Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Senza i LEP il Sud è un’area inesistente rispetto al resto del Paese

Antonio Bianco

Pubblicato

-

La Corte dei Conti, ancora una volta, evidenzia la responsabilità del Parlamento nella mancata attuazione della  legge 5 maggio 2009 n. 42, che detta i criteri per la definizione dei Livelli Essenziali delle Prestazioni (LEP) indispensabili a garantire l’equa erogazione dei servizi pubblici senza tener conto del luogo di residenza. Ancor oggi si applica il criterio della spesa storica che ha consentito al Centro-Nord di ricevere, ogni anno, da almeno 20 anni, la dote di circa 64 miliardi che hanno reso efficienti i servizi pubblici di questo territorio. Il superamento della spesa storica consentirebbe di riequilibrare gli interventi dello Stato Centrale nei confronti del Meridione, area sottosviluppata e grazie alla quale l’UE erogherà all’Italia,con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), la più alta dotazione finanziaria rispetto agli altri paesi europei. Risorse indispensabili a creare la coesione e l’unità del Paese che sarebbe preclusa se non fossero definiti i LEP. Fatto che impatterebbe negativamente anche sulla ripartizione dei fondi del PNRR che potrebbero essere spalmati seguendo il criterio della spesa storica e non dei bisogni effettivi dei territori italiani. Si accentuerebbero le disuguaglianze con ulteriori risvolti negativi sullo spopolamento del Meridione, già oggi in atto, in maggior misura delle aree interne, con la migrazione dei meridionali verso territori che offrono migliori prospettive di lavoro.Purtroppo ciò che appare all’orizzonte non è di buon auspicio, oltre alla mancata attuazione della legge 42/2009, le amministrazioni locali meridionali hanno il personale ridotto all’osso che limiterà la loro azione nella predisposizione di progetti necessari ad agganciare le risorse del PNRR. A questo si aggiunga che nei prossimi giorni sarà presentata, dalla Commissione presieduta da Caravita e

voluta dalla Ministra Gelmini, la valutazione dei progetti di autonomia regionale differenziata presentati nel 2018 dalle regioni Veneto e Lombardia che potrebbero rendere definitivo ed immutabile il divario socio-economico tra il Nord ed il meridione della Penisola. Se questi progetti fossero resi operativi senza aver definito i LEP ed i fabbisogni standard, la forbice fra chi ha servizi efficienti e chi è privo, si allargherebbe a dismisura rendendo incolmabile la distanza tra le due macro aree e trasformando il meridione in un area inesistente rispetto al resto del Paese.

Attualità

Covid in Irpinia-72 persone positive in provincia, 6 casi a Grottaminarda

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 1.069 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 72 persone: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

​ Provincia Garanzia Giovani-Collocamento Mirato al lavoro 15 tirocinanti

redazione

Pubblicato

-

Il presidente Biancardi: “La Provincia primo ente ad aver attivato uno specifico percorso” (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Denunciato 54enne di Ariano per minacce e diffusione di video

redazione

Pubblicato

-

A seguito di una mirata ed articolata attività (altro…)

Continua a leggere

Più letti