Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

PROGETTO MIMOSA – FARMACISTE INSIEME

Federico Barbieri

Pubblicato

-

Nasce nel 2014, in Campania, l’idea di creare un’associazione tra Farmaciste. ‘’Farmaciste Insieme’’, appunto.

Queste Donne, Farmaciste, elaborano il ‘’Progetto Mimosa’’.

Non storcete il muso, non si tratta di un insieme di persone che inventano un hobby.

Anzi.

Si sono poste, si pongono, di fronte a un problema sociale molto serio e ancora poco percepito: la violenza che le donne si trovano a vivere, a subire.

Le chiusure (lockdown) imposte causa Covid-19 hanno alimentato la violenza domestica che, purtroppo, spesso non viene denunciata.

Il Progetto Mimosa ha preso piede sino a estendersi in tutta Italia. Forte del patrocinio di Federfarma, della Fofi (Federazione degli Ordini dei farmacisti), Ministero della Salute, Fenagifar (Federazione Nazionale Giovani Farmacisti) e Rete Vision. Con il supporto della Fondazione Vodafone che ha creato un applicativo mobile dedicato: BRIGHT SKY, scaricabile gratuitamente.

Non può essere un applicativo a combattere la violenza ma, senza dubbio, è uno strumento utile, facilmente accessibile per chiedere aiuto e averne.

Nelle 19mila farmacie italiane sono in distribuzione degli opuscoli che forniscono tutte le informazioni necessarie per entrare in una rete di protezione.

Ad Ariano Irpino la Dottoressa Alessandra Padula, della Farmacia Padula, è la rappresentante provinciale dell’Associazione Farmaciste Insieme. Alfiere di questa battaglia di civiltà operativa per offrire alle donne: ‘’Sento, come donna prima che come Farmacista, l’importanza dell’impegno e della necessità di agire per contrastare anche gli effetti della violenza.’’

Così l’innovatrice Dottoressa Padula continua: ‘’La Farmacia non più soltanto dispensatrice di farmaci e prodotti sicuri per la salute ma, anche, fondamentale supporto psico-fisico alle donne. Per la loro presenza costante sul territorio e la prossimità ai cittadini, spesso i farmacisti vengono a contatto con situazioni di disagio sociale. Possiamo offrire un aiuto concreto, in termini di accoglienza, ascolto, informazione e orientamento, anche alle donne vittime di violenza domestica“.

Il ‘’Progetto Mimosa’’ è partito in diverse Regioni italiane. L’80% dei farmacisti è costituito da donne, sanno dare ascolto e suggerire centri di aiuto, specialisti accreditati, associazioni specifiche. Migliaia sono i casi di segnalazioni di violenza domestica, maltrattamenti di ogni genere. Il Progetto va incontro alle donne che subiscono in silenzio dimenticando il diritto personale, soggettivo, alla dignità; donne che non denunciano perché ricattate affettivamente, incapaci di prendere coscienza della non-vita in cui sono costrette.

La Farmacia Padula unisce sensibilità, innovazione, senso civico e visione di una società dalla quale sgombrare o, almeno provare a farlo, i lacci che stringono alla gola la dignità personale delle persone. Delle donne.

Sosteniamo convinti la Dottoressa Alessandra e, suo tramite, l’impegno di tutte le Farmaciste, Farmacisti, gli operatori, operatrici, che si spendono al fianco di chi subisce prevaricazione.

E’ il caso di dire: Insieme ce la faremo!

Attualità

Covid in Irpinia-28 persone positive in provincia, 4 casi ad Ariano

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 592 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID  28 persone:

(altro…)

Continua a leggere

Attualità

M5S, Ciampi: “Vietato nascere ad Ariano Irpino, soluzioni tampone al Frangipane”

redazione

Pubblicato

-

Question time in aula del consigliere regionale: “A distanza di due mesi dalla chiusura della Pediatria, reparto riaperto per soli tre mesi” (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Vincenzo Ciampi (Consigliere regionale M5s): Interrogazione sui disservizi Air

redazione

Pubblicato

-

Non mi sono fermato sulla vicenda dei bus trasferiti a Caserta. Ho presentato un’interrogazione alla giunta regionale  sul trasporto pubblico locale – dichiara il consigliere regionale del Movimento Cinque Stelle, Vincenzo Ciampi- con la  quale chiedo di sapere: (altro…)

Continua a leggere

Più letti