Mettiti in comunicazione con noi

Così non va

Anselmo La Manna: “L’Amministrazione Comunale chiarisca i criteri adottati nella distribuzione degli aiuti alle famiglie in difficoltà”

Pubblicato

-

 

 

Anselmo la Manna, non reputa per niente esaustiva la risposta dell’assessore Raffaele Li Pizzi in merito alla modalità e criteri adottati dall’amministrazione comunale nella distribuzione di aiuti alle famiglie e cittadini in difficoltà, fermo restando che si attende una risposta per iscritto. “A questa vicenda che ha visto molti cittadini interrogarsi sul come e perché l’amministrazione Arianese si sia adoperata con tanta premura – sostiene- sulla storia della signora Antonella Saggesse, essendo presenti sul Tricolle oltre 8350 famiglie interessate, come tutte le cittadine d’italia, da una crisi senza precedenti tale da produrre un innalzamento della fascia di povertà. Come mai in tale situazione è stato assegnato proprio alla signora Saggesse un aiuto? Le notizie di nostra conoscenza le vogliamo confrontare con quelle in possesso del consorzio e del Comune di Ariano. A a questa vicenda uniamo anche quella sull’Associazione “Valentina un Angelo per La Vita”che vede questo sodalizio già in possesso di una sede pubblica da qualche anno, e che giorni fa, ha organizzato una serata di beneficenza durante la quale si sono raccolti dei fondi per l’ampliamento di questa sede che è di proprietà del Comune di Ariano. Il tutto senza essere stato mai passato al vaglio del consiglio comunale. Questo modo di gestire il patrimonio comunale e le sue risorse economiche non lo condividiamo e attendiamo risposte chiare ede esausitive”

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Questione Castello-Stefania Rubino:”Proponiamo la costituzione di un’associazione a tutela del Castello e del suo patrimonio”

Pubblicato

-

Impegni da parte del comune di Ariano Irpino, il centro europeo di studi normanni ha disposto il ritiro dei beni museali custoditi nelle sale del castello normanno e di trasferirli in altra struttura che ne garantisca la cura e la fruibilità da parte dei visitatori. La notizia suscita lo sdegno dei cittadini arianesi, che sono in realtà molto legati al monumento storico ed alla storia ad esso collegata. Alcuni professionisti del posto sono pronti a reagire a tutela del patrimonio affinché resti dove si trovi. “Abbiamo atteso forse troppo tempo prima di decidere cosa fare in concreto a tutela dei beni museali – commenta la pedagogista Stefania Rubino – ma credo che siamo arrivati ad un punto di non ritorno: proponiamo la costituzione di un’associazione che tuteli quel patrimonio e che si impegni a renderlo fruibile per come merita e sulla scia degli impegni assunti dal Comune e non mantenuti. Occorre agire immediatamente prima che sia troppo tardi, perché è evidente – conclude la dottoressa Rubino – che se quei beni museali fossero trasferiti altrove, il loro ritorno ad Ariano sarebbe assai poco credibile e perderemmo tutto. Dobbiamo evitare che tutto ciò si verifichi”. Il suo appello non sembra essere caduto nel vuoto, sono state avviate una serie di relazioni telefoniche per giungere alla costituzione dell’associazione. Al fianco di Rubino la sua collega Alessandra Coccia e il geometra Mirko Albanese.

Continua a leggere

Attualità

Lettera aperta dai pazienti del reparto dialisi dell’ ospedale Sant’Ottone Frangipane

Pubblicato

-

Spettabile presidente De luca, le scriviamo questa lettera, esasperati e stanchi, vista la delicata situazione che il nostro reparto si appresta a vivere, costantemente. Negli ultimi anni abbiamo visto medici andare via senza mai essere sostituiti, senza un reale ricambio e da un anno siamo rimasti con soli due medici in servizio, che con notevole spirito di abnegazione hanno consentito in un periodo sanitario non facile, di garantire un servizio che per noi è di vitale importanza.
Da qualche settimana abbiamo appreso la decisione di uno dei due medici del reparto di essere in aspettativa per un periodo di circa due mesi e questa notizia ha fatto scattare di nuovo un campanello di allarme. Solo qualche mese fa è stato predisposto un bando per un concorso da parte dell’asl per nuovi posizioni nel reparto Dialisi, ma che per problemi burocratici, è in fase stagnante, senza svolte significative. Confidando nella sua proverbiale risolutezza, la preghiamo di intervenire per risolvere un maniera celere e definitiva. Se non fosse presa in considerazione, costringerebbe più di venti pazienti, in molti casi in condizioni di salute precaria, a diver fare molti chilometri per ricevere un trattamento salvavita come la dialisi, indispensabile.
IN attesa di un suo interessamento, le porgiamo un saluto e le auguriamo buon lavoro

Continua a leggere

Attualità

Lettera aperta al presidente De Luca: si vuol chiudere l’ospedale di Ariano?

Pubblicato

-

Eg. Presidente della Regione Campania, on. Vincenzo De Luca, Lei si è tenuto la delega alla Sanità e pertanto è anche assessore della materia: Lei ha doppia responsabilità. Come si sa, chi ha la delega alla sanità gestisce circa il 70% del bilancio regionale, Lei cerca di scaricare sul governo, anzi sui vari governi che si sono succeduti negli anni, le sue responsabilità sulla malasanità campana e in particolare, irpina. Va cianciando, tramite la sua tv di riferimento e vari giornali, che la Campania è stata defraudata di 300 milioni di euro per effetto della cosiddetta autonomia differenziata, e cioè, che essendo la Campania la regione con la popolazione più giovane, viene penalizzata in quanto si applica un correttivo che tiene conto dell’età media dei residenti. Quello che Lei ritiene ingiusto per crearsi alibi, è invece un principio sacrosanto: i giovani ventenni hanno poche malattie, vanno poco dal medico e in ospedale, ma alla mia e alla sua età, sopraggiungono gli acciacchi. Lei dovrebbe invece applicare l’autonomia differenziata tra le cinque province della Campania, mentre in realtà, ci scommetto, Lei fa esattamente il contrario: i maggiori investimenti e le maggiori spese per la sanità sonodestinati a Napoli e zone costiere, mentre per le province più povere e per la popolazione più anziana delle zone interne, si investe meno e così, le province di Avellino e Benevento sono le cenerentole della sanità. Sembra che Lei si sia specializzato nella politica sanitaria degli annunci, ha decretato che l’Ospedale Frangipane di Ariano era un Dea di primo livello, fermandosi a questo: ci si aspettava che ci fosse almeno il reparto di Otorino e di Oculistica e di tutto ciò che è previsto per un ospedale che ospita un Dea di primo livello. Non solo non è stato così, ma addirittura si stanno chiudendo i reparti per mancanza di personale. Il direttore che Lei ha nominato alla ASL di Avellino, sembra più una “tagliatrice di teste”, che non una manager, la quale avrebbe dovuto espletare il mandato di migliorarel’assistenza sanitaria, con l’obiettivo che gli Irpini non dovessero più fare i viaggi della speranza verso il nord e il centro Italia (dove peraltro, lavorano illustri medici, proprio campani e irpini) o in altri ospedali della Campania. Non lo sapeva forse la dr.ssa Morgante che a settant’anni i medici vanno in pensione e che pertanto avrebbe dovuto attivare per tempo i concorsi? Perché si continua ad assumere il personale sanitario a tempo determinato, quindi con aspettative di carriera precarie, assumendo persino attraverso alcune cooperative o con l’obbligo della Partita Iva per i dipendenti precari? I concorsi si possono fare mirati, non per favorire qualcuno, ma per gratificare i vincitori, però con l’obbligo di restare al loro posto di lavoro senza trasferimento per un determinato numero di anni. La Asl potrebbe altresì dare incentivi per chi lavora in zone disagiate. Chi dirige la sanità ha l’obbligo di confrontarsi con i sindacati e con l’assemblea dei sindaci, che a sua volta ha l’obbligo di dare gli indirizzi. È inutile acquistare apparecchiature biomedicali se non c’è il personale per farle funzionare: la nuova risonanza magnetica inaugurata in pompa magna, si usa solo due giorni alla settimana per mancanza di personale. Sappiamo che dal 14 giugno potrebbe chiudere anche il reparto di Pediatria e Nido per mancanza di personale e conseguentemente, potrebbe chiudere anche Ostetricia: non potrà nascere più nessuno ad Ariano! A quanto sembra, dal primo luglio potrebbe chiudere anche il reparto di Nefrologia e Dialisi poiché da quella data resterà un solo medico, pertanto i dializzati saranno costretti a vagare tra i vari ospedali. Anche quasi tutti gli altri reparti hanno problemi di personale: approfittando del Covid-19, non c’è più neanche l’ambulatorio di Cardiologia e i posti letto di Chirurgia e Ortopedia sono passati da 18 a 6, come se il Covidfosse solo al Frangipane e non anche negli atri ospedali campani.Tutti i reparti hanno carenza di personale: Ortopedia e Traumatologia, Radiologia, Cardiologia e Utic, Neurologia, Medicina, Centro trasfusionale, etc.. Bisogna dire basta alla politica del carciofo: foglia per foglia, si sta smantellando l’Ospedale Frangipane e probabilmente chi ha diretto la Asl diAvellino per due mandati, avrà come premio un altro prestigioso incarico con laute prebende. È vero che alla Morgante è stato dato un premio per aver “raggiunto gli obiettivi”?                                                    

Intorno al Frangipane svolazzano tante strutture private, tanti laboratori di analisi, tanti istituti polivalenti e persino una clinica che, guarda caso, ha specialità quali Otorinolaringoiatria e Oculistica che, per legge, dovrebbe avere anche il Frangipane: perché non le ha? Perché ci sono liste di attesa lunghissime, a volte di mesi? Perché al Frangipane non esiste la continuità assistenziale per chi è stato ricoverato, che deve rivolgersi al Cup, che oltre a dilazionare talvolta le visite a distanza di mesi, lo fa vagare da una struttura all’altra? Perché non esiste più il Day hospital? Non è che si tratta di una precisa strategia per privatizzare la sanità, che dagli anni Settanta del secolo scorso era un fiore all’occhiello nel mondo, in quantouniversale e solidale? Eg. Presidente, perché non pubblica quale sarebbe la pianta organica del Frangipane e quale è di fatto?                                                                                                                                                                                                                                        È ora che gli Arianesi e gli abitanti dei Comuni che fanno capo al Frangipane, si mobilitino per una sacrosanta e urgenteprotesta civile.                                                                                                                                                                                  Aleandro Longhi                                                                                                                                                                                                     Coordinatore Comitato SAT (Sanità, Ambiente e Territorio)

Continua a leggere
Advertisement

Più letti