Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Il PSI Arianese:”per non dimenticare il sisma dell’Irpinia”

Pubblicato

-

23 novembre 1980 l’Irpinia trema! Porta via con sé una parte di storia fatta di persone, edifici, sentimenti e speranze.

23 novembre 2020 ricorre il quarantesimo anniversario di questo catastrofico evento che ha segnato per sempre l’anima di un intero territorio. Sono ancora vive negli occhi delle persone sopravvissute a quella sciagura: le macerie, le urla, la disperazione di chi fortunatamente dalla tragedia si è salvato.

Sono passati 40 lunghi anni ed è doveroso per questa terra e per l’Italia intera, non dimenticare il sacrificio pagato da un territorio che aspetta ancora la ricostruzione fatta non solo di cemento, ma di identità umana e sociale. Oggi come in quei giorni, non vogliamo dimenticare le parole che risuonarono come un grido di indignazione, dell’allora compagno e Presidente della Repubblica Sandro Pertini, il quale con rabbia diceva:

[…] “Quello che ho potuto constatare è che non vi sono stati i soccorsi immediati che avrebbero dovuto esserci. Ancora dalle macerie si levavano gemiti, grida di disperazione di sepolti vivi.

Nel 1970 in Parlamento furono votate leggi riguardanti le calamità naturali. Vengo a sapere adesso che non sono stati attuati i regolamenti di esecuzione di queste leggi. E mi chiedo: se questi centri di soccorso immediati sono stati istituiti, perché non hanno funzionato? Perché a distanza di 48 ore non si è fatta sentire la loro presenza in queste zone devastate? […]

Parole pressoché attuali in un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo. Come socialisti sentiamo il dovere morale di fare della storia un patrimonio genetico, culturale, civile. Il nostro pensiero va a tutti i familiari delle vittime del terremoto del 1980, agli amministratori di quei comuni devastati e poi rinati, ma che comunque portano ancora i segni di una ferita sempre aperta. Oggi l’Irpinia è una terra senza giovani, con poche nascite, e tanti anziani, la memoria lentamente va via cosi come i suoi abitanti. La ricostruzione sociale, cosi quella edilizia è avvenuta spesso in luoghi diversi da quella dove abbiamo lasciato il cuore.

Per questo, il Partito Socialista Italiano continuerà a battersi, perché la cooperazione tra istituzioni e società civile sia sempre attiva. Vicini alle persone anche in un momento di emergenza COVID-19, saremo vigili affinché quei ritardi tanti urlati nelle ore di quel 23 novembre del 1980, non siano ancora oggi la causa dell’impoverimento di un territorio già troppo martoriato.

A tutte le vittime di questa Terra così bella e dannatamente inquieta.

Attualità

Servizi micronido e integrativi al nido-L’Azienda Consortile per le Politiche Sociali pubblica i bandi

Pubblicato

-

L’Azienda Consortile per le Politiche Sociali ha pubblicato gli Avvisi Pubblici per accedere ai Servizi di “Micro Nido” e ai Servizi Integrativi al Nido “Spazio Bambini e Bambine”, per l’anno educativo 2022/2023.

Le singole domande vanno inoltrate tramite la compilazione dello specifico Modulo ON-LINE https://ava1.retedelsociale.it entro le ore 12:00 del 26 Agosto 2022.

Per informazioni e chiarimenti è possibile contattare:

rossella.schiavo@pianosociale-a1.it

0825872441 – 08251930654

Continua a leggere

Attualità

Nel sessantesimo anniversario un libro racconta il terremoto dell’Irpinia e del Sannio del 21 agosto 1962

Pubblicato

-

Raccontare la storia di un terremoto dimenticato a sessant’anni dagli eventi che lo caratterizzarono. È questo l’obiettivo di “21 agosto 1962. Storia e memoria di un terremoto dimenticato”, opera del giornalista Alessandro Mazzaro e dello scrittore Angelo Coscia che punta a ricostruire le vicende che interessarono il sisma che nel 1962 colpì Irpinia e Sannio provocando 20 vittime e oltre 16mila sfollati.

Il libro, edito da Albatros Edizioni, prova a ricostruire quella storia utilizzando un doppio registro: storico e narrativo. In parallelo al racconto cronachistico di quei giorni, curato da Alessandro Mazzaro, corre infatti la narrazione di un ragazzo di quelle zone, narrata da Angelo Coscia. A curare la prefazione, invece, è Costantino Vassallo, ingegnere e storico dell’arte.

Quello del 21 agosto 1962 è un terremoto che smitizza la retorica del “miracolo economico”, riportando coi piedi per terra coloro che credevano che il modello di sviluppo del boom si fosse diffuso a macchia d’olio su tutto il territorio nazionale.

Il primo di una lunga serie di risvegli dagli inebrianti ed ottimistici sogni dell’epoca. C’è un filo sottile che collega, non solo dal punto di vista geologico, i terremoti del 1930 (oltre mille morti), quello del 1962 e quello del 1980: partendo da una tale consapevolezza il volume punta a ricostruire la complessità in cui operano i vari elementi di sviluppo e di arretratezza in Campania ed in parte del Sud Italia.

Continua a leggere

Attualità

Bella!Ariano 2022! L’Estate Arianese prosegue con la “Rievocazione Storica del Dono delle Sacre Spine”

Pubblicato

-

L’Amministrazione Comunale di Ariano Irpino, in collaborazione con l’Associazione Sante Spine, ricorda l’appuntamento con la XXVI Edizione della “Rievocazione Storica del Dono delle Sacre Spine”, la Manifestazione che continua a rappresentare un appuntamento a cui nessun arianese può rinunciare, specie quelli che vivono lontano, e che quindi attrae un pubblico vastissimo proveniente da ogni dove. Dall’ 11 agosto al 13 agosto, l’evento si rinnova.

Tre i momenti salienti, con la rappresentazione:

giovedì 11 agosto – intera giornataVilla Comunale villaggio medioevale e sbandieratori per le vie del Centro Storico

venerdì 12 agosto – ore 18,00 Villa Comunale – Piazza Plebiscito, Corteo Storico

sabato 13 agosto – Villa Comunale villaggio medioevale e sbandieratori per le vie del Centro Storico – ore 23,00 – giochi pirotecnici Villa Comunale.

Ricordiamo anche gli appuntamenti religiosi dell’evento:

giovedì 11 agosto ore 10,00 Celebrazione Eucaristica – ore 19,00 Celebrazione Eucaristica e processione in onore di Sant’Ottone Frangipane

venerdì 12 agosto ore 10,00 Celebrazione Eucaristica – ore 19,30 Consegna delle Sacre Spine in Piazza Duomo e liturgia

sabato 13 agosto ore 10,00 Celebrazione Eucaristica – ore 19,00 Celebrazione Eucaristica e processione con le Sacre Spine.

Insomma una “tre giorni”, in cui dalla mattina fino alla sera, le vie e le piazze del Centro Storico Cittadino, la Villa Comunale, come d’incanto si proiettano in atmosfere e sonorità medioevali, Falconieri, armigeri, Giullari, sbandieratori, artigiani, banchi e giochi medievali.

Si allega programma dettagliato delle tre giornate.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti