Mettiti in comunicazione con noi

Cultura Eventi e Spettacolo

AIFF – I FILM FINALISTI DELLA V EDIZIONE DELL ARIANO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL

Pubblicato

-

La fabbrica dei sogni sta per accendere i motori!

I FILM FINALISTI DELLA V EDIZIONE DELL’ARIANO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL

La quinta edizione dell’Ariano International Film Festival, in programma dal 29 Luglio al 5 Agosto, si svolgerà tra Ariano Irpino, Savignano Irpino e Flumeri.

Al suo quinto anno di vita, il Festival è diventato una vetrina di grande interesse per il cinema contemporaneo, italiano ed internazionale. In questo breve arco di tempo ha guadagnato a conferma di una giusta intuizione un posto d’onore in luoghi prestigiosi. Il 12 maggio è stato presentato a Roma nella sua sede istituzionale maggiormente rappresentativa: il Campidoglio e il 26 maggio,scorso, a Cannes presso il Padiglione Italiano nell’Hotel Majestic ospite dell’Istituto-Luce .

I numeri di questa edizione sono impressionanti 1000 opere giunte da 65 nazioni diverse.

In finale dopo la preselezione sono attualmente in concorso 90 opere provenienti da 15 paesi e 3 continenti,al vaglio della giuria composta da :  Franco Oppini, Ada Alberti , Nino Celeste, Roberto Girometti,Luigi Parisi, Adriano Amidei Migliano, Angelo Bassi,Lucia Di Spirito, Franco Mariotti,Alessandro Perrella e Leonardo Cecchi .

Il conferimento dei patrocini:dell’ Ambasciata di Spagna (Oficina Cultural Embajada de España), dell’Ambasciata di Svizzera in Italia, dell’Ambasciata dei Paesi Bassi ,dell’Ambasciata d’India (Embassy of India, Rome), dell’Ambasciata di Ungheria,dal Goethe Institut, del Forum Austriaco di Cultura, dell’Istituto Bulgaro di Cultura, dell’Istituto Balassi Accademia d’Ungheria in Roma, degli Amici della Bulgaria, dell’Institut Français, dell’Instituto Cervantes Nápoles e dell’Istituto di Cultura e Lingua Russa.

Sette le sezioni in gara a tema libero: lungometraggi, cortometraggi, film d’animazione, documentari, serie web, corti scuola e una sezione speciale denominata “AIFF Green” con il patrocinio dal FAI e dal WWF che affronterà il tema dell’ambiente e dell’ecologia.

Le 90 opere arrivate in finale verranno proiettate in 3 sale cinematografiche dislocate nel centro storico del comune di Ariano Irpino: “Auditorium Comunale”, nel “Palazzo degli Uffici” e nel “Cineoasi
Auditorium Comunale”, nel “Palazzo degli Uffici” e nel “Cineoasi” dal 30 luglio al 5 agosto tra le 16:30 e le 20.00

Ancora una volta l’Ariano International Film Festival sarà un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati di cinema.

Le tre sale saranno il luogo in cui ci abbandoneremo alla magia della settima arte,perché mai come oggi il cinema – specie quello indipendente – merita di essere sostenuto e incoraggiato, diffuso e promosso, guardato e amato.

Tra proiezioni gratuite, incontri, workshop, mostre e spettacoli, l’AIFF si appresta a regalare una settimana piena di spettacolo e cultura.

La magia sta per avere inizio!

Link ai film: http://www.arianofilmfestival.com/

FILM IN CONCORSO

LUNGOMETRAGGI

FILM

REGISTA

GENERE

PAESE

ATTORI

La mano invisibile

David Macián

Drammatico

Spain

Due euro l’ora

Andrea D’Ambrosio

Drammatico

Italy

Peppe Servillo

La mia famiglia a soqquadro

MaxNardari

Commedia

Italy

Marco Cocci

Ninni Bruschetta

1/2

Raffaele Salvaggiola

Drammatico

Italy

La sindrome di Antonio

Claudio Rossi Massimi

Commedia

Italy

Remo Girone

Giorgio Albertazzi

Le Voyageur

HadiGhandour

Avventura

Lebanon

Aeffetto Domino

Fabio Massa

Drammatico

Italy

Bravo Virtuose

LevonMinasian

Thriller

Armenia

AfterYou’reGone

Anna Matison

Drammatico

Russia

Challenge

Olga Land

Comico

Russia

Il Mondo Magico

Raffaele Schettino

Drammatico

Italy

Money

MartÍnRosete

U.S.A.

