Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Floriana Mastandrea”Recuperiamo la dignità di Ariano e il diritto della gente, ad avere diritti”

Giuseppina Buscaino

Pubblicato

-

Floriana Mastandrea, è capolista insieme a Giuseppe Ciasullo, della lista di centrosinistra Democrazia e Progresso, che sostiene Giovanni La Vita sindaco alle prossime amministrative di Ariano Irpino. L’abbiamo intervistata

Perché ancora una volta ti sei assunta l’onore e l’onere di fare politica?

Perché ho passione per gli ideali, credo che in base a quelli si possa cambiare lo status quo di una società in crisi economica, sociale, culturale, e persino sanitaria, come ha evidenziato l’emergenza da coronavirus, che ci ha sorpresi tutti impreparati. Fare politica in uno scenario come quello odierno è un’impresa faticosa, un’avventura, ma proprio per questo stare ad osservare, indifferenti, è impossibile. Antonio Gramsci ben lo diceva: bisogna essere partigiani, non si può delegare ad altri affinché decidano per noi: ogni componente della società deve fare la sua parte con coscienza, senso del dovere, umanità, un altro valore smarritosi, fagocitato da disvalori come egoismo, avidità e indifferenza. Se si hanno a cuore le sorti di una comunità, bisogna mettersi in gioco, tanto più se la situazione è difficile. Ed è difficile non soltanto per la mancanza di ideali nel senso nobile del termine, ma per l’avanzare preoccupante del populismo della peggiore destra, da Lega a Fratelli d’Italia, dopo che i 5 Stelle, ora in posizioni di ripiego e in contraddizione con quanto andavano proclamando all’inizio, hanno aperto e alimentato una strada pericolosa, che sfruttando timori e insicurezze della gente con meno strumenti culturali, finge di farsene portatrice e di volerle risolvere. In realtà stanno soltanto speculando per carpire voti! La politica vera, quella fatta di sacrificio, abnegazione, consiste nel mettere a disposizione competenze acquisite, professionalità e coerenza, dote ormai sempre più rara. Oggi la politica è diventata un mercato al ribasso a disposizione di transfughi che si vendono al miglior offerente in cambio di favori di ogni genere. Talvolta mi viene da pensare che non è cambiato nulla dal viaggio elettorale di Francesco De Sanctis in Irpinia di quasi 150 anni fa (1875): se il Sud non si ribella a questo modus operandi clientelare e prepotente, non potrà mai progredire ed emanciparsi. Il riscatto parte da qui. Per indole, non ho mai sopportato le ingiustizie sociali o personali: la mia storia di vita professionale, politica e familiare parla per me: ho lottato strenuamente per oltre 10 anni per ripristinare diritti usurpati proprio da persone di “famiglia”, ho vinto, è stata dura, e purtroppo non è finita, ma so che non potrei mai arrendermi all’arroganza e alla cattiveria gratuita.

Com’è lo scenario politico arianese?

Estremamente affollato: tutti i candidati sindaci, tranne noi che abbiamo due liste, Democrazia e Progresso e Noi Campani, si presentano con molte liste, non perché abbiano tanti seguaci volenterosi di mettersi in gioco, ma perché a loro avviso, un gran numero di candidati dovrebbe assicurare la vittoria o quantomeno la certezza di arrivare al ballottaggio. Esattamente ciò che l’anno scorso si contestava all’allora sindaco uscente Gambacorta, che aveva candidato ben 96 persone, è ciò che molti hanno fatto quest’anno con 4-5 liste al seguito: la malapolitica si impara presto, quella buona, più difficilmente, forse perché troppo faticosa! Il candidato dell’altro sedicente centrosinistra, che si è imposto, ha ben 64 candidati: è questo il cambiamento di cui parla? Va sottolineato come nei vari schieramenti, molti candidati in lista non abbiano la minima idea di cosa sia fare politica, talvolta sono tirati in gioco all’ultimo momento, basta che abbiano famiglie in grado di votarli, possibilmente ampie: non è questa una distorsione del vero senso della politica? Non è anche questo che allontana la gente? E non è un modo per disperdere voti togliendone un po’ a tutti, per non far conseguire quasi a nessuno un risultato pieno? Mi sento spesso attestare stima dalla gente, che poi mi dice imbarazzata di essere costretta a votare qualcuno a cui ha promesso, o a cui “deve” il voto, anche se non vorrebbe… E, se da una parte mancano coraggio e senso civico, è pur vero dall’altra, che da Tangentopoli in poi, con la fine dei partiti, l’imperversare del berlusconismo e la scomparsa delle scuole politiche, non c’è più la formazione, ma i giovani dovrebbero prepararsi, capire che serve studio, impegno, esperienza, fatica e non cercare di partire direttamente dall’alto: in ogni settore della vita la gavetta è indispensabile. Per questo chiedo ad ogni elettore, prima di votare, di non valutare in base al fatto che il candidato sia un parente o un amico, da “accontentare”, ma di considerare altri parametri: preparazione, competenza, ideali, esperienza. Chi dovrà governare non avrà un compito facile e dovrà essere in grado di affrontare molti problemi scottanti. Il voto è l’unico potere che i cittadini hanno per cambiare le cose: non bisogna sprecarlo o poi saranno inutili e tardive le lamentale su incapacità e inefficienza di coloro che li rappresenteranno. Né si può dire, come spesso sento, che i politici siano tutti uguali: c’è chi fa politica per passione, a disposizione della comunità, come dovrebbe essere la vera mission di un politico e chi la intende come opportunità di sistemazione, magari perché nella vita non ha lavoro, perché vuol cercare di accedere al potere, mettersi in evidenza o poter chiedere favori al potente di turno. È tempo di smetterla con i clientelismi, bisogna ribellarsi, avere il coraggio di andare controcorrente, votare perché la società diventi più civile, dei diritti per tutti, e non una scorciatoia facilitativa per gli amici, i parenti, i proseliti. Non ci si può presentare come cambiamento, con le stesse modalità utilizzate in passato, per non cambiare realmente nulla: è un gattopardismo che va sconfitto, una volta per tutte!

E le liste civiche?

Dietro le liste civiche, se andiamo a guardare bene, c’è una destra camuffata, mentre lo schieramento che sostiene la destra conclamata di Marco La Carità, è composto anche da Fratelli d’Italia e Lega, i cui “valori”, meglio, disvalori, sono il fascismo, il razzismo, la xenofobia: altro che accoglienza e solidarietà, di cui parla persino Papa Francesco! Altro che interazione e dialogo, dal cui scambio può emergere una sintesi utile a migliorare il mondo! Mi domando inoltre, come possa un meridionale votare per la Lega che ci ha sempre disprezzati ritenendoci inferiori, come possa qualcuno candidarsi con la Lega e, come i leghisti osino chiedere i nostri voti! Inaudito che trovino ascolto qui, nella terra che ha bisogno di riscatto dallo sfruttamento ideale, morale ed economico! La destra ha detto che non bisogna guardare al passato: impossibile! Senza analizzare il passato, che ha determinato la condizione agonizzante in cui versa Ariano dopo decenni di governo di destra, non si può costruire il presente, né il futuro! Bisogna assumersi le proprie responsabilità: i cittadini hanno diritto di sapere chi e perché ha comprato il Giorgione inutilizzabile, sprecando danaro pubblico. Chi e perché ha costruito i nuovi macelli mai utilizzati. Chi e perché ha costruito il parcheggio in struttura a San Giovanni e in Via Anzani, entrambi inutilizzabili. Chi e perché ha costruito il parcheggio del Calvario, che viene utilizzato nonostante la carenza di sicurezza e di norme igieniche. Chi ha costruito la Russo-Anzani, ora Gerolamo Angeriani, non collaudata né collaudabile. Va verificato se gli assegnatari degli alloggi popolari abitino realmente nelle case loro assegnate, o se alcuni di loro siano residenti in altre case di proprietà, subaffittando l’alloggio popolare o tenendolo vuoto per ospitare i parenti durante le ferie. Gli alloggi popolari vanno assegnati a chi ha realmente titolo ed è attualmente in lista d’attesa! Va verificato se gli affittuari di palazzo Forte, palazzo Bevere-Gambacorta e del palazzo che ospita la Biblioteca comunale, paghino l’affitto al Comune, nonché le relative utenze. Di questo e altro deve occuparsi la vera sinistra, in empatia con i cittadini, a disposizione di chi non ha voce, degli emarginati, di chi soffre qualsiasi forma di ingiustizia: culturale, sociale ed economica.

