Mettiti in comunicazione con noi

News

A Savignano Irpino apre l’Ufficio Turistico

Pubblicato

-

La struttura avrà funzione di cabina di regia per le iniziative di promozione turistica dell’intero territorio delle Valli dei Cervaro e del Miscano.

Anche il borgo di Savignano Irpino, in provincia di Avellino, ha scelto di dotarsi di un proprio Ufficio Turistico con l’obiettivo di potenziare le attività di promozione del territorio e delle sue risorse già messe in campo. La nuova struttura, ospitata presso i locali adiacenti l’Istituto Scolastico Don Lorenzo Milani, sarà inaugurata domenica 25 giugno al termine dell’incontro-dibattito “Una rete per la promozione turistica delle aree interne”, previsto alle ore 17,30. Ai saluti di Fabio Della Marra Scarpone, Sindaco di Savignano Irpino, seguiranno gli interventi di Gianni Cirignano, Presidente Pro Loco Il Borgo; Giuseppe Silvestri, Presidente UNPLI Avellino; Simone Ottaiano, Presidente Ass. Culturale Terre di Campania; Giovanni Maria Chieffo, Presidente GAL Irpinia; Domenico Gambacorta, Presidente Provincia di Avellino. Il nuovo Ufficio Turistico svolgerà la funzione di Info Point dove sarà possibile reperire gratuitamente informazioni e materiali divulgativi per organizzare visite guidate, scegliere dove mangiare e dormire, trovare aziende produttrici di tipicità locali. Inoltre, la sua attività non si limiterà alla promozione del solo comune di Savignano Irpino, di recente inserito nel circuito de “I Borghi più belli d’Italia”, ma sarà estesa all’intero sistema di comuni facenti parte delle Valli del Cervaro e del Miscano. Tale metodologia operativa rappresenta il primo passo per la creazione di una rete turistica nei territori delle aree interne della regione Campania, che non si presenteranno più al pubblico in maniera singola, ma come sistema territoriale. La gestione dell’Ufficio Turistico di Savignano Irpino sarà affidata alla Pro Loco Il Borgo, che si avvarrà della collaborazione e del know-how dell’Ass. Culturale Terre di Campania da anni impegnata in progetti di valorizzazione del territorio irpino, tra cui la gestione del Museo dei Castelli presso il vicino borgo di Casalbore. La creazione dell’Ufficio Turistico di Savignano Irpino si pone nel solco di quanto stabilito dalla nuova legge regionale sul turismo, con la quale la Regione Campania ha definito da un lato le competenze, le funzioni e le attività della Regione, degli Enti Locali e degli altri Organismi pubblici e privati in materia di turismo e dall’altro ha fissato i principi fondamentali cui devono uniformarsi i soggetti istituzionali coinvolti, secondo la logica del sistema turistico integrato. Con questa nuova iniziativa, Savignano Irpino si dota, dunque, di un importante strumento di promozione turistica, candidandosi al contempo a svolgere il ruolo cabina di regia nei confronti dei territori limitrofi.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Coordinamento Provinciale di Forza Italia Avellino:”Quella di Gambacorta e’ una non notizia”

Pubblicato

-

Quella di Gambacorta e’ una non notizia. Gambacorta essendo stato consigliere politico della Carfagna, non ha fatto altro che seguire le orme della stessa. Non vi è alcuna strategia in termini politici di un ipotetico polo moderato in questa scelta. Anche perché l’unica area moderata nella scena politica nazionale, è rappresentata da Forza Italia.
Una scelta, quindi, non dettata da valori, ma semplicemente da tatticismi inutili privi di coerenza.

Continua a leggere

Attualità

Servizi micronido e integrativi al nido-L’Azienda Consortile per le Politiche Sociali pubblica i bandi

Pubblicato

-

L’Azienda Consortile per le Politiche Sociali ha pubblicato gli Avvisi Pubblici per accedere ai Servizi di “Micro Nido” e ai Servizi Integrativi al Nido “Spazio Bambini e Bambine”, per l’anno educativo 2022/2023.

Le singole domande vanno inoltrate tramite la compilazione dello specifico Modulo ON-LINE https://ava1.retedelsociale.it entro le ore 12:00 del 26 Agosto 2022.

Per informazioni e chiarimenti è possibile contattare:

rossella.schiavo@pianosociale-a1.it

0825872441 – 08251930654

Continua a leggere

Attualità

Nel sessantesimo anniversario un libro racconta il terremoto dell’Irpinia e del Sannio del 21 agosto 1962

Pubblicato

-

Raccontare la storia di un terremoto dimenticato a sessant’anni dagli eventi che lo caratterizzarono. È questo l’obiettivo di “21 agosto 1962. Storia e memoria di un terremoto dimenticato”, opera del giornalista Alessandro Mazzaro e dello scrittore Angelo Coscia che punta a ricostruire le vicende che interessarono il sisma che nel 1962 colpì Irpinia e Sannio provocando 20 vittime e oltre 16mila sfollati.

Il libro, edito da Albatros Edizioni, prova a ricostruire quella storia utilizzando un doppio registro: storico e narrativo. In parallelo al racconto cronachistico di quei giorni, curato da Alessandro Mazzaro, corre infatti la narrazione di un ragazzo di quelle zone, narrata da Angelo Coscia. A curare la prefazione, invece, è Costantino Vassallo, ingegnere e storico dell’arte.

Quello del 21 agosto 1962 è un terremoto che smitizza la retorica del “miracolo economico”, riportando coi piedi per terra coloro che credevano che il modello di sviluppo del boom si fosse diffuso a macchia d’olio su tutto il territorio nazionale.

Il primo di una lunga serie di risvegli dagli inebrianti ed ottimistici sogni dell’epoca. C’è un filo sottile che collega, non solo dal punto di vista geologico, i terremoti del 1930 (oltre mille morti), quello del 1962 e quello del 1980: partendo da una tale consapevolezza il volume punta a ricostruire la complessità in cui operano i vari elementi di sviluppo e di arretratezza in Campania ed in parte del Sud Italia.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti