Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Emergenza Covid-19 Vittorio Melito:”Zona rossa e test rapidi, ci stanno forse prendendo in giro?”

Pubblicato

-

Dal dr. Vittorio Melito, riceviamo e pubblichiamo:

Non è mio costume intervenire pubblicamente in maniera ripetuta, forse noiosa, ma sono spinto da preoccupazione e dolore per la mia Ariano, della quale ebbi l’onore di essere il primo cittadino.

Ci stanno forse prendendo in giro?

La circolare in data 3/4/2020 del Ministero della Salute avente ad oggetto “Pandemia di COVID-19 – Aggiornamento delle indicazioni sui test diagnostici e sui criteri da adottare nella determinazione delle priorità. Aggiornamento delle indicazioni relative alla diagnosi di laboratorio” distingue i test diagnostici basati sul rilevamento del virus nelle secrezioni respiratorie (i c.d. tamponi), tra i quali vi sono anche kit di diagnosi rapida virologica, dai test sierologici. I primi consistono nel rilevamento in secrezioni respiratorie, prelevate in sede orofaringea, della presenza del virus nelle secrezioni stesse tramite l’amplificazione dei geni virali con metodi di RT-PCR, ovvero (quelli rapidi) direttamente nelle secrezioni; sono analisi che possono essere eseguite soltanto in determinati laboratori, debitamente autorizzati, che dispongono di specifiche attrezzature, di personale debitamente formato ed in grado di manipolare i campioni evitando rischi di contaminazione I test sierologici sono invece analisi di campioni di sangue che rilevano la presenza (non del virus, ma) di anticorpi IgM e IgG specifici per la diagnosi, eseguibili in tutti i laboratori di analisi.

Si legge però nella citata circolare che “i test sierologici sono molto importanti nella ricerca e nella valutazione epidemiologica della circolazione virale. Diversamente, come attualmente anche l’OMS raccomanda, per il loro uso nell’attività diagnostica d’infezione in atto da SARS-CoV-2, necessitano di ulteriori evidenze sulle loro performance e utilità operativa. In particolare, i test rapidi basati sull’identificazione di anticorpi IgM e IgG specifici per la diagnosi di infezione da SARS-CoV-2, secondo il parere espresso dal CTS, non possono, allo stato attuale dell’evoluzione tecnologica, sostituire il test molecolare basato sull’identificazione di RNA virale dai tamponi nasofaringei secondo i protocolli indicati dall’OMS. Il risultato qualitativo ottenuto su un singolo campione di siero non è sufficientemente attendibile per una valutazione diagnostica, in quanto la rilevazione della presenza degli anticorpi mediante l’utilizzo dei test rapidi non è comunque indicativo di un’infezione acuta in atto, e quindi della presenza di virus nel paziente e rischio associato a una sua diffusione nella comunità. Inoltre, per ragioni di possibile cross-reattività con altri patogeni affini come altri coronavirus umani, il rilevamento degli anticorpi potrebbe non essere specifico della infezione da SARS-CoV2. Infine, l’assenza di rilevamento di anticorpi (non ancora presenti nel sangue di un individuo per il ritardo che fisiologicamente connota una risposta umorale rispetto all’infezione virale) non esclude la possibilità di un’infezione in atto in fase precoce o asintomatica e relativo rischio di contagiosità dell’individuo.”

In parole povere, chi risulta negativo a questi test può essere ugualmente affetto da Sars-CoV2 se ha contratto l’infezione da poco tempo, oppure se essa è asintomatica e non ha dunque indotto la formazione di anticorpi, senza per questo escludere la contagiosità del soggetto.

Chi invece risulta positivo potrebbe trovarsi: 1) in fase di immunizzazione (in via di guarigione), ma essere ancora contagioso per una incompleta eliminazione del virus dall’organismo; 2) essere totalmente guarito e non contagioso per eliminazione definitiva del virus; 3) essere semplicemente venuto in contatto con altri corona virus (non il Sars Cov2), costituendo i cosiddetti falsi positivi. Quindi, per dirimere ogni dubbio relativo a queste tre possibilità, andrebbe comunque fatto il tampone per la ricerca diretta del virus (RNA).

I test sierologici sono dunque pressoché inutili a fini diagnostici o, almeno, soltanto vagamente indicativi della necessità di approfondimenti.

La stessa circolare prosegue affermando che ”l’esecuzione del test diagnostico va riservata prioritariamente ai casi clinici sintomatici/paucisintomatici e ai contatti a rischio familiari e/o residenziali sintomatici, focalizzando l’identificazione dei contatti a rischio nelle 48 ore precedenti all’inizio della sintomatologia del caso positivo o clinicamente sospetto così come indicato nella circolare n. 9774 del 20/03/2020. Per garantire la sua efficacia nella strategia di ricerca dei casi e dei contatti, l’esecuzione del test deve essere tempestiva. L’esecuzione dei test va assicurata agli operatori sanitari e assimilati a maggior rischio, sulla base di una sua definizione operata dalle aziende sanitarie, tenute ad effettuarla quali datori di lavoro.”

Inoltre, in caso di necessità dovuta ad oggettive difficoltà esemplificate nella circolare, i tamponi devono essere eseguiti dando priorità a: pazienti ospedalizzati con infezione acuta respiratoria grave; tutti i casi di infezione respiratoria acuta ospedalizzati o ricoverati nelle residenze sanitarie assistenziali e nelle altre strutture di lunga degenza; operatori sanitari esposti a maggior rischio; operatori dei servizi pubblici essenziali sintomatici, anche affetti da lieve sintomatologia per decidere l’eventuale sospensione dal lavoro; operatori, anche asintomatici, delle RSA e altre strutture residenziali per anziani; persone a rischio di sviluppare una forma severa della malattia e fragili, come persone anziane con comorbilità, ivi incluse le persone vulnerabili, quali le persone che risiedono in residenze per anziani; primi individui sintomatici all’interno di comunità chiuse.

