Mettiti in comunicazione con noi

Primo Piano

Bocce: 2° Coppia Class. SPARTACO – FODARELLA – ” PALLINO D’ORO ” alla Gara Regionale di PONDELANDOLFO ( BN )

Pubblicato

-

Domenica 30 /3 / 2014 si è svolto la Gara Regionale denominata Stella di Pondelandolfo ( BN ) organizzata dall’ A.S.D. Bocc. Comunale Pondelandolfo 

( Benevento ) specialità Coppia riservata alle cat. A1 – A – B – C – D, dove vi hanno partecipato 110 formazioni provenienti da tutta la Regione Campania.

Grande prestazione della coppia  SPARTACO  PASQUALE – FODARELLA FORTUNATO di Cat. ” C ”  dell’A.S.D. Bocc. ”  PALLINO D’ ORO “         di Ariano Irpino (AV ) si sono piazzati al posto d’onore ( 2° Coppia Classificata ), un piazzamento di prestigio, dopo aver superato il girone eliminatorio 

con molta scioltezza, sulle corsie del bocciodromo San Modesto di Benevento, inoltre vincevano anche lo spareggio che li proiettava nel girone Finale presso           il Bocciodromo Comunale di Pondelandolfo dove continuava il momento magico della coppia del Tricolle. Sia nei quarti di finale che nella semi-finale avevano

la meglio contro due formazione di Napoli molto agguerite, ma l’esperta coppia SPARTACO – FODARELLA  in  una giornata di grazie, con delle giocate

a punto precise e millimetriche di FODARELLA, e con delle bocciate spettacolari  di SPARTACO non dava scampo agli avversari e spianava la strada alla

sospirata e meritata finalissima, dove affrontavano la coppia di atleti  MAURO ALFONSO – MAURO DOMENICO DI CAT. A1 – A dell’A.S.D. Bocc.

Colbordolo di Pesaro, coppia favorita alla vigilia. La finale prendeva subito una piega negativa e i forti atleti di Pesaro prendevani il largo, forse gli atleti del

Tricolle appagati dal risultato di aver raggiunto la finale, si sono rilassati è non hanno giocato con la giusta determinazione che li aveva contraddistinti nel

girone di qualificazione, infatti si dovevano arrendere alla supremazia e alla miglior tecnica degli atleti ( padre e  figlio) MAURO – MAURO  di Cat. A1 – A               di Colbordolo ( Pesaro- Urbino ), la finale si concludeva sul risultato di  12 – 5 . Comunque un piazzamento che vale come  una vittoria vista la differenza di     categoria tra le due coppie. Inoltre da tenere presente che la coppia   P. SPARTACO –  F. FODARELLA aveva ottenuto sempre a Benevento alla 

Gara Regionale dell’A.S.D. Città di BENEVENTO, un piazzamento di prestigio 6° Coppia Class. su oltre 256 Coppie ( oltre 500 atleti ), ed un’altra

coppia del  ” PALLINO D’ORO ” PANNESE RAFFAELE – CARDINALE LUIGI  di categoria  ” A  si erano classificati  9°.

l’atleta F. FODARELLA in coppia con MOLINARIO EMILIO, sempre in un’altra Gara Regionale organizzata dall’A.S.D. Bocc. TORRESE di

Torre le Nocelle ( AV ) il 22 / 3 / 2014, si erano classifficati  6° . Per l’atleta arianese FODARELLA FORTUNATO , un rientro nelle competizioni

dopo un assenza per motivi di lavoro e di famiglia, di oltre 15 anni di inattività, un ritorno positivo e visti gli ultimi risultati, non resta che aspettare altre

ottime prestazioni e risultati che portano alti i colori dell’ Irpinia.

 

Classifica  Finale Gara Regionale A.S.D. Bocc. PONTELANDOLFO ( Benevento ) Specialità . Coppia :

 

1° Coppia  Classificata    ALFONSO      MAURO      – DOMENICO  MAURO   A.S.D. COLBORDOLO ( PESARO – URBINO ) Cat. A1 -A

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Confesercenti, Marinelli: ripresa economica in Irpinia sempre più compromessa. Occorrono interventi mirati

Pubblicato

-

«Anche in Irpinia, come nel resto del Paese, sia per le famiglie che per le imprese restano molte incertezze e preoccupazioni, aggravate dalle tensioni internazionali. Il commercio, dunque, ne risente ed appaiono necessari interventi mirati, a tutti i livelli». Ad affermarlo è Giuseppe Marinelli, presidente della Confesercenti provinciale di Avellino.

