Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Il Comitato Sannita Acqua Bene Comune per cimitero dei Morticelli

redazione

Pubblicato

-

Il Comitato Sannita Acqua Bene Comune in relazione all’invito di Gesesa Spa di sostenere nel
Censimento Fai l’abazia medioevale di Benevento cosiddetta dei Morticelli, invita tutti i cittadini
beneventani ad aprire gli occhi. Dobbiamo smascherare la solita strategia di marketing della
multinazionale Acea, con la quale vuole penetrare nel mondo dell’arte, dei beni culturali e dello
sport, con un unico obiettivo: quello di captare la benevolenza dei cittadini e consolidare nelle
proprie mani la gestione della risorsa idrica. Ma quale cimitero dei Morticelli…
L’acqua purtroppo inizia a scarseggiare anche nel nostro territorio e presto cercheranno di
vendercela a peso d’oro. Le multinazionali hanno capito da tempo che l’acqua è oro blu e si stanno
impadronendo di questa risorsa che non gli appartiene.
Non si tratta di cultura, non si tratta di mecenatismo, non si tratta di alcuna valorizzazione del
territorio. Ad Acea spa interessa soltanto una cosa: l’acqua con la quale continuare a fare profitti
inestimabili. I ricchi dividendi di Gesesa derivati dalle bollette dei cittadini sanniti continuano ad
andare ad Acea, al gruppo Caltagirone ed alle multinazionali francesi, con lo sguardo compiacente
di buona parte della politica beneventana.
Svegliamoci dal letargo per favore. Apriamo gli occhi. Qui non si tratta di votare il cimitero dei
Morticelli come luogo del cuore Fai. C’è in ballo molto di più. L’unico voto che conta è quello di 26
milioni ‘italiani che nel 2011 hanno detto che non si può fare profitto sull’acqua.
Allo stesso tempo a Benevento è negato il diritto di voto. Ci rivolgiamo ancora una volta alla
buona politica, alla Chiesa, ai sindacati, ai comitati di quartiere, alle associazioni ed a tutte le forze
sane della nostra città: è mai possibile che un Sindaco che non ha neanche più la maggioranza in
consiglio Comunale impedisca ai cittadini beneventani di votare su un tema così importante? Dove
è finita la democrazia? Dove sono i valori tutelati dalla Costituzione?
È arrivato il momento di far sentire la nostra voce e di riappropriarci di quella “santa collera” di
cui parlava il pastore danese Kay Munk, luterano antinazista ucciso come un cane nel 1944.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

La scuola è un organo costituzionale, disse Calamandrei: ma cos’è oggi la scuola?

Grazia Vallone

Pubblicato

-

Nella festa del 2 giugno, non possiamo non ricordare Piero Calamandrei, chiamato spesso in causa come Padre costituente della Repubblica italiana, che pronunciò parole indimenticabili nel discorso di Roma dell’11 febbraio del 1950: “La scuola è un organo costituzionale”. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Quelle madri della Repubblica, che intendevano la politica come missione

Floriana Mastandrea

Pubblicato

-

Il 2 giugno 1946, uscita devastata dalla guerra, l’Italia con il referendum istituzionale e a suffragio universale, che consentì per la prima volta il voto alle donne, fu chiamata a scegliere tra Monarchia o Repubblica e per eleggere l’Assemblea costituente. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Mastella lancia il suo progetto politico con Gazzella coordinatore

redazione

Pubblicato

-

Le nostre radici, il nostro Sud. Un progetto politico che parte dalla Campania, dall’esperienza e la guida dell’On.le

(altro…)

Continua a leggere

Più letti