Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Ex-Irisbus, Spera (Ugl): “Basta indiscrezioni, Mise convochi tavolo”

Pubblicato

-

“E’ inaccettabile che, per l’ennesima volta, si apprenda dagli organi di stampa di importanti cambiamenti nel piano industriale di Industria Italiana Autobus per il sito ex-Irisbus di Valle Ufita”.

Lo dichiara il segretario generale dell’Ugl Metalmeccanici, Antonio Spera, commentando la notizia dell’ingresso nella cordata di un nuovo imprenditore, Stefano Rampini, che guida un’azienda umbra attiva nella progettazione di autobus speciali.

“Rinnoviamo dunque la richiesta di un incontro urgente al ministero dello Sviluppo economico – aggiunge – sia per avere dettagli sulle ultime indiscrezioni sia per fare il punto della situazione sull’accordo sottoscritto al Mise, in base al quale entro dicembre dovrebbero entrare in azienda più di 100 lavoratori, sulla richiesta del secondo anno di cigs per ristrutturazione, visto che il primo è ormai in scadenza, e sull’approvazione del contratto di sviluppo Invitalia”.

“Siamo in forte ritardo sui tempi previsti ed è assurdo – conclude – che ad oggi il sito sia ancora chiuso e non ci siano convocazioni al riguardo”.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Pnrr, Aquino (Noi di Centro): “Governo faccia chiarezza su assunzioni personale a tempo determinato piccoli comuni”

Pubblicato

-

“La senatrice Lonardo ha provveduto a presentare una interrogazione parlamentare”

Avellino, 18 gen. – “Ringraziamo la senatrice di Noi di Centro, Sandra Lonardo, che ha ricevuto la nostra sollecitazione ed ha provveduto a presentare un’interrogazione parlamentare rivolta al Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, al Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, al Ministro per la pubblica amministrazione, Renato Brunetta, e al Ministro dell’economia e delle finanze, Daniele Franco, in merito alle procedure da seguire per le assunzioni di personale a tempo determinato per il potenziamento amministrativo dei Comuni con meno di 5.000 abitanti, coinvolti nell’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose”. Lo dichiara in una nota il segretario provinciale di Noi di Centro Avellino, Ciro Aquino.

“È opportuno – spiega il segretario provinciale del partito di Mastella – che il Governo chiarisca, quanto prima, ai piccoli Enti locali l’accesso al Fondo dedicato alle assunzioni a tempo determinato previste dall’articolo 31-bis comma 5 D.L. n. 152/2021, come convertito dalla Legge n. 233/2021. Nello  stato di  previsione  del  Ministero  dell’interno  al  fine  del concorso alla copertura dell’onere sostenuto dai Comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti  per le  richiamate  assunzioni a  tempo determinato, con una dotazione di 30 milioni di euro annui per ciascuno degli anni dal 2022 al 2026. Le predette risorse saranno ripartite tra i Comuni attuatori dei progetti previsti dal PNRR, sulla base del monitoraggio delle esigenze assunzionali. A tal fine, i comuni interessati devono comunicare al Dipartimento della funzione pubblica, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione (quindi entro il 31 gennaio 2022), le esigenze di personale connesse alla carenza delle professionalità strettamente necessarie all’attuazione dei predetti progetti, il cui costo non è sostenibile a valere sulle risorse disponibili nel bilancio degli enti. Il comune beneficiario è tenuto a riversare, ad apposito capitolo di entrata del bilancio dello Stato, l’importo del contributo non utilizzato nell’esercizio finanziario”.

“Lo scopo dell’atto parlamentare, pertanto, è rivolto a comprendere se e quali iniziative di competenza i ministri ritengano di intraprendere al fine di consentire alle Amministrazioni Comunali la trasmissione dei dati (che dovrà avvenire entro il 31 gennaio 2022) afferenti le esigenze di personale, connesse alla carenza delle professionalità strettamente necessarie all’attuazione dei predetti progetti, atteso che i comuni ne sono impossibilitati in questa fase, sia perché alcuni bandi del PNRR sono in fase di pubblicazione sia perché alcuni non sono stati ancora pubblicati. Si chiede ancora ai ministri se ritengano di attivarsi, anche con un decreto legge, per chiarire se in questa fase possono fare richiesta di detto contributo esclusivamente i comuni che hanno già avuto progetti finanziati dal PNRR, oppure, i comuni che hanno soltanto candidato i relativi progetti senza ancora aver ottenuto il relativo finanziamento, o infine i comuni che hanno predisposto un progetto da candidare a finanziamento nel momento in cui verrà pubblicato il relativo bando a valere sul PNRR. Agli stessi, inoltre, viene richiesto se sarà assicurata ai piccoli comuni la concreta possibilità di poter procedere all’assunzione a tempo determinato delle idonee professionalità per la partecipazione ai bandi del Pnrr e quali iniziative i ministri, in indirizzo, ritengano di assumere con urgenza”, conclude il sindaco di Montefredane.