Dunque, se i test già eseguiti sul personale ospedaliero e dei quali si pubblicizza la prossima estensione sono di tipo sierologico, non servono a “screenare” (orribile neologismo) la popolazione, ma soltanto a fini di ricerca e valutazione epidemiologica. Nessuna tranquillità ne può derivare.

Rimane inattuata la priorità di sottoporre a tampone (non a test rapidi sierologici), fra l’altro, tutti gli operatori sanitari, tutti gli operatori ed ospiti di residenze sanitarie, tutte le persone anziane con patologie pregresse.

Dunque, non è ancora stato avviato nessun intervento di particolare riguardo per la zona rossa di Ariano Irpino.

Sono profano della materia e può darsi che stia prendendo un colossale abbaglio; se qualche sanitario mi può correggere, ne sarò lieto.

In caso contrario, al danno si aggiunge la beffa!

Attualità

Ad Ariano partono i mercati agroalimentari nei Rioni di Cardito e Martiri

Pubblicato

-

L’Amministrazione Comunale di Ariano Irpino con delibera di Giunta n. 283 del 23.11.2021, ha dato le direttive per l’istituzione di n. 2 mercati agroalimentari nei Rioni periferici Cardito e Martiri, per un periodo sperimentale di un anno.

Si inizia sabato 2 luglio a Cardito e lunedì 4 luglio ai Martiri.

I due mercati si terranno ogni sabato nel Rione Cardito (area antistante il Palazzetto dello Sport) e ogni lunedì nel Rione Martiri (area di
sosta laterale alla via Caracciolo, adiacente locale “Reset”).

L’intento dell’Amministrazione, d’intesa anche con la Cia di Avellino, è quello di dare priorità alle aziende agricole del territorio, al fine di valorizzare le eccellenze locali, con l’utilizzo di prodotti a chilometri zero.

Continua a leggere

Attualità

Ariano approva l’esenzione canone unico (EX COSAP) dal 01 luglio al 30 settembre per le imprese di pubblico esercizio

Pubblicato

-

Il  31 marzo 2022 è scaduta la proroga dell’esenzione per i pubblici esercizi dal pagamento del Canone Unico Patrimoniale (ex COSAP) stabilita dal Governo con la Legge di Bilancio (art. 1, commi 706-707 della Legge n. 234 del 30/12/2021)  a causa dell’emergenza Covid19.
 
Il Comune di Ariano Irpino ha approvato la proroga dell’esenzione dal 01/07/2022 al 30/09/2022 a favore delle imprese di pubblico esercizio di cui all’art. 5 della L. 25/08/1991 n. 287, titolari di concessioni o di autorizzazioni concernenti l’utilizzazione del suolo pubblico dal pagamento del canone unico patrimoniale ex art. 1, co. 816 e segg., L. 160/2019. 
 
Si rende inoltre noto ai titolari di imprese di pubblico esercizio che, per effetto dell’art. 3-quinquies del D.L. n° 228/2021 (c.d. “Milleproroghe”), convertito, con modifiche, in Legge 25 febbraio 2022, n. 15, è stato prorogato al  30 giugno 2022 il regime semplificato per le autorizzazioni all’occupazione degli spazi ed aree pubbliche.
 
In allegato la  delibera n. 146 del 28 giugno 2022,  con la quale la Giunta Comunale ha approvato le misure a favore dei pubblici esercizi di cui all’art. 5 della legge 25/08/1991, n. 287.

Continua a leggere

Attualità

Questione Castello, la Minoranza:”Nessuna delibera in consiglio”

Pubblicato

-

Nella prima e finora unica dichiarazione rilasciata al Mattino dopo il pasticcio del Castello Normanno, il Sindaco Enrico Franza sostiene che il Consiglio all’unanimità, quindi con i voti anche della minoranza, avrebbe deliberato in data 18/05/2022 di non accettare la donazione del progetto del CESN. Tale affermazione, purtroppo, è falsa. Ed infatti il Consiglio Comunale nulla ha deliberato sul progetto CESN (anche perché non era di sua competenza), ma con la delibera n. 27 ha semplicemente fornito all’Area Tecnica generici indirizzi sul Castello Normanno, volti all’utilizzo dello stesso anche per altre finalità e all’avvio di collaborazioni anche con altri Enti (non meglio identificati) oltre che con il CESN. Nella delibera si legge a chiare lettere che il Consiglio dà indirizzi alla Giunta di procedere alla redazione di un progetto che preveda percorsi, antichi manufatti e altre azioni di recupero, sempre in collaborazione con il CESN. Insomma una semplice dichiarazione di intenti, che non esclude affatto il CESN e il suo progetto, ma anzi parte proprio da esso per promuovere una valorizzazione dell’antico maniero.
La prova di ciò, documentata da questo video ce la dà lo stesso Sindaco, che il 30/05/2022 (quindi successivamente alla delibera) si recó in pompa magna al convegno per il trentennale CESN a ringraziare per la “munificenza” offerta dal CESN alla città, ribadendo l’opportunità di valorizzare il Museo Normanno e offrendo in segno di gratitudine al prof. Troso, anima del progetto, la cittadinanza onoraria.
Questi i fatti. Poi chi vuole arrampicarsi sugli specchi lo faccia pure, ma senza attribuire (anche) ad altri le proprie scelte autolesioniste.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti