Mettiti in comunicazione con noi

News

Wi-Fi nocivo: donna spende 5mila euro per schermare casa

redazione

Pubblicato

-

Wi-Fi e LTE provocano danni alla saluteNon ci sono dati medico scientifici che lo certificano, ma nulla smuove la convinzione di Stefanie Russell, una nonnina inglese di 72 anni che ha speso 4mila sterline (circa 5mila euro al cambio) per schermare la propria abitazione dalle connessioni Wi-Fi e LTE.

Stafanie non ha in mano una diagnosi di un medico, ma dice che non he ha avuto bisogno per capire che le telecomunicazioni le sono nemiche: “ogni volta che sono vicino a segnali di telefonia mobile o Wi-Fi mi sento male” spiega al giornale locale The Argus, aggiungendo che non vuole saperne di Internet e della mail perché “non è sicuro”.

A detta della donna fastidi come nausea e mal di testa la tormentano puntualmente quando si trova nei pressi di dispositivi di comunicazione. La signora spiega di essersi documentata, e alla luce delle informazioni raccolte si è convinta che i suoi sintomi sono causati da elettro-sensibilità. Per questo ritiene di non poter viaggiare su autobus e mezzi pubblici a causa del numero elevato di dispositivi in possesso degli altri passeggeri, e dice di avere serie difficoltà a stare in mezzo alla gente.

L’esperienza di Stefanie ha sollevato un dibattito piuttosto acceso nel Regno Unito, dove c’è chi ridimensiona il suo caso a sintomi di tipo psicosomatico, altri invece che reputano che ci possa essere un margine di verità. In ogni caso la signora ha avviato una campagna mediatica per chiedere la rimozione delle connessioni Wi-Fi dalle scuole per proteggere i bambini da eventuali rischi per la salute.

Sta di fatto che, come fanno notare gli osservatori più equilibrati, questo caso dovrebbe essere preso ad esempio per rivalutare l’importanza della ricerca scientifica riguardo ai possibili danni alla salute causati dalle connessioni.

Quanto a Stefanie, ci limitiamo a prendere atto del fatto che è possibile schermare un’intera abitazione, con quattro mani di una speciale vernice repellente per le onde radio, sia all’interno che all’esterno. Non una carta da parati come quella di cui vi avevamo parlato tempo fa, ma un rivestimento integrale vero e proprio. In più ha “un dispositivo che la aiuta a rilevare il numero di segnali wireless vicino e che la rassicurano sul fatto che in casa non entra nulla”. Qualcuno vuole andare a farle compagnia?

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

COVID: UECOOP, SALTO IN ZONA BIANCA VALE 1 MLN POSTI DI LAVORO

redazione

Pubblicato

-

Da matrimoni a spettacoli, da palestre a centri wellness la ripartenza dopo il crack (altro…)

Continua a leggere

Attualità

COLDIRETTI AVELLINO, AL VIA VACCINI TRA AGRITURISMI E CANTINE

redazione

Pubblicato

-

Irpini pronti a vaccinarsi in centri realizzati all’interno delle strutture agricole. Oggi il taglio del nastro a Montoro, presso l’azienda multifunzionale GB Agricola, che produce l’apprezzatissima cipolla ramata, prodotto agroalimentare di eccellenza e fiore all’occhiello del territorio. Il centro vaccinale, nato grazie alla disponibilità dell’ASL di Avellino, è stato ubicato all’interno dell’agriturismo dell’azienda guidata da Nicola Barbato. Da martedì apertura di un altro centro vaccinale presso il Radici Resort della storica azienda vitivinicola Mastroberardino a Mirabella Eclano, per poi proseguire – compatibilmente con la disponibilità di personale sanitario e vaccini – in altre strutture che la Coldiretti Avellino ha già messo a disposizione. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Consiglio Comunale del 12 giugno. Il punto di Federico Barbieri

Federico Barbieri

Pubblicato

-

Il “documento unico di programmazione” è previsto nel corpo dell’art. 150 del TUEL, all’interno della parte II dedicata all’ordinamento finanziario e nell’articolo 151, che reca nella rubrica “principi generali”. Quest’ultimo articolo afferma: “1. Gli enti locali ispirano la propria gestione al principio della programmazione. A tal fine presentano il Documento unico di programmazione entro il 31 luglio di ogni anno. […] Le previsioni del bilancio sono elaborate sulla base delle linee strategiche contenute nel documento unico di programmazione”.
Dal tenore della disposizione si intende che il DUP precede (non solo temporalmente) il bilancio di previsione. Possiamo affermare (come accadeva per la relazione previsionale e programmatica) che il DUP contiene la visione complessiva dell’amministrazione, espressa attraverso le “politiche” e i progetti, mentre il bilancio di previsione è “soltanto” la rappresentazione dei flussi finanziari in entrata e in uscita.
(altro…)

Continua a leggere

Più letti