CORTOMETRAGGI

FILM

REGISTA

GENERE

PAESE

ATTORI

Scrappy

DawnWestlake

Drammatico

U.S.A.

Salutami Mario

Gianni Marino

Sentimentale

Italy

Ferruccio Storia Di Un Robottino

Stefano De Felici

Fantastico

Italy

Fantassút

Federica Foglia

Documentario

Italy

Conosce Qualcuno?

Daniel Bondi

Commedia

Italy

Max Tortora

Alice Bellagamba

Da Morire

Alfredo Mazzara

Commedia

Italy

M. Casagrande

Ernesto Mahieux

Правила – Rules

YassenGenadiev

Drammatico

Bulgaria

Ata Mañá

Angelo Pulito

Sentimentale

Spain

Quite Generation

Antimo Campanile

Drammatico

Italy

Odd Woman

Danila Dunaev

Drammatico

Russia

Millelire

Vito Cea

Angelo Calculli

Drammatico

Italy

Paolo Sassanelli

Dino Abbrescia

Volevamo fare U’Cinema

Niccolò Gentili

Comico

Italy

Marco Bellocchio

Daniele Ciprì

Dolça

Laure BourdonZarader

Drammatico

France

Bus Story

Jorge Yudice

Comico

Spain

Moby Dick

Nicola Sorcinelli

Drammatico

Italy

KasiaSmutniak

Mattia Sa Volare

Alessandro Porzio

Sentimentale

Italy

Ratzinger Vuole Tornare

Valerio Vestoso

Commedia

Italy

Gianluca Fru

The Maltese Fighter

ArevManoukian

Storico

Malta

Olvidate De Eso

Manuel Marini

Drammatico

Italy

Il Palloncino Contagioso

Michele Rovini

Sociale

Italy

Die BesonderenFähigkeitenDesHerrn Mahler

Paul Philipp

Drammatico

Germany

Hard Way

Daniel Vogelmann

Musicale

Germany

Indian

BalaszSimonyi

Drammatico

Hungary

DuBlanc À L’Âme

AudeThuries

Commedia

France

ANIMAZIONE

FILM

REGISTA

GENERE

PAESE

Perdersi

Chiara Martinelli

Fiabesco

Italy

Black Holes

Chiara Martinelli

Fantastico

Italy

Dear John

Peter Vacz

Fantastico

U.K.

Engine Of Time

Ilenia Locci

Fiabesco

Italy

Taddy Bear

Hermes Mangialardo

Guerra

Italy

(in)felix

Maria Di Razza

Fantastico

Italy

Mishimasaiko

AudeDanset

Sentimentale

France

Miel Bleu

ConstanceJoliff

Sentimentale

France

149th And GrandConcourse

Andy, Carolyn London

Avventura

U.S.A.

Ami

Gonzalo San Vicente

Sentimentale

Germany

AwesomeBeetles Colors

IndraSproge

Sentimentale

Latvia

Citipati

Andreas Feix

Avventura

Germany

OurWonderful Nature

TomerEshed

Avventura

Germany

The Moon IsEssentiallyGray

Hannah Roman

Avventura

U.S.A.

