Mettiti in comunicazione con noi

Politica

Caserma ad Ariano, Sibilia (M5S): “Si poteva agire prima ma nessuno l’ha fatto”.

Pubblicato

-

“Non è possibile privare un territorio vasto come quello di Ariano Irpino di un presidio di legalità necessario per il contrasto della criminalità e per la sicurezza della cittadinanza” – così il deputato cittadino Carlo Sibilia a proposito dell’ipotesi di spostamento della Caserma dei Carabinieri in un Comune limitrofo.

“Ancora una volta purtroppo – dichiara il portavoce del Movimento 5 Stelle – si tenta di risolvere un problema quasi allo scadere del tempo utile. Era noto, infatti, che la struttura di Via Mancini non fosse più adeguata, da un punto di vista strutturale, ad ospitare l’Arma ma nulla è stato fatto di concreto per porre rimedio a questa situazione. Situazione che ora si complica. Apprezzo lo sforzo che le Istituzioni locali stanno ponendo in essere per tentare di trovare una via d’uscita che garantisca la presenza ad Ariano dei Carabinieri ma non posso non chiedermi finora cosa hanno fatto coloro che hanno amministrato la città del Tricolle. Anni e anni di mancata presa in carico dei reali problemi della comunità. La classe politica che si è avvicendata non si è mai preoccupata di individuare le criticità e risolverle nell’interesse dei cittadini e l’ipotesi del trasloco dei Carabinieri ne è un esempio lampante. Si poteva agire prima e non è stato fatto. La gente è ormai stanca del fumo negli occhi gettato ad arte da questo o quel partito soprattutto a ridosso delle campagne elettorali, vuole e merita fatti. Auspico che con un po’ di buona volontà da parte dell’Ente comunale si giunga quanto prima all’individuazione di una valida alternativa che consenta il mantenimento della Caserma. Il M5S su questa vicenda resterà vigile”.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

L’avvocato Giarnese nominato commissario politico di Forza Italia del Comune di Ariano

Pubblicato

-

Il coordinatore regionale di Forza Italia Fulvio Martusciello su proposta del coordinatore provinciale di Avellino Carmine De Angelis e del vicario Giovanni Puopolo , nomina quale commissario politico di Forza Italia del Comune di Ariano Irpino l’avvocato Giancarlo Giarnese. “Sono certo” afferma Martusciello “che otterremo importanti risultati costruendo un partito partecipato che si proporrà alla guida della città di Ariano”.

Continua a leggere

Attualità

ELEZIONI POLITICHE 2022 – Orario apertura Ufficio Elettorale per rilascio certificati

Pubblicato

-

In occasione delle Elezioni Politiche 2022 di domenica 25 settembre 2022, l’Ufficio Elettorale in Via Prolungamento Marconi, sarà aperto esclusivamente per il rilascio dei certificati di iscrizione alle liste elettorali, nei seguenti orari:

giovedì 18 agosto dalle ore 9,00 alle ore 11,30 e dalle ore 15,30 alle ore 17,30

venerdì 19 agosto dalle ore 9,00 alle ore 11,30 e dalle ore 15,30 alle ore 17,30

sabato 20 agosto dalle ore 9,00 alle ore 11,30 e dalle ore 15,30 alle ore 17,30

domenica 21 agosto dalle ore 8,00 alle ore 20,00

lunedì 22 agosto dalle ore 8,00 alle ore 20,00.

Continua a leggere

Attualità

Massimo Villone: “Bisogna contrapporsi nettamente all’autonomia differenziata”

Pubblicato

-

Bonaccini, presidente della regione Emilia Romagna, boccia la linea politica del PD, ritenuta troppo a sinistra. Il congresso è alle porte e Bonaccini scalda i motori ponendosi in pole position per essere eletto segretario. Il futuro condottiero del PD reputa indispensabile dare immediata attuazione al regionalismo differenziato che è parte integrante del programma di governo inserito nella legge di bilancio. Dimentica il Meridione che si avvia allo spopolamento, senza i giovani quest’area non avrà le braccia e le intelligenze per risollevarsi dal declino. Bonaccini insieme a Zaia e Fontana, quest’ultimi presidenti delle regioni Veneto e Lombardia, vogliono il regionalismo differenziato senza l’approvazione dei Livelli Essenziali delle Prestazioni (LEP) che consentirebbero di riconoscere diritti minimi ed uguali a tutti i cittadini. Grave è il pericolo della balcanizzazione del paese, nessuna voce, in campagna elettorale, propone il rilancio del meridione privo di infrastrutture moderne che possano consentire le sfide commerciali con i competitor internazionali. Il regionalismo differenziato rompe il patto costituzionale dell’Unità e della coesione territoriale, sul tema i partiti, di maggioranza ed opposizione, hanno calato un vergognoso silenzio. Il pericolo è chiaro e imminente, il tema è stato ripreso da Massimo Villone, professore emerito di Diritto Costituzionale dell’Università Federico II di Napoli su “Il Manifesto” dell’8 agosto 2022: “Ora che l’autonomia è ufficialmente nel programma elettorale del centrodestra il silenzio non può continuare. Bisogna contrapporsi nettamente”.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti