Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Italia ai Mondiali, Chiellini-Balo: Repubblica Ceca battuta

Avatar

Pubblicato

-

La cronaca – Nel giorno delle premiazioni, di Pirlo (100 presenze in Nazionale già festeggiate in Confederations Cup), di Buffon per aver raggiunto a quota 136 presenze Fabio Cannavaro, del riconoscimento a Silvio Piola, bomber italiano più forte di tutti i tempi, è arrivata la quattrocentesima vittoria della storia azzurra e la qualificazione al Mondiale 2014 con due giornate d’anticipo: mai successo. I record non contano, è vero, ma questo è un segnale inequivocabile che l’Italia c’è, specie sotto pressione, quando il risultato diventa un “must” e non si deve sbagliare. Una chiara dimostrazione che questa Nazionale, partita acerba all’inizio dell’era Prandelli, sta maturando e sembra pronta a poter competere con le grandi. Questo lo dirà il tempo e il Mondiale in Brasile dove il ct concluderà il suo percorso che chiede di essere compiuto in pieno.

Occorreva una vittoria e la Nazionale non ha tradito soprattutto quando l’entusiasmo di uno Juventus Stadium, che ha risposto alla grande, era stato smorzato dal gol di Kozak. Le occasioni sciupate da Balotelli, incapace nel primo tempo, di vincere almeno uno dei ripetuti duelli con Cech, avevano lasciato presagire il peggio. Un primo cambio modulo, con la difesa tornata a quattro e De Rossi riportato nell’originaria posizione di centrocampista e poi, a inizio ripresa, l’inserimento di Osvaldo hanno dato nuova linfa a un gioco che, in ogni caso, nella prima parte di gara non era dispiaciuto.

Il gol del pareggio firmato da Chiellini ha spianato la strada, l’ennesima incursione di Balotelli ha procurato il rigore del sorpasso: gol senza nemmeno pensarci e Cech finalmente battuto. Per Supermario 20 rigori tirati e altrettanti gol segnati in carriera. Il 2-1 è stato sofferto ma più per demerito degli azzurri che per merito degli avversari e questo, se vogliamo, dimostra che la Repubblica Ceca non ha mai messo in difficoltà gli Azzurri sotto il profilo del gioco.

L’Italia andrà al Mondiale con una base di calcio, di uomini, di carisma e consapevolezza notevoli. Le certezze restano: da Buffon a Balotelli, passando per Pirlo, De Rossi e Montolivo. Le alternative non mancano affatto: la buona forma di Gilardino ma anche i vari Abate, De Sciglio, Thiago Motta e Ogbonna danno garanzie assolute. Ora ci saranno 9 mesi e due partite di qualificazioni (inutili ai fini del risultato) importantissime per testare nuove soluzioni. L’Italia avrà il tempo di prepararsi senza patemi, a questa Nazionale manca solo un successo nella competizione più prestigiosa.

Fonte ; SkyTG24
Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Frangipane – Dal primo agosto riapre pediatria

redazione

Pubblicato

-

Grazie all’intervento della Regione Campania e a seguito della disponibilità manifestata (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Covid in Irpinia-15 persone positive in provincia su 474 tamponi effettuati

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 474 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 15 persone: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Eutanasia Legale-Il PSI di Ariano sarà presente con un punto raccolta firme per il referendum

redazione

Pubblicato

-

La sezione Ireneo Vinciguerra del Partito Socialista Italiano sarà presente con un punto per la raccolta firme per il referendum sull’eutanasia legale. (altro…)

Continua a leggere

Più letti