione Comunale nella valorizzazione della ceramica come elemento caratterizzante di Ariano Un ringraziamento è dovuto all’Assessore Regionale Felice Casucci per l’impegno profuso nei territori durante questi mesi”.

Continua a leggere

Attualità

Panta rei: il doloroso percorso esistenziale di un uomo che non si arrende

Pubblicato

-

Immagine di copertina realizzata da Tonino Russolillo

“La storia di un uomo non può essere chiusa nei fogli ingialliti di un album né bloccata nei cassetti vuoti della memoria. Con le sue illusioni, emozioni, gioie, paure e dolori, la vita rinasce per manifestarsi ancora in tante diverse forme. Esplode simile al fragoroso rumore di un fiume in piena che poi, lentamente, fluisce verso l’infinito mare dell’esserci, là dove l’uomo si rigenera con le molteplici, provvisorie ed inutili illusioni. Stoltamente crede nella sua perenne giovinezza chi, tronfio della sua orgogliosa e presunta immortalità, continua a vivere senz’anima”. È proprio l’anima, nei suoi diversi e intensi stati emotivi e nel suo dipanarsi tra passato e presente, non solo nella forma proposta nei succitati versi (La storia di un uomo), il perno attorno a cui ruota Panta rei, una raccolta di 50 poesie elaborate dal professor Carmine (detto Nicola) Russolillo, che nel primo lungo lockdown per la pandemia, ha aperto il cassetto dei ricordi, trasformando i suoi appunti in momenti poetici. Ha ricomposto attraverso uno stile razionale e suggestivo, il racconto emozionale della sua vita, intrisa oltre che di gioie e dolori, per dirla ancora con l’Autore: “delle insensate paure e delle stolte certezze, del totale sconforto e delle necessarie consolazioni, delle tante cadute e delle desiderate rinascite alla ricerca di un ritrovato equilibrio umano, morale e sociale, per tentare di allontanarsi dal doloroso labirinto esistenziale”. Quello di Russolillo è un racconto per immagini e sensazioni che, seguendo la professoressa Rossella Caccese: “narra della vita dell’uomo, di un umanesimo, oggi più che mai, necessario alla costruzione di una società più sana e più giusta”. Rievoca così il tempo della morte della madre e il suo ultimo bacio, che sfiora le sue già fredde labbra” (A mia madre), mentre prepotente emerge il ricordo della sorella Emma, prematuramente scomparsa, a cui Carmine dedica il libro, riconoscendole un ruolo da protagonista nella sua crescita umana e sociale, in Ricordi e rievocandone il volto luminoso, il perenne sorriso, nel desiderio di ritornare a parlare dei loro sogni di bambini, con: A mia sorella Emma. Scorrendo nel suo percorso esistenziale, in cui in tanti potremo identificarci per sensibilità, esperienze e sensazioni, colpisce altresì la struggente poesia dedicata al bambino siriano di tre anni, scappato dalla guerra con i suoi genitori e ritrovato morto nel 2015 su una spiaggia turca, a seguito del naufragio del gommone su cui erano imbarcati (Per la morte di Alan Kurdi). E se, in tempi di costrizione al distanziamento dagli altri, si affaccia con maggior forza il desiderio di poter abbracciare gli uomini di tutto il mondo (Pandemia), nemmeno di fronte alla disumana violenza dell’uomo che abbandona in una siepe un’innocente gattina chiusa in una busta, bisogna perdere la fiducia (Speranza). Così come, se l’imposizione di una vita in solitudine (Vivere da solo…) invidiando gli amici, ammalandosi di noia, è la condizione di un avverso destino su cui piangere, non bisogna comunque scoraggiarsi: il tempo rimargina le ferite e predispone il cuore a nuovi incontri ed esperienze. L’Autore, nonostante i dolori, le nostalgie, le dure prove, l’animo stanco (“Continua ad amare”), le disillusioni, riesce ancora ad approcciarsi alla vita in positivo: “desidero ancora abbracciare la vita”. Tutto scorre e passa come ne: La clessidra, che contiene la vita in un tenpo e uno spazio finiti, tanto da fargli domandare se si potrà mai fermare il tortuoso cammino che gli uomini intraprendono verso le difficili strade, che conducono alle mete sperate. Se siamo nel mondo per esserci, ci suggerisce saggio, “allora bisogna vivere la nostra vita come momenti unici e irripetibili, come se fosse un’opera d’arte in continuo divenire”. Bisogna acquisire la consapevolezza che ogni cosa scorre, “per trovare poi la quiete nell’immenso mare dell’esistere”.                                                                                                    Un’opera fluida, senza  barocchismi lessicali, ma nel contempo sofisticata, intima e insieme universale, da leggere tutta d’un fiato, per ritrovare anche la nostra anima e con essa, quel senso di umanità e quella direzione verso un cammino di empatia, di giustizia, di speranza e di solidarietà, nei confronti dei nostri simili, che da troppo tempo sembra essersi smarrito. Perché se è vero che, richiamandoci al filosofo Eraclito, nulla è permanente, tutto scorre e cambia, è altrettanto vero che ogni umana azione fatta con passione, impegno e generosità, lascia il segno anche per chi verrà dopo di noi.

Floriana Mastandrea

Carmine (Nicola) Russolillo

Panta rei (Lucarelli Print Paper)

L’Autore ha ancora a disposizione delle copie, che donerà a chi gliene farà richiesta.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti