Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Vittorio Melito:”La Regione ha disposto che l’ASL di Avellino attivi 58 posti letto COVID, 52 solo ad Ariano”

redazione

Pubblicato

-

La Regione ha disposto che l’ASL di Avellino attivi 58 posti letto COVID: 13 in terapia intensiva, 15 in subintensiva, 30 in degenza ordinaria.

L’ASL comunica che ne attiverà 58: 14 in terapia intensiva, 16 in subintensiva, 28 in degenza ordinaria.

La terapia intensiva è tutta ad Ariano: 7 già esistenti, 7 nell’area Covid che aprirà il 1° novembre; tutta ad Ariano anche la degenza ordinaria: 12 chiudendo il reparto di Medicina, 16 nella nuova area. Per la subintensiva 10 posti ad Ariano e 6 a Sant’Angelo. Sommano 52 ad Ariano e 6 a Sant’Angelo.

Ho lavorato otto anni nella Procura della Repubblica dell’Alta Irpinia: non mi sentirei tranquillo sapendo che i presidi di ricovero dell’area sono quasi tutti altrove.

Le notizie di stampa di pochissimi giorni fa attestavano che la Direzione ASL, nella riunione del COC di Ariano, aveva assicurato che vi sarebbero stati 33 posti ad Ariano e 25 a Sant’Angelo. Chiederne il rispetto e l’attuazione non è campanilismo, è tutela dell’intero territorio, è equità di distribuzione, è sanità di prossimità alle popolazioni. Del resto, si è recentemente letto che gli amministratori dell’Alta Irpinia reclamano, giustamente, l’attivazione della terapia intensiva finanziata durante la “zona rossa” arianese e che non si accontentano delle spiegazioni di penuria di anestesisti.

A proposito: chi lavorerà nell’area Covid arianese? La riduzione dell’attività ordinaria consentirebbe di utilizzare risorse umane attualmente dislocate a Sant’Angelo. Non sarebbe meglio adibirle ad una area Covid locale?

Ovunque, sono garantiti percorsi differenziati di accesso e di uso delle strutture?

Perché chiudere la Medicina ufitana e lasciare inalterata quella santangiolese? Gli interventi urgenti sempre garantiti non richiederanno la presenza della rianimazione, che ad Ariano viene chiusa ed adibita esclusivamente all’emergenza Covid?

Questa impone doverosa solidarietà e sacrifici; ma scelte cervellotiche ed immotivate sono di grosso ostacolo a farsene carico. Il timore di rivedere parte del film dell’orrore della scorsa primavera cresce. Si è ancora in tempo; la ASL si confronti con i rappresentanti delle popolazioni e tenga conto di suggerimenti ed esigenze: ne guadagnerà in efficienza e rispetto. Ne avrà interesse?

Attualità

Covid in Irpinia-24 persone positive in provincia, 18 casi ad Avella

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 416 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 24 persone: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Reddito di Cittadinanza – All’opera i percettori della misura di politica attiva del lavoro

redazione

Pubblicato

-

Sono all’opera i ragazzi percettori del reddito di cittadinanza. Questa mattina presso il Palazzo degli Uffici gli ultimi interventi destinati alla piena restituzione dei locali alla comunità.Grazie al prezioso lavoro del Consorzio Sociale e i Servizi Sociali comunali partono i PUC, progetti utili alla collettività da parte dei percettori del reddito di cittadinanza. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Covid in Irpinia-Oggi 11 persone positive in provincia

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 439 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID  11 persone:

(altro…)

Continua a leggere

Più letti