Continua a leggere

Attualità

COMUNE EDILIZIA POPOLARE: IN ARRIVO 5 MILIONI PER I 63 ALLOGGI DI VIA VIGGIANO

Pubblicato

-

E’ con grande soddisfazione che il sindaco Enrico Franza comunica che con Decreto Dirigenziale n. 2 del 14 gennaio 2022, è stato approvato il Piano degli interventi ammessi al finanziamento predisposto sulla base dell’ordine di graduatoria del Bando per la riqualificazione della edilizia residenziale pubblica (Misura 11 del Fondo Complementare al PNRRProgramma Sicuro, verde e sociale: riqualificazione edilizia residenziale pubblica)eche Ariano rientra a pieno diritto tra i Comuni finanziati con un progetto che interesserà i 63 alloggi di Via Viggiano.

Il Sindaco Franza così annuncia: “ A poco più di due settimane, due straordinari, storici risultati: abbiamo chiuso il 2021 con la notizia del finanziamento di 5 milioni di euro che stravolgerà il volto del nostro cento storico, e inauguriamo il nuovo anno con un ulteriore finanziamento del medesimo importo, che con mia grande gioia, travolgerà la vita di tanti nostri concittadini che reclamavano da troppo tempo il diritto di poter chiamare casa un luogo sicuro e dignitoso. Un impegno preso in campagna elettorale – continua il Sindaco – e che oggi è stato portato a termine. Tanti risultati di questo primo anno che guardano la città nella sua interezza e complessità, poiché ogni vostra esigenza, difficoltà e disagio sono per noi un diritto mancato, che come abbiamo fatto, fino ad oggi, cercheremo di onorare con dedizione ed impegno. Faremo il possibile per arrivare a tutti voi, pienamente consapevole che ogni vostra priorità debba divenire una nostra urgenza, ma a cui solo l’arte del tempo e del duro lavoro vi potranno rispondere con risolutezza e serietà. Un duro lavoro – conclude il Sindaco – che si deve in particolar modo ai dipendenti comunali, a cui ancora una volta va tutto il nostro più sentito ringraziamento”.

Si aggiungono le parole dell’assessore dell’Edilizia Popolare, Pasqualino Molinario: “Con questo progetto, finalmente, si avrà una risolutiva ristrutturazione non solo degli alloggi popolari, le cd. case gialle, che da decenni versano in condizioni precarie a cause di significative infiltrazioni e problemi strutturali, ma anche una totale riqualificazione dell’intera area circostante, prevedendo una presenza di aree verdi, aree attrezzate e spazi di aggregazione. Inoltre, saranno utilizzate, in linea con gli indirizzi europei, fonti di energia rinnovabili, forniti servizi essenziali per l’intera area grazie anche al totale abbattimento delle barriere architettoniche. Con grandissima soddisfazione – chiude l’Assessore Molinario – che Ariano rientra tra i 40 Comuni in Campania ad essere stati finanziati a fronte di un progetto innovativo che contempla non solo l’aspetto architettonico, ma anche soprattutto l’aspetto sociale, rivolto in particolar modo ai più fragili e bisognosi”.

Continua a leggere

Attualità

Covid in Irpinia-Ancora alto il numero dei contagi in provincia, oggi sono 854

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 7.560 tamponi somministrati in provincia di Avellino, sia antigenici che molecolari, sono risultate positive al COVID 854 persone:

– 5, residenti nel comune di Aiello del Sabato;
– 4, residenti nel comune di Altavilla Irpina;
– 1, residente nel comune di Andretta;
– 45, residenti nel comune di Ariano Irpino;
–  16, residenti nel comune di Atripalda;
– 15, residenti nel comune di Avella;
– 95, residenti nel comune di Avellino;
–  4, residenti nel comune di Bagnoli Irpino;
–  8, residenti nel comune di Baiano;
– 7, residenti nel comune di  Bisaccia;
– 3, residenti nel comune di Bonito;
–  1, residente nel comune di Cairano;
– 4, residenti nel comune di Calabritto;
– 6, residenti nel comune di  Calitri;
– 4, residenti nel comune di Candida;
– 6, residenti nel comune di Caposele;
– 4, residenti nel comune di Capriglia Irpina;
– 6, residenti nel comune di Casalbore;
– 2, residenti nel comune di Castel Baronia;
–  3, residenti nel comune di Castelvetere sul Calore;
– 31, residenti nel comune di Cervinara;
– 9, residenti nel comune di  Cesinali;
– 2, residenti nel comune di Chianche;
–  3, residenti nel comune di Chiusano di San Domenico;
–  13, residenti nel comune di Contrada;
– 2, residenti nel comune di Domicella;
– 6, residenti nel comune di  Flumeri;
– 4, residenti nel comune di Fontanarosa;
– 18, residenti nel comune di Forino;
–  4, residenti nel comune di Frigento;
– 8, residenti nel comune di Gesualdo;
– 8, residenti nel comune di Grottaminarda;
– 5, residenti nel comune di Grottolella;
–  1, residente nel comune di Guardia Lombardi;
–  1, residente nel comune  di Lacedonia;
– 3, residenti nel comune di Lapio;
– 12, residenti nel comune di Lauro;
– 6, residenti nel comune di  Lioni;
–  5, residenti nel comune di Luogosano;
– 8, residenti nel comune di Manocalzati;
–  6, residenti nel comune di Marzano di Nola;
–  1, residente nel comune di Melito Irpino;
– 25, residenti nel comune di Mercogliano;
– 8, residente nel comune di Mirabella Eclano;
–  1, residente nel comune di Montaguto;
– 10, residenti nel comune di Montecalvo Irpino;
– 11, residenti nel comune di Montefalcione;
– 16, residenti nel comune di Monteforte Irpino;
– 1, residente nel comune di Montefredane;
–  2, residenti nel comune di Montefusco;
– 22, residenti nel comune di Montella;
– 7, residenti nel comune di Montemarano;
– 5, residenti nel comune di Montemiletto;
– 57, residenti nel comune di Montoro;
– 4, residenti nel comune di Morra De Sanctis;
– 4, residenti nel comune di Moschiano;
– 19, residenti nel comune di  Mugnano del Cardinale;
– 14, residenti nel comune di Nusco;
– 5, residenti nel comune di  Ospedaletto d’Alpinolo;
– 7, residenti nel comune di Pago del Vallo di Lauro;
– 1, residente nel comune di Petruro Irpino;
– 1, residente nel comune di Pietradefusi;
–  2, residenti nel comune di Pietrastornina;
– 8, residenti nel comune di Prata PU;
– 5, residenti nel comune di Pratola Serra;
–  2, residenti nel comune di Quadrelle;
– 4, residenti nel comune di Quindici;
– 3, residenti nel comune di Rocca San Felice;
– 5, residenti nel comune di Roccabascerana;
– 20, residenti nel comune di Rotondi;
–  2, residenti nel comune di Salza Irpina;
–  1, residente nel comune di San Mango sul Calore;
– 19, residenti nel comune di San Martino Valle Caudina;
– 5, residenti nel comune di San Michele di Serino;
– 2, residenti nel comune di San Potito Ultra;
– 2, residenti nel comune di San Sossio Baronia;
– 4, residenti nel comune di Santa Lucia di Serino;
– 4, residenti nel comune di Sant’Andrea di Conza;
– 1, residente nel comune di Sant’Angelo a Scala;
– 9, residenti nel comune di Sant’Angelo dei Lombardi;
– 2, residenti nel comune di Santo Stefano del Sole;
– 8, residenti nel comune di Savignano Irpino;
– 13, residenti nel comune di Senerchia;
– 44, residenti nel comune di Serino;
– 7, residenti nel comune di Sirignano;
– 22, residenti nel comune di Solofra;
– 1, residente nel comune di Sorbo Serpico;
– 8, residenti nel comune di Sperone;
– 1, residente nel comune di Sturno;
– 3, residenti nel comune di Summonte;
– 3, residenti nel comune di Taurano;
– 5, residenti nel comune di Taurasi;
– 6, residenti nel comune di Teora;
–  1, residente nel comune di Torella dei Lombardi;
– 1, residente nel comune di Torre Le Nocelle;
– 2, residenti nel comune di  Trevico;
–  4, residenti nel comune di Tufo;
– 2, residenti nel comune di Venticano;
– 1, residente nel comune di Villamaina;
– 1, residente nel comune di Villanova del Battista;
– 6, residenti nel comune di Volturara Irpina.
L’Azienda Sanitaria Locale ha avviato indagine epidemiologica sui contatti dei casi positivi.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti