Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Confesercenti, Marinelli: rinegoziazione dei contratti di locazione di attività commerciali e produttive per rilanciare le imprese

Pubblicato

-

«Rinegoziazione dei contratti di locazione, sospensione temporanea di Imu e Tari e canali agevolati per garantire liquidità alle imprese: queste sono alcune delle proposte avanzate dalla nostra organizzazione, per consentire il superamento della crisi alle tante attività del territorio in difficoltà». Così Giuseppe Marinelli, presidente della Confesercenti provinciale di Avellino.

«In tutte le sedi istituzionali – prosegue il dirigente dell’associazione di categoria – non abbiamo fatto mancare la voce di commercianti, artigiani, ristoratori ed attività produttive in generale, rappresentando gli interessi specifici dei comparti, ma tenendo sempre conto anche del delicato contesto nel quale ci troviamo e delle priorità dell’intera comunità. Agli enti locali e alle amministrazioni pubbliche centrali però chiediamo uno sforzo maggiore per evitare che gli effetti dell’emergenza si abbattano in maniera irreversibile sugli operatori economici, ricordando che la ripartenza delle aziende è la principale garanzia per la salvaguardia dell’occupazione e per la crescita dell’intero Paese. Tra gli interventi che sollecitiamo e che, dopo l’audizione in Parlamento dei vertici nazionali di Confesercenti, dovrebbe trovare un concreto riscontro nei prossimi provvedimenti del governo, c’è la rinegoziazione dei contratti di locazione di immobili destinati ad attività commerciali, artigianali e ricettive, per ridurre i costi fissi di esercizio, dopo le chiusure forzate ed il calo di fatturato patiti da numerosi settori di impresa».

«Tra le indicazioni da noi fornite – conclude Marinelli – ci sono l’estensione temporale del beneficio anche al prossimo anno, la compartecipazione delle associazioni di categoria alla negoziazione, per conferire maggior tutela, nei confronti della proprietà, all’impresa locataria, l’introduzione di contributi a fondo perduto per la copertura parziale delle spese ed adeguate agevolazioni per i conduttori disponibili ad effettuare la rinegoziazione».

Attualità

Coordinamento Provinciale di Forza Italia Avellino:”Quella di Gambacorta e’ una non notizia”

Pubblicato

-

Quella di Gambacorta e’ una non notizia. Gambacorta essendo stato consigliere politico della Carfagna, non ha fatto altro che seguire le orme della stessa. Non vi è alcuna strategia in termini politici di un ipotetico polo moderato in questa scelta. Anche perché l’unica area moderata nella scena politica nazionale, è rappresentata da Forza Italia.
Una scelta, quindi, non dettata da valori, ma semplicemente da tatticismi inutili privi di coerenza.

Continua a leggere

Attualità

Servizi micronido e integrativi al nido-L’Azienda Consortile per le Politiche Sociali pubblica i bandi

Pubblicato

-

L’Azienda Consortile per le Politiche Sociali ha pubblicato gli Avvisi Pubblici per accedere ai Servizi di “Micro Nido” e ai Servizi Integrativi al Nido “Spazio Bambini e Bambine”, per l’anno educativo 2022/2023.

Le singole domande vanno inoltrate tramite la compilazione dello specifico Modulo ON-LINE https://ava1.retedelsociale.it entro le ore 12:00 del 26 Agosto 2022.

Per informazioni e chiarimenti è possibile contattare:

rossella.schiavo@pianosociale-a1.it

0825872441 – 08251930654

Continua a leggere

Attualità

Nel sessantesimo anniversario un libro racconta il terremoto dell’Irpinia e del Sannio del 21 agosto 1962

Pubblicato

-

Raccontare la storia di un terremoto dimenticato a sessant’anni dagli eventi che lo caratterizzarono. È questo l’obiettivo di “21 agosto 1962. Storia e memoria di un terremoto dimenticato”, opera del giornalista Alessandro Mazzaro e dello scrittore Angelo Coscia che punta a ricostruire le vicende che interessarono il sisma che nel 1962 colpì Irpinia e Sannio provocando 20 vittime e oltre 16mila sfollati.

Il libro, edito da Albatros Edizioni, prova a ricostruire quella storia utilizzando un doppio registro: storico e narrativo. In parallelo al racconto cronachistico di quei giorni, curato da Alessandro Mazzaro, corre infatti la narrazione di un ragazzo di quelle zone, narrata da Angelo Coscia. A curare la prefazione, invece, è Costantino Vassallo, ingegnere e storico dell’arte.

Quello del 21 agosto 1962 è un terremoto che smitizza la retorica del “miracolo economico”, riportando coi piedi per terra coloro che credevano che il modello di sviluppo del boom si fosse diffuso a macchia d’olio su tutto il territorio nazionale.

Il primo di una lunga serie di risvegli dagli inebrianti ed ottimistici sogni dell’epoca. C’è un filo sottile che collega, non solo dal punto di vista geologico, i terremoti del 1930 (oltre mille morti), quello del 1962 e quello del 1980: partendo da una tale consapevolezza il volume punta a ricostruire la complessità in cui operano i vari elementi di sviluppo e di arretratezza in Campania ed in parte del Sud Italia.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti