Mettiti in comunicazione con noi

Politica

Consiglio comunale. Salta la seduta per l’approvazione del Bilancio.

Pubblicato

-

E’ andata deserta la seduta del consiglio comunale convocata ieri sera per l’approvazione del conto consuntivo 2012. Il consigliere di maggioranza Pasqualino Santoro si è presentato in aula ed ha comunicato ai consiglieri della minoranza presenti che la seduta sarebbe stata rinviata di ulteriori 24 ore per l’indisponibilità da parte di due consiglieri (Melito e Cirillo), cosi come per altro già previsto nell’ordine del giorno. Questo ulteriore rinvio ha suscitato la reazione stizzita di qualche componente dell’opposizione, secondo il quale il vero motivo del rinvio non è da imputare all’assenza di qualche consigliere ma che alcuni consiglieri della maggioranza pressano il sindaco su questioni che non hanno nulla a che vedere con il bene del paese. Sempre per gli esponenti dell’opposizione, questo comportamento denota una mancanza di rispetto verso il paese e le istituzioni, e questo continuo vivere alla giornata dimostra che la maggioranza non riesce ad essere unita nemmeno in un’occasione importante come quella dell’approvazione del bilancio. A questo punto, sottolineano dall’opposizione, solo il ritorno alle urne potrebbe ristabilire un equilibrio politico venuto meno negli ultimi tempi. Di avviso diverso la maggioranza secondo cui l’unico motivo del rinvio è da ricercare nella mancanza di disponibilità di alcuni consiglieri, i quali avevano avvisato della loro assenza. Per il resto nessuno ha espresso critiche sia nei confronti del sindaco che della giunta, infatti l’ultima riunione di maggioranza ha evidenziato un sostanziale accordo su tutta la linea. Per sapere se vi sono o no problemi in maggioranza basterà attendere il consiglio di questa sera Intano l’assessore Pratola ha reso noto le linee guida del rendiconto della gestione dell’esercizio finanziario 2012. Il dato più significativo che emerge è che il Comune di Ariano fa registrare un avanzo di amministrazione di di circa 5 milioni e 500mila euro.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

L’avvocato Giarnese nominato commissario politico di Forza Italia del Comune di Ariano

Pubblicato

-

Il coordinatore regionale di Forza Italia Fulvio Martusciello su proposta del coordinatore provinciale di Avellino Carmine De Angelis e del vicario Giovanni Puopolo , nomina quale commissario politico di Forza Italia del Comune di Ariano Irpino l’avvocato Giancarlo Giarnese. “Sono certo” afferma Martusciello “che otterremo importanti risultati costruendo un partito partecipato che si proporrà alla guida della città di Ariano”.

Continua a leggere

Attualità

ELEZIONI POLITICHE 2022 – Orario apertura Ufficio Elettorale per rilascio certificati

Pubblicato

-

In occasione delle Elezioni Politiche 2022 di domenica 25 settembre 2022, l’Ufficio Elettorale in Via Prolungamento Marconi, sarà aperto esclusivamente per il rilascio dei certificati di iscrizione alle liste elettorali, nei seguenti orari:

giovedì 18 agosto dalle ore 9,00 alle ore 11,30 e dalle ore 15,30 alle ore 17,30

venerdì 19 agosto dalle ore 9,00 alle ore 11,30 e dalle ore 15,30 alle ore 17,30

sabato 20 agosto dalle ore 9,00 alle ore 11,30 e dalle ore 15,30 alle ore 17,30

domenica 21 agosto dalle ore 8,00 alle ore 20,00

lunedì 22 agosto dalle ore 8,00 alle ore 20,00.

Continua a leggere

Attualità

Massimo Villone: “Bisogna contrapporsi nettamente all’autonomia differenziata”

Pubblicato

-

Bonaccini, presidente della regione Emilia Romagna, boccia la linea politica del PD, ritenuta troppo a sinistra. Il congresso è alle porte e Bonaccini scalda i motori ponendosi in pole position per essere eletto segretario. Il futuro condottiero del PD reputa indispensabile dare immediata attuazione al regionalismo differenziato che è parte integrante del programma di governo inserito nella legge di bilancio. Dimentica il Meridione che si avvia allo spopolamento, senza i giovani quest’area non avrà le braccia e le intelligenze per risollevarsi dal declino. Bonaccini insieme a Zaia e Fontana, quest’ultimi presidenti delle regioni Veneto e Lombardia, vogliono il regionalismo differenziato senza l’approvazione dei Livelli Essenziali delle Prestazioni (LEP) che consentirebbero di riconoscere diritti minimi ed uguali a tutti i cittadini. Grave è il pericolo della balcanizzazione del paese, nessuna voce, in campagna elettorale, propone il rilancio del meridione privo di infrastrutture moderne che possano consentire le sfide commerciali con i competitor internazionali. Il regionalismo differenziato rompe il patto costituzionale dell’Unità e della coesione territoriale, sul tema i partiti, di maggioranza ed opposizione, hanno calato un vergognoso silenzio. Il pericolo è chiaro e imminente, il tema è stato ripreso da Massimo Villone, professore emerito di Diritto Costituzionale dell’Università Federico II di Napoli su “Il Manifesto” dell’8 agosto 2022: “Ora che l’autonomia è ufficialmente nel programma elettorale del centrodestra il silenzio non può continuare. Bisogna contrapporsi nettamente”.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti