Mettiti in comunicazione con noi

Cultura Eventi e Spettacolo

Il sud è il mio paese

Floriana Mastandrea

Pubblicato

-

Il Sud è parte di me vertebre e schiena /altra bibbia che racconta /incanto di casolari e paesi /humus dove fiorisce

l’arancio /terra che conosce a sfregio e timore /miseria di mosca cinese. / Qui trionfo di alberi e castagni /si divide natura e povertà. /Qui si spremono ulivi / polpa e vinaccioli torchio di precarietà / nel giallo di terra tisica di abbandoni. / Irpinia madre di eserciti di ogni guerra / hai perso la conta dei figli pionieri ostinati / e abortisci il futuro estraneo alla storia. / Amore e desiderio sposano /giorni ed anni stanchi di ali e sogni /forzieri di vita, catenacci di ruggine / con chiavi rotte smarrite alla speranza”. Da: Tantilla, l’ultima silloge di Giuseppe Iuliano, che dietro lo schermo del titolo, che in dialetto significa letteralmente “cosa di poco conto”, in realtà è tutt’altro che di poco conto. Si tratta invece, di un vero e proprio atto politico che racchiude un concentrato di dolore, una denuncia per lo stato in cui la terra irpina è ridotta. Nella disattenzione generale, la terra che è stata fiera, come il suo paesaggio, forte, senza essere duro, e che potrebbe continuare ad esserlo, è ormai ridotta, anche a causa di amministratori incapaci, a terra di disimpegno, fuga e abbandono. Si è consumato un “sacrilegio invisibile”, che ci ha lasciato come “anime sfiancate, dubbiose”, che ormai coltivano soltanto “silenzio e solitudine”. Unico rifugio, l’amore, in quanto “gioco di malizia spacca ogni corazza”, ma è solo una pausa che può lenire il dolore, non cancellarlo. Con i versi della sua raccolta, Iuliano, da sempre sensibile alla bellezza e alle sorti della sua terra, ci invita con voce forte, a sentire sulla pelle i laceranti graffi di una coscienza collettiva che, a fronte del tradimento subito e dell’umiliante impotenza contro la sopraffazione, è necessario recuperare. Così, come ben illustra nella prefazione Aldo Masullo: “La tranquilla bellezza dell’Irpinia non la salvò, né la difende dall’amara sorte dell’intero Mezzogiorno. Il meridionalismo scientifico eppure romantico del Novecento, animato da spiriti intellettualmente forti ma politicamente deboli, fu la risvegliata coscienza del male subito, non la fine della fatale impotenza. Il male della violenza infatti, a lungo andare penetra nel corpo della vittima, la riduce all’impotenza, alla servitù volontaria. Questa infine è la malattia mortale degli uomini meridionali, i quali della comune servitù si servono l’uno contro l’altro. Versi, come i Tantilla, con la loro sincopata tensione, tuttavia attestano che la forza di un risentito amore mantiene viva la contestazione, accesa la speranza”. Pur sembrando pessimista, Iuliano vuole invece scuotere le coscienze, renderle attive, partecipi di un cambiamento di rotta che deve obbligatoriamente partire dalla memoria, dalle proprie radici, necessarie per trovare nuove strade, per andare verso un nuovo Risorgimento: perché non si può restare a guardare né capitolare, di fronte alle sopraffazioni e alle ferite.

Floriana Mastandrea

Giuseppe Iuliano Tantilla Prefazione di Aldo Masullo

Editrice Delta 3

Pag. 12 € 2,50

Attualità

Maxischermo al piazzale Calvario per la proiezione della partita della Nazionale

redazione

Pubblicato

-

“EURO ARIANO 2021”, arriva la seconda serata dell’iniziativa del Forum dei giovani in collaborazione con l’Amministrazione Comunale. Maxischermo al piazzale Calvario per la proiezione delle partite della Nazionale.
A cura e in collaborazione con l’Ape Replay catering e drink e l’agriturismo “La Colombaia”, saranno somministrati a pagamento alimenti e bevande.

(altro…)

Continua a leggere

Attualità

Torna l’atletica all’Arena Mennea, domani prima edizione per il Trofeo interregionale Città di Ariano Irpino

redazione

Pubblicato

-

Domani, domenica 20 giugno, è il giorno della prima edizione per il Trofeo interregionale Città di Ariano Irpino, dedicato ad allievi e cadetti.

L’amministrazione Comunale è lieta di comunicare che presso l’Arena Pietro Mennea avremo l’onore di ospitare l’incontro che avrà sei rappresentative regionali al via: la città di Ariano rappresenterà la Campania insieme a Basilicata, Calabria, Lazio, Molise e Puglia. Due settimane dopo il Trofeo Pratizzoli di Modena, ecco quindi un altro importante appuntamento che stavolta vedrà coinvolto il Centro-Sud per l’organizzazione del Comitato regionale FIDAL Campania. Folto il programma della manifestazione, con 24 gare in poco più di tre ore nel pomeriggio di domenica: otto per gli allievi (100, 200, 400, 1500, triplo, giavellotto, alto, 4×100), sette riservate alle allieve (100, 200, 400, 800, lungo, peso, 4×100), quattro con i cadetti (300, 1000, alto, peso) e cinque per le cadette (300, 1000, lungo, giavellotto, peso). Tra i convocati nelle varie rappresentative, anche alcuni giovani che si sono già messi in evidenza a livello nazionale come la cadetta pugliese Jacqueline Akakpovi, terza alla rassegna tricolore dell’anno scorso sui 300 metri, che è iscritta nel salto in lungo mentre nei 200 allieve ci sarà la sorella Yasmine Akakpovi, campionessa italiana cadette del triplo. Da seguire poi altri finalisti ai campionati italiani di categoria dello scorso ottobre, dal pesista calabrese Marco Caccamo al saltatore in alto Adolfo Colasanto in gara per la Puglia, dalla giavellottista Malinka Wojcikoski (Campania) alla mezzofondista Sara Pontani (Lazio) nei 1000 metri.

La manifestazione comincerà alle ore 15.

Continua a leggere

Attualità

Provincia-Il 21 giugno Festa della Musica al Carcere Borbonico

redazione

Pubblicato

-

Per festeggiare la musica, una delle più antiche forme d’arte della storia, il Museo Irpino apre straordinariamente le sue porte al pubblico lunedì 21 giugno 2021 e nello splendido scenario del Carcere borbonico si darà vita ad uno spettacolo di arte e cultura. (altro…)

Continua a leggere

Più letti