WhereHave The FlowersGone

Sin-hong Chan

Avventura

China

Chika, Die Hündin Im Ghetto

Sandra Schießl

Sentimentale

Germany

Don Ruperto

Irma Orozco

Avventura

Spain

In Exile

Alexander Kurilov

Avventura

Moldova

DOCUMENTARI

FILM

REGISTA

GENERE

PAESE

MooYa

Filippo Ticozzi

Sperimentale

Italy

CampeonasInvisibles

PaquiMéndez

Sportivo

Spain

Il Presidente Del Mondo

Francesco Merini

Sociale

Italy

Nicu

Riccardo Bianco

Biografico

Italy

Biografia Di Un Amore

Samuele Rossi

Storico

Italy

Il Rumore Della Vittoria

I. e A. Galbusera

Sportivo

Italy

Saro

Enrico Maria Artale

Biografico

Italy

Binxêt – Sotto Il Confine

Luigi D’Alife

Guerra

Italy

Il Potere Della Paura

Santos Martini

Diritti Umani

Italy

I Due Viaggi Di Francesco. Tra Storia e Culto

Claudio Metallo

Biografico

Italy

Break The Siege

Giulia Giorgi

Musicale

Italy

Urli e Risvegli

Nicola Ragone

Biografico

Italy

SERIE WEB

FILM

REGISTA

GENERE

PAESE

ATTORI

H00ked

Luca Vecchi

Comico

Italy

Luca Vecchi

Roberta Mattei

Taxi 6886

Francesco Colangelo

Comico

Italy

Angelo Orlando

Edoardo Pesce

The Line The Web Series

Vittorio Adinolfi

Fantascienza

Italy

Hidden

Riccardo Cannella

Giallo

Italy

CORTI SCUOLA

FILM

REGISTA

GENERE

PAESE

Il Mio Mondo

Giovanni Bellotti

Drammatico

Italy

Io Ci Sono

Marco Benincasa

Sentimentale

Italy

Un Giorno Lo Dirò

Claudio D’Avascio

Sentimentale

Italy

Unico

Claudio D’Avascio

Videoclip

Italy

Il Compito

Claudio D’Avascio

Commedia

Italy

Friendzone, Bloccati In Un’amicizia

Lorena Costanzo

Sentimentale

Italy

Gli Altri Occhi Ti Guardino

Antonella Barbera

Drammatico

Italy

14,74 Oder DasStrebenNachMittelmäßigkeit

Antoine Dengler

Drammatico

Germany

Generi

Francesco Filippi

Sociale

Italy

Daughter Of The Lake

ÖzlemAltingoz

Fiction

U.S.A.

Pria

YudhoAditya

Drammatico

Indonesia

Zahltag

Felix Kempter

Commedia

Germany

AIFF GREEN

FILM

REGISTA

GENERE

PAESE

Mare Nostro

Andrea G. Caldarola

Ambiente

Italy

Terre Rosse

David Frantini

Avventura

Italy

Assetto Di Volo

Giulio Venier

Sociale

Italy

Jardines De Plomo

Alessandro Pugno

Drammatico

Spain

La Grande Monnezza

Chiara Bellini

Sociale

Italy

Haiyan’s Land

Riccardo Bianco

Drammatico

Italy

Il Tempo Delle Api

Rossella Anitori

Drammatico

Italy

BerberTajine

Francesco Agostini

Sportivo

Italy

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Assegnazione borse di mobilità-progetto Erasmus, c’è tempo fino al 26 maggio

Pubblicato

-

Il progetto “PRO-T.RAI.N.E.E.S” PROMOTING COOPERATION FOR THE DEVELOPMENT OF SKILLS IN THE FIELD OF HERITAGE TOURISM” è stato candidato nel 2019 dal Comune di Ariano in partenariato con un  enti locali, istituti d’istruzione superiore e associazioni di rappresentanza e di interesse pubblico, finalizzato  alla formazione di professionalità in grado di gestire il patrimonio artistico locale, valorizzare il territorio e sviluppare forme innovative di turismo culturale. 

Il  bando prevede l’assegnazione di  n.34 borse di mobilità per MALTA e di n.1 per la
SPAGNA, per un periodo di 2 mesi.

Entro il 26 maggio 2022 potranno presentare ancora la domanda per partecipare al progetto “PRO-T.Rai.N.E.E.S.”, i giovani diplomati residenti nella Regione Campania che abbiano compiuto il 18° anno di età, siano in possesso della cittadinanza Europea,dello status di inoccupati/disoccupati e siano diplomati nell’anno scolastico 2020-21.

Le candidature potranno essere inviate  al seguente indirizzo:info@erasmus-protrainees.com

Per ulteriori informazioni è possibile scaricare la documentazione dal seguente link:

http://www.albipretori.it/Public/VersioneGrafica/Pubblicazioni?codice=162&Tipologia=173

Dal mese di aprile 2021 ad oggi sono state 40 le borse di mobilità assegnate a giovani neodiplomati provenienti da tutto il territorio regionale, che hanno avuto l’opportunità di vivere un’esperienza lavorativa e formativa nei paesi Spagna e Malta.

Continua a leggere

Attualità

Il Centro InformaGiovani di Ariano Irpino partecipa al Maggio dei Libri 2022

Pubblicato

-

Il Centro InformaGiovani di Ariano Irpino partecipa al Maggio dei Libri 2022 nella settimana che va dal 23 maggio fino al 31 maggio 2022.
Vieni a farci visita presso l’ufficio Centro InformaGiovani di Ariano Irpino, in via dei Tribunali (Palazzo degli Uffici). Portaci il titolo di uno dei tuoi libri preferiti e una citazione.

Potrai ricevere anche consigli di lettura dagli altri utenti che parteciperanno all’iniziativa!
Passa appena puoi dal 23 maggio al 31 maggio, gli orari del nostro ufficio sono: dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 12:00.
Se in questi giorni non riesci a raggiungerci al Centro InformaGiovani e vuoi condividere con noi il tuo libro preferito, puoi compilare il questionario online, che ti occuperà soltanto 2-3 minuti, a questo link https://docs.google.com/forms/d/1cvNWMC2iem0EluOxch2sLwQVQXAuqCR8NasLes0hQ-M/edit
Per maggiori informazioni sull’iniziativa Maggio dei Libri 2022, leggi il nostro articolo completo sul nostro sito https://www.informagiovaniariano.it/2022/05/20/il-maggio-dei-libri-2022/

Continua a leggere

Attualità

L’agabbadora, artefice di vita, guarigione e buona morte, al Museo Galluras

Pubblicato

-

Sono una che aiuta a morire: l’ultimo intervento è stato unmese fa. Un’anziana femina agabbadora, figura sarda realmente esistita, nel marzo 2003 lo confessava a un prete in un paesino vicino a Bosa. Ce lo racconta (anche sulla sua pagina Facebook) Pier Giacomo Pala, ideatore, direttore e proprietario del Museo etnografico Galluras a Luras, appassionato di tradizioni popolari: “Fin dai 12 anni raccoglievo tutti i reperti etnografici che trovavo e li conservavo, finché nel 1981 non ho acquistato il palazzetto che oggi ospita il museo”. Ed è nello stesso anno che Pier Giacomo scopre quasi casualmente dell’esistenza della agabbadora: “Un anziano amico di Luras, in una dellenostre consuete passeggiate, mi confidò che da bambino aveva sentito raccontare dal nonno, di una donna che si occupava di porre fine alle sofferenze dei malati terminali colpendoli alla testa con un martello in legno. Quella donna aveva vissuto in uno stazzu (casa della campagna gallurese) di Luras. Da quel momento cominciai a interrogare gli anziani di Luras, ma sembrava che nessuno sapesse niente. In realtà, sapevano eccome, ma non se ne parlava, perché farlo avrebbe comportato un’assunzione di responsabilità: essere testimoni o complici di un omicidio”. Dallo spagnolo vamos acabar (andiamo a terminare), l’agabbadora era una donna che, su richiesta dei parenti, metteva fine alle atroci sofferenze di malati terminali irreversibili, talvolta divenuti “solo” una bocca in più da sfamare… Ancora Pala: “Eticamente sa agabbadora non ammazzava, ma poneva fine alle sofferenze. È una pratica antichissima, che si pensa risalga al prenuragico ed era una soluzione libera e naturale, poiché a quei tempi vi erano giunti senza essere condizionati dalle istituzioni. Oggi invece, sull’eutanasia non si fanno passi avanti: si è bloccati dalla Chiesa, dalle istituzioni, dalla politica”. E la Chiesa lo aveva accettato? “La Chiesa ha accettato questo, così come altri riti pagani: fingeva di non sapere,perché cercava di assecondare le necessità del popolo,per fare più proseliti possibile. Dell’argomento si parla nei sinodi diocesani, ma non è stato mai adottato alcun provvedimento.” La ricerca di Pier Giacomo, l’ha portato a rintracciare soltanto a Luras, in Gallura (nord-est Sardegna), ben 10 donne che praticavano la missione di “finitrici”, risalenti al periodo che va dalla metà dell’Ottocento ai primi anni Settanta del Novecento. “Sono risalito a chi praticava questa missione, anche se nessuna agabbadora era più in vita. Durante la ricerca ho scoperto che ricopriva anche il ruolo di mastra de paltu, cioè levatrice, aiutava anche a nascere, nonché a guarire. Scoprire dove queste donne avessero abitato non è stato semplice, poiché molte delle case erano state ristrutturate o demolite: dopo 12 anni di ricerche, nel 1993, un giorno notai che in una delle dimore di cui mi aveva parlato il mio anziano amico, stavano demolendo dei muretti a secco. Mi avvicinai sconsolato, perché un altro pezzo di memoria scompariva, visto che quei muretti risalivano alle chiudende emanate nel 1820. Era la pausa pranzo, gli operai non c’erano e osservai che una delle pietre in granito del muretto differiva dalle altre: era rettangolare, tenuta da un cuneo nella parte alta. Incuriosito, tirai il cuneo, la pietra cadde e nella nicchia che chiudeva, vidi il martello: lo presi e scappai. Solo dopo una decina di minuti mi resi conto di quel che si era realizzato, la conferma alla mia lunga ricerca.” Fu il primo martello ritrovato? “L’unico e solo al mondo, riconosciuto. Oltre al mazzolu, presso il museo c’è un raro modellino di giogo (serviva per collegare i due buoi tra di loro) che ha almeno 150 anni, a giudicare dalla lavorazione del legno. Il giogo era ritenuto un oggetto sacro che nessuno poteva distruggere, per il significato che rivestiva: lavoro, grano, farina, pane. Secondo la credenza popolare, chi lo avesse fatto, avrebbe distrutto lavita e ciò gli avrebbe causato una morte di stenti. Il modellino veniva collocato sotto il cuscino del malato per tre giorni e tre notti: se il malato moriva, voleva dire che aveva distrutto un giogo, che però lo aveva liberato. Se invece non moriva, significava che il suo stato terminale era naturale e si era autorizzati a chiamare l’agabbadora. Quello che ho nel museo, fu utilizzato nello stazzo in cui lo ritrovai, per un anziano che, dopo averlo tenuto per tre giorni sotto il cuscino, non era morto, così avevano dovuto chiamare l’agabbadora.                                                                                                                                                                     Il mazzolu di olivastro a forma di martello, è esclusivo della Gallura, mentre in altri paesi sardi è un semplice bastone chiamato mazzoccu mazzocca. Una testimonianza che ho raccolto a Cuglieri (centro Sardegna), parla di un oggetto che aveva la forma di un grosso pestello di circa 40 cm. A forma di martello lo ritroviamo in Francia, dove veniva chiamato il “martello benedetto” e conservato nelle chiese, a testimonianza dicome la Chiesa francese riconoscesse e tollerasse la pratica della “buona morte”. A conferma di ciò, alcuni studiosi del Settecento e dell’Ottocento, sostengono che a utilizzare il martello, fossero proprio i preti”.                                                                                                                                                   Il museo Galluras, unico in Sardegna, oltre ad un’antologia sulla figura della agabbadora, della quale sono esposti anche gli abiti tipici, offre un’immersione nella storia antropologica della Gallura, con gli strumenti della civiltà contadina per i lavori della campagna, la vinificazione, l’agricoltura e la pastorizia, fino alla lavorazione del sughero e della lana. 

Nel 2021 nonostante la pandemia, le visite al museo sono più che raddoppiate rispetto al 2020: circa 15.000 persone.È sempre aperto e, per visitarlo, basta chiamare il n. 368 3376321 o scrivere una mail a: info@galluras.it.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti