Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Judo, non solo disciplina sportiva, ma principio di vita, arte e scienza

Rosa D'Apice

Pubblicato

-

La vita inizia con il dare e prosegue nello stare insieme per crescere e progredire (Jigoro Kano maestro e fondatore di judo)

Il 3 Maggio del 1956, 64 anni fa, si è svolta in Giappone la prima edizione mondiale di judo. Questa disciplina nasce da un’antica arte marziale dei Samurai e consiste in una difesa personale giapponese la cui tecnica è stata codificata dal prof. Jigoro Kano, che nel 1882 fonda la prima scuola chiamata Kodocan. Da allora si è diffusa in tutte le scuole e università, diventando disciplina ufficiale olimpica nel 1964 a Tokio. I suoi praticanti si chiamano judoisti o judoki e si esercitano sul tatami (materassino) a piedi scalzi indossando una giacca e un pantalone di cotone bianco. Una cintura in vita di colori diversi indica i diversi livelli di apprendimento. È una disciplina sportiva che per le sue caratteristiche si rivolge a tutti, si può intraprendere da bambini e può essere praticata fino ad età avanzata, perché completa. Il judo ha come obiettivo un miglior impiego dell’energia, della concentrazione e dell’autocontrollo. In Italia, il merito della sua divulgazione, oltre che a numerosi maestri, va a Cesare Barioli, scrittore di numerosi testi sul judo dal punto di vista tecnico, ma anche come metodo educativo e formativo. Grazie all’impegno di Barioli si sono costituite diverse associazioni sportive e culturali che hanno lo scopo principale di divulgare i principi espressi dal Fondatore Kano e di riaffermare il valore tradizionale del judo. Nel 2003 Barioli fonda l’AISE (Associazione italiana sport educazione) che grazie al lavoro dei volontari è una tra le realtà più attive nel campo dei disabili, del judo tradizionale e nel suo concetto educativo. L’associazione, senza scopo di lucro, ha organizzato stage culturali di archeologia e chimica per adulti oltre che di judo, coinvolgendo disabili, bambini e ragazzi, provenienti da tutti i Paesi. Cesare Barioli ha fatto suo il pensiero di Jigoro Kano: “il judo non è soltanto uno sport. Io lo considero un principio di vita, un’arte e una scienza (…). Dovrebbe essere libero da qualsiasi influenza esteriore, politica, nazionalista, razziale, economica od organizzata per altri interessi. Tutto ciò che lo riguarda non dovrebbe tendere che a un solo scopo: il bene dell’umanità”.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

I Socialisti arianesi al fianco del Commissario per il rilancio di Ariano

redazione

Pubblicato

-

A margine della manifestazione che ha visto la consegna simbolica delle chiavi delle proprie attività da parte dei commercianti di Ariano, i rappresentanti del Partito Socialista arianese hanno incontrato il Commissario Prefettizio nella sala del consiglio comunale  per illustrare le attività intraprese dal partito a difesa dei servizi ospitati nella nostra città  e quelle da intraprendere nei prossimi mesi. Di seguito il comunicato del PSI arianese: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Mentre i vaccini danno i primi risultati, riflessioni, dubbi e domande ci invadono

Federico Barbieri

Pubblicato

-

Sulla rivista Lancet, venerdì 22 maggio, sono stati pubblicati i dati relativi a un potenziale vaccino contro il Sars-Cov-2 (causa della malattia denominata Covid-19). Lo studio è stato effettuato, e continua tuttora, in Cina, da un’azienda biofarmaceutica, la CanSino Biologics. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Emergenza Covid-19 Stato di agitazione degli infermieri al Pronto Soccorso del Moscati

redazione

Pubblicato

-

Gli infermieri del Moscati di Avellino, hanno proclamato lo stato di agitazione per una serie di motivazioni, tra cui la mancanza di un pre-triage e l’assenza di camere di isolamento. Di seguito il comunicato  del Nursind di Avellino a firma del Segretario Territoriale Romina Iannuzzi:

Valutato il grave sovraffollamento che in questi giorni sta mettendo a serio rischio gli operatori del pronto soccorso (altro…)

Continua a leggere

Più letti