Mettiti in comunicazione con noi

News

Siria: Obama apre alla mediazione russa, ma non esclude raid

Avatar

Pubblicato

-

Barack Obama ha chiesto al Congresso di rinviare il voto sull’uso della forza contro la Siria per verificare “i segnali incoraggianti” che arrivano dal fronte diplomatico (conl’apertura di Assad alla proposta russa di consegnare le armi chimiche), ma ha avvertito che gli Stati Uniti devono essere pronti a “reagire” all’attacco chimico perpetrato dal regime.

In un discorso in tv alla nazione di 15 minuti, il presidente americano ha sottolineato che è “troppo presto” per dire se il piano russo per il disarmo di Damasco “avrà successo”, anche se ha “il potenziale per annullare la minaccia delle armi chimiche senza l’uso della forza”. Obama ha però avvertito che Washington non può far finta di nulla dopo l’attacco con i gas nervini del 21 agosto. “Se non reagiamo, Assad continuerà ad usare le armi chimiche. E forse altri lo seguiranno”, ha spiegato, “nell’interesse della sicurezza nazionale degli Stati Uniti bisogna rispondere, servirà da deterrente. Quando si deve fermare l’uccisione di bambini con i gas gli Stati Uniti hanno il dovere di agire”.

Obama: “Dobbiamo scoraggiare uso armi chimiche” – “Oltre che comandante delle forze armate Usa sono anche il presidente della più antica democrazia costituzionale del mondo: ecco perché ritengo che la cosa migliore è spostare questa discussione in Congresso”, ha affermato il presidente americano.
Obama ha ribadito che un eventuale intervento militare sarà limitato e non sarà come in Iraq o in Afghanistan. “Non schiererò truppe americane in Siria”, ha promesso ancora una volta, “il nostro Paese è stanco delle guerre. Sarà un intervento non a tempo indeterminato e mirato per scoraggiare uso di armi chimiche. L’apparato militare americano colpisce forte. Colpiremo forte, dobbiamo scoraggiare Assad dall’uso di armi chimiche”.

Giovedì incontro Kerry-Lavrov
– Per quano riguarda la via diplomatica, il segretario di Stato americano, John Kerry, si incontrerà domani 12 settembre a Ginevra con il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, per discutere del piano per mettere sotto controllo le armi chimiche della Siria. Un incontro anticipato da una una conversazione telefonica che (ha fatto sapere Mosca), “su iniziativa americana”, Lavrov ha avuto con Kerry.
Oggi 11 settembre intanto a Ginevra la commissione d’inchiesta Onu sulla Siria presenta il suo rapporto sul massacro di Qousseir, mentre Al Cairo si tiene la riunione straordinaria della Lega araba.

Bonino: “Stop armi chimiche anche senza raid” – Si mostra fiduciosa nella svolta diplomatica sulla crisi siriana il ministro degli Esteri italiano Emma Bonino. “E’ una cosa positiva che si sia recuperato uno spazio per tornare a dar voce alla politica e alla diplomazia” ha detto a Radio24. “L’obiettivo è impedire ad Assad o chiunque altro di usare mai più armi chimiche” e “si può ottenere anche senza azioni militari”.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

RIFIUTI, MARAIA (M5S): OK A PARERE SU DIRETTIVA SUP MA SERVE PIU’ CORAGGIO

redazione

Pubblicato

-

“Il parere sulla direttiva Sup relativa alle plastiche monouso, votato ieri alla Camera, è frutto della sintesi tra le posizioni espresse dalle diverse forze parlamentari. Il Movimento 5 Stelle lo ha votato alla luce del contributo migliorativo che è riuscito ad apportare, ma è evidente che la gravità dell’emergenza climatica richiede più coraggio e maggiore determinazione per ridurre gli impatti delle attività umane”. Lo afferma Generoso Maraia, capogruppo del Movimento 5 Stelle in commissione Ambiente alla Camera. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Covid in Irpinia-18 positivi oggi in provincia, ecco dove

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 633 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 18 persone: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Apertura straordinaria cimitero 31 ottobre 1 e 2 novembre

redazione

Pubblicato

-

Continua a leggere

Più letti