«L’effetto combinato – ha proseguito il dirigente dell’associazione di categoria – di una serie di elementi, dal caro energia all’aumento dei prezzi delle materie prime, alla spinta inflattiva, stanno frenando la ripresa economica. Le ricadute del conflitto in Ucraina hanno poi definitivamente vanificato i passi in avanti registrati negli scorsi mesi, con un inizio di anno positivo, rispetto alla fase di emergenza Covid. Le stime di Istat mettono in luce, infatti, proprio il ruolo giocato dalla dinamica dei prezzi, che determina una crescita solo apparente delle vendite, visto il suo livello rilevante. In realtà, le difficoltà sono più consistenti di quel che gli stessi indicatori economici possono rappresentare.

A risentirne sono tutti gli esercizi di vendita sia alimentari che di altro genere. Gli aiuti previsti dal governo sono sicuramente un supporto per famiglie ed aziende, ma risultano insufficienti. Occorre, dunque, proseguire su questa strada, come anche la Confesercenti nazionale ha evidenziato nelle sedi istituzionali, ma risulta quantomai importante il sostegno e la collaborazione degli enti locali».

«La Confesercenti di Avellino – ha concluso Marinelli – i Comuni, la Provincia, gli enti di servizio e la Regione ad avviare un serio confronto sul tema della crisi e del rilancio economico, prevedendo in particolare misure specifiche per il commercio ed il Terziario. Come sempre, la nostra organizzazione è disponibile ad offrire il proprio contributo di idee e di proposte».

Continua a leggere

Attualità

Il Centro InformaGiovani di Ariano Irpino partecipa al Maggio dei Libri 2022

Pubblicato

-

Il Centro InformaGiovani di Ariano Irpino partecipa al Maggio dei Libri 2022 nella settimana che va dal 23 maggio fino al 31 maggio 2022.
Vieni a farci visita presso l’ufficio Centro InformaGiovani di Ariano Irpino, in via dei Tribunali (Palazzo degli Uffici). Portaci il titolo di uno dei tuoi libri preferiti e una citazione.

Potrai ricevere anche consigli di lettura dagli altri utenti che parteciperanno all’iniziativa!
Passa appena puoi dal 23 maggio al 31 maggio, gli orari del nostro ufficio sono: dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 12:00.
Se in questi giorni non riesci a raggiungerci al Centro InformaGiovani e vuoi condividere con noi il tuo libro preferito, puoi compilare il questionario online, che ti occuperà soltanto 2-3 minuti, a questo link https://docs.google.com/forms/d/1cvNWMC2iem0EluOxch2sLwQVQXAuqCR8NasLes0hQ-M/edit
Per maggiori informazioni sull’iniziativa Maggio dei Libri 2022, leggi il nostro articolo completo sul nostro sito https://www.informagiovaniariano.it/2022/05/20/il-maggio-dei-libri-2022/

Continua a leggere

Attualità

L’agabbadora, artefice di vita, guarigione e buona morte, al Museo Galluras

Pubblicato

-

Sono una che aiuta a morire: l’ultimo intervento è stato unmese fa. Un’anziana femina agabbadora, figura sarda realmente esistita, nel marzo 2003 lo confessava a un prete in un paesino vicino a Bosa. Ce lo racconta (anche sulla sua pagina Facebook) Pier Giacomo Pala, ideatore, direttore e proprietario del Museo etnografico Galluras a Luras, appassionato di tradizioni popolari: “Fin dai 12 anni raccoglievo tutti i reperti etnografici che trovavo e li conservavo, finché nel 1981 non ho acquistato il palazzetto che oggi ospita il museo”. Ed è nello stesso anno che Pier Giacomo scopre quasi casualmente dell’esistenza della agabbadora: “Un anziano amico di Luras, in una dellenostre consuete passeggiate, mi confidò che da bambino aveva sentito raccontare dal nonno, di una donna che si occupava di porre fine alle sofferenze dei malati terminali colpendoli alla testa con un martello in legno. Quella donna aveva vissuto in uno stazzu (casa della campagna gallurese) di Luras. Da quel momento cominciai a interrogare gli anziani di Luras, ma sembrava che nessuno sapesse niente. In realtà, sapevano eccome, ma non se ne parlava, perché farlo avrebbe comportato un’assunzione di responsabilità: essere testimoni o complici di un omicidio”. Dallo spagnolo vamos acabar (andiamo a terminare), l’agabbadora era una donna che, su richiesta dei parenti, metteva fine alle atroci sofferenze di malati terminali irreversibili, talvolta divenuti “solo” una bocca in più da sfamare… Ancora Pala: “Eticamente sa agabbadora non ammazzava, ma poneva fine alle sofferenze. È una pratica antichissima, che si pensa risalga al prenuragico ed era una soluzione libera e naturale, poiché a quei tempi vi erano giunti senza essere condizionati dalle istituzioni. Oggi invece, sull’eutanasia non si fanno passi avanti: si è bloccati dalla Chiesa, dalle istituzioni, dalla politica”. E la Chiesa lo aveva accettato? “La Chiesa ha accettato questo, così come altri riti pagani: fingeva di non sapere,perché cercava di assecondare le necessità del popolo,per fare più proseliti possibile. Dell’argomento si parla nei sinodi diocesani, ma non è stato mai adottato alcun provvedimento.” La ricerca di Pier Giacomo, l’ha portato a rintracciare soltanto a Luras, in Gallura (nord-est Sardegna), ben 10 donne che praticavano la missione di “finitrici”, risalenti al periodo che va dalla metà dell’Ottocento ai primi anni Settanta del Novecento. “Sono risalito a chi praticava questa missione, anche se nessuna agabbadora era più in vita. Durante la ricerca ho scoperto che ricopriva anche il ruolo di mastra de paltu, cioè levatrice, aiutava anche a nascere, nonché a guarire. Scoprire dove queste donne avessero abitato non è stato semplice, poiché molte delle case erano state ristrutturate o demolite: dopo 12 anni di ricerche, nel 1993, un giorno notai che in una delle dimore di cui mi aveva parlato il mio anziano amico, stavano demolendo dei muretti a secco. Mi avvicinai sconsolato, perché un altro pezzo di memoria scompariva, visto che quei muretti risalivano alle chiudende emanate nel 1820. Era la pausa pranzo, gli operai non c’erano e osservai che una delle pietre in granito del muretto differiva dalle altre: era rettangolare, tenuta da un cuneo nella parte alta. Incuriosito, tirai il cuneo, la pietra cadde e nella nicchia che chiudeva, vidi il martello: lo presi e scappai. Solo dopo una decina di minuti mi resi conto di quel che si era realizzato, la conferma alla mia lunga ricerca.” Fu il primo martello ritrovato? “L’unico e solo al mondo, riconosciuto. Oltre al mazzolu, presso il museo c’è un raro modellino di giogo (serviva per collegare i due buoi tra di loro) che ha almeno 150 anni, a giudicare dalla lavorazione del legno. Il giogo era ritenuto un oggetto sacro che nessuno poteva distruggere, per il significato che rivestiva: lavoro, grano, farina, pane. Secondo la credenza popolare, chi lo avesse fatto, avrebbe distrutto lavita e ciò gli avrebbe causato una morte di stenti. Il modellino veniva collocato sotto il cuscino del malato per tre giorni e tre notti: se il malato moriva, voleva dire che aveva distrutto un giogo, che però lo aveva liberato. Se invece non moriva, significava che il suo stato terminale era naturale e si era autorizzati a chiamare l’agabbadora. Quello che ho nel museo, fu utilizzato nello stazzo in cui lo ritrovai, per un anziano che, dopo averlo tenuto per tre giorni sotto il cuscino, non era morto, così avevano dovuto chiamare l’agabbadora.                                                                                                                                                                     Il mazzolu di olivastro a forma di martello, è esclusivo della Gallura, mentre in altri paesi sardi è un semplice bastone chiamato mazzoccu mazzocca. Una testimonianza che ho raccolto a Cuglieri (centro Sardegna), parla di un oggetto che aveva la forma di un grosso pestello di circa 40 cm. A forma di martello lo ritroviamo in Francia, dove veniva chiamato il “martello benedetto” e conservato nelle chiese, a testimonianza dicome la Chiesa francese riconoscesse e tollerasse la pratica della “buona morte”. A conferma di ciò, alcuni studiosi del Settecento e dell’Ottocento, sostengono che a utilizzare il martello, fossero proprio i preti”.                                                                                                                                                   Il museo Galluras, unico in Sardegna, oltre ad un’antologia sulla figura della agabbadora, della quale sono esposti anche gli abiti tipici, offre un’immersione nella storia antropologica della Gallura, con gli strumenti della civiltà contadina per i lavori della campagna, la vinificazione, l’agricoltura e la pastorizia, fino alla lavorazione del sughero e della lana. 

Nel 2021 nonostante la pandemia, le visite al museo sono più che raddoppiate rispetto al 2020: circa 15.000 persone.È sempre aperto e, per visitarlo, basta chiamare il n. 368 3376321 o scrivere una mail a: info@galluras.it.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti