Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

La GdF di Ariano sequestra beni per oltre 1milione di euro a due imprenditori.

redazione

Pubblicato

-

I Finanzieri della Tenenza della Guardia di Finanza di Ariano Irpino, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per “equivalente”, emesso dal locale G.I.P., nei confronti di due soggetti di Ariano Irpino, di cui uno titolare di due distinte ditte individuali operanti nel commercio di profumi e cosmetici, l’altro, invece,  ritenuto evasore totale in quanto a fronte dei consistenti redditi che gli sono stati accertati, avrebbe omesso di presentare le dovute dichiarazioni fiscali annuali.

Entrambi i soggetti segnalati nel primo semestre del 2014 all’Autorità Giudiziaria beneventana, al termine di tre verifiche fiscali e di articolate indagini patrimoniali eseguite dalle Fiamme Gialle.

Nello specifico, le attività ispettive ricostruirebbero analiticamente il volume d’affari complessivo delle imprese e della persona fisica, e avrebbero fatto emergere i redditi occultati al Fisco, nonché l’imposta sul valore aggiunto e l’I.R.A.P. che sarebbe stata evasa, ed hanno consentito di quantificare in oltre 3.000.000 milioni di Euro la materia imponibile che sarebbe stata sottratta a tassazione ai fini delle imposte sui redditi, mentre l’evasione dell’IVA ammonterebbe a oltre 590.000 Euro.

Sulla scorta dei risultati delle attività ispettive e delle connesse indagini patrimoniali eseguite, che hanno permesso di rilevare le possidenze delle due persone, indagate per i reati di utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, dichiarazione infedele e omessa presentazione della dichiarazione, il G.I.P. del Tribunale di Benevento ha disposto un mirato sequestro preventivo “per equivalente” per 1.200.000 Euro ovvero fino all’ammontare delle imposte che sarebbero state evase.

La misura cautelare reale è stata eseguita dai militari della Tenenza di Ariano Irpino mediante il sequestro dei saldi giacenti sui rapporti di natura bancaria (in corso di quantificazione), nonché di quote societarie ed automobili di grossa cilindrata, quest’ultime nella disponibilità degli indagati.

Il sequestro è stato reso possibile dall’applicazione della norma, introdotta con la Legge finanziaria per il 2008, che estende anche ai reati tributari la cosiddetta “confisca per equivalente”, ossia la possibilità, qualora non si possa procedere alla confisca dei beni che costituiscono il diretto profitto del reato, di “aggredire” comunque i beni di cui il reo abbia la disponibilità, per un valore corrispondente al suddetto profitto. Il servizio odierno si colloca nel solco delle direttive impartite dirette a combattere le manovre evasive, che si sostanziano in sistemi di frode strutturati, attraverso l’aggressione patrimoniale a garanzia della pretesa tributaria.

 

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

MARAIA(M5S): INTERPELLANZA URGENTE SU AUTOSTRADE E PONTE MORANDI!

redazione

Pubblicato

-

Oggi ho presentato un’interpellanza urgente,insieme alla collega commissione Trasporti Carmela Grippa,al (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Emergenza Covid in Irpinia-79 persone positive in provincia, 16 casi ad Avellino

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 1.337 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 79 persone: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

“Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, una seduta di Consiglio Provinciale allargata alla presenza di tutti i sindaci”. L’iniziativa del presidente Biancardi

redazione

Pubblicato

-

L’attività dell’amministrazione provinciale per redigere una proposta complessiva dell’Irpinia per il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza prosegue senza sosta. L’ente ha costituito un servizio specifico per le Politiche Europee. Dallo scorso 17 febbraio, sta raccogliendo l’adesione e i progetti dei singoli Comuni che sono stati invitati a partecipare. Questo percorso fa seguito alla fase d’ascolto promossa dal presidente Domenico Biancardi nei mesi scorsi. Agli uffici della Provincia sono anche arrivate proposte da parte di associazioni ed Enti Parco. Di pari passo, sta andando avanti il lavoro di approfondimento da parte dello stesso presidente Biancardi, con i consiglieri provinciali e i tecnici. (altro…)

Continua a leggere

Più letti