Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

CittadinanzAttiva – “Rilancio dell’ospedale . Chi si contenta gode”.

Pubblicato

-

Da CittadinazAttiva riceviamo e pubblichiamo:

Sulla stampa di domenica 22.10.2017 il Direttore Sanitario del P.O. “ Frangipane! ” di Ariano Irpino ha espresso tutto il suo entusiasmo per il rilancio dell’ospedale.

50 parti in più rispetto al 2016 rappresentano un incremento di circa il 20% e ci sarebbe veramente da complimentarsi ; purtroppo però nel 2016 il totale dei parti è stato molto basso e difficilmente in quest’anno si raggiungerà la quota di 500 parti richiesta dal Piano Ospedaliero Nazionale, necessari ad ottenere la deroga alla giustificazione di un reparto di ginecologia ed ostetricia.

Nessun accenno alle costanti e continue richieste da parte del TDM che hanno portato a far decollare la partoanalgesia.

Siamo convinti che senza gli ingiustificati ritardi, nonostante gli incarichi agli anestesisti, il traguardo dei 500 parti sarebbe stato raggiunto già quest’anno.

Ritenere che l’Atto Aziendale non penalizza il P.O. di Ariano , forse perché non c’è stata qualche paventato declassamento da UU.OO.CC. (Unità Operativa Complessa) a UU.OO.SS.(Unità Operativa Semplice), ci fa ritenere che non si è opportunamente riflettuto sul valore programmatorio dello stesso.

La necessità di qualificare il “ Frangipane” come DEA di 1^ livello non viene nemmeno accennata o sottesa in qualche refuso.

Il riconoscimento di HUB di 1^ livello per la rete CARDIOLOGICA, al pari dell’Azienda Ospedaliera “ Rummo” di Benevento e della Casa di Cura “ Montevergine” di Avellino, è riportato in un solo rigo, delle 165 pagine dell’Atto Aziendale, e da parte della Direzione Strategica, ad un anno dalla sua nomina , nulla è stato intrapreso per la sua realizzazione .

Pur riconoscendo la ripresa di alcuni reparti, come Associazione a tutela dei cittadini, non ci sentiamo di condividere il giudizio del Direttore Sanitario”.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Covid in Irpinia-38 persone positive oggi in provincia

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 435 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 38 persone:

– 3, residenti nel comune di Aiello del Sabato;

– 1, residente nel comune di Avella;

– 6, residenti nel comune di Avellino;

– 3, residenti nel comune di Baiano;

– 1, residente nel comune di Calabritto;

– 6, residenti nel comune di Monteforte Irpino;

– 2, residenti nel comune di  Montella;

– 3, residenti nel comune di  Preturo Irpino;

– 4, residenti nel comune di Pietradefusi;

– 2, residenti nel comune di San Mango sul Calore;

– 1, residente nel comune di  San Potito Ultra;

– 1, residente nel comune di  Santo Stefano del Sole;

– 1, residente nel comune di  Scampitella;

– 1, residente nel comune di  Solofra;

– 1, residente nel comune di  Sorbo Serpico;

– 1, residente nel comune di  Taurano;

– 1, residente nel comune di  Venticano.

L’Azienda Sanitaria Locale ha avviato indagine epidemiologica sui contatti dei casi positivi.

Continua a leggere

Attualità

Furto d’acqua ad Ariano, denunciato dai carabinieri

Pubblicato

-

I Carabinieri della Stazione di Ariano Irpino hanno denunciato un uomo della Città del Tricolle, ritenuto responsabile di furto aggravato. Lo stesso aveva trovato il modo per “risparmiare” sulla bolletta dell’acqua.

Il sopralluogo eseguito con l’ausilio di personale specializzato della società fornitrice del servizio idrico, ha permesso di accertare che era stato rimosso il sigillo posto sul contatore dell’abitazione ed effettuato un allaccio abusivo al fine di collegare l’impianto domestico direttamente alla rete pubblica dell’acqua potabile. 

Veniva così guadagnata illecitamente la fornitura di acqua ed eluso il pagamento delle bollette. In considerazione delle evidenze emerse, il 60enne è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Benevento.

Continua a leggere

Attualità

Ciampi (M5S): Hub vaccinali chiusi, Morgante rinnovi i contratti a infermieri e amministrativi per favorire le vaccinazioni

Pubblicato

-

“Mi colpisce molto l’appello che il presidente dell’ordine dei medici di Avellino Francesco Sellitto ha fatto all’Asl: aprire subito tutti i centri vaccinali della provincia. Come mi colpisce il richiamo a vaccinarsi di un medico simbolo come Nuccio Sanseverino che ha spiegato come sia necessario non tagliare i fondi per la sanità.

Mi unisco a loro e ribadisco il mio impegno in commissione Sanità alla Regione. Confermo anche che è indispensabile che vadano riaperti tutti e 22 i centri vaccinali della provincia.
Ma vediamo come stanno le cose. Gli hub vaccinali aperti attualmente sono tra i sette e i dieci: troppo pochi.
A marzo e aprile di quest’anno l’Asl ha pubblicato avvisi e bandi per la manifestazione di interesse rivolti ad amministrativi ed infermieri per il reclutamento di personale per i centri anticovid della provincia. Contratti della durata di sei mesi eventualmente rinnovabili.
I sei mesi sono passati e ora manca personale agli hub. Come ha specificato il presidente Sellitto, non essendo stati rinnovati i contratti agli operatori sanitari assunti tramite manifestazione di interesse, la maggior parte dei centri vaccinali resta chiusa. Invito il manager dell’Asl di Avellino ad attivarsi per stipulare immediatamente nuovi contratti. 
Per completare la terza dose, per consentire a chi non ha fatto prima e seconda dose di vaccinarsi, è indispensabile che gli hub vaccinali siano aperti 12 ore al giorno nei 22 centri individuati in provincia di Avellino. 
L’emergenza non è terminata e i fondi della sanità vanno spesi per  completare la copertura vaccinale. La manager  attinga subito alle graduatorie e stipuli i nuovi contratti,  risparmiandoci gli spettacoli a cui abbiamo assistito: lunghe file di persone sotto la pioggia ad attendere la dose”.

Continua a leggere

Più letti