So che hai a cuore molte questioni

I molteplici punti del nostro programma, reperibile anche su Facebook, alla pagina di Giovanni La Vita, vanno dalla situazione sanitaria, che prevede il rafforzamento della medicina territoriale, che ha mostrato i suoi limiti con l’emergenza coronavirus, all’ampliamento dell’Ospedale Frangipane con ulteriori reparti, nonché la dotazione della Risonanza magnetica (RMN), affinché Ariano diventi il Terzo polo sanitario, fino alle questioni legate alle nuove povertà in drammatico aumento, alle energie alternative, il cui utilizzo abbasserebbe notevolmente i costi dell’energia per il Comune. Così come è indispensabile recuperare e valorizzare il centro storico, sia dal punto di vista architettonico che socio-culturale, fino alle periferie e zone rurali, bisognose di infrastrutture, dalle strade alle reti idriche e fognarie, al gas, all’illuminazione. È inconcepibile che ad Ariano nel Terzo millennio, ci siano ancora situazioni da Terzo mondo. Mi sta molto a cuore anche la condizione femminile, di cui mi occupo da sempre. Il lavoro femminile, in presenza di adeguati investimenti, rappresenta una riserva a cui i territori meridionali potrebbero attingere: promuovere il lavoro femminile nei nostri territori, valorizzando le competenze di genere, vuol dire investire nei diritti delle donne e nei settori economici connessi ai valori di cui sono tradizionalmente portatrici: creatività, capacità organizzativa, intraprendenza, sostenibilità e salvaguardia dell’ambiente, mantenimento della biodiversità, cura della famiglia e dei beni comuni. Il nostro territorio presenta una vocazione allo sviluppo del settore agricolo, della ceramica, della ristorazione, della piccola imprenditoria, ai quali se ne possono aggiungere altri collegati ai primi o del tutto nuovi, come l’editoria, l’ottimizzazione delle risorse naturalistico-ambientali per location cinematografiche, organizzazione di eventi o per la creazione di itinerari turistico-culturali. Serve la creazione di una task force di donne che, unendo esperienze e competenze, facciano emergere soluzioni innovative. Restare al Sud e ad Ariano in particolare per farla progredire, è un progetto di cui le donne, insieme ai giovani, possono farsi capofila: sportelli ad hoc raccoglieranno istanze e informeranno sulle risorse a disposizione. Vorrei esortare le donne a fare sorellanza: unite si raggiungono gli obiettivi più alti, si cambia l’esistente.

Il centrosinistra stavolta è disunito….

È elemento di sofferenza, anche per le dinamiche con cui si è creata divisione: avremmo voluto essere uniti, ma le candidature in democrazia non si impongono, si discutono insieme, ci si mette “a disposizione”, meglio ancora se si è proposti da altri senza autocandidarsi, e così non è stato. Non solo: Franza il candidato del Partito socialista e di alcuni elementi della destra del PD, che si è voluto imporre, proviene come una parte di coloro che lo sostengono, dal centrodestra: aveva già tradito un patto politico dopo la sua elezione, non tenendo in alcuna considerazione coloro che avevano fatto i salti mortali per farlo eleggere, ovvero noi alleati di centrosinistra. L’apice dell’assurdo in ciò che ha fatto, è stata l’alleanza contro natura con la Lega, a cui ha dato persino un assessorato: bella coerenza politica! A rappresentare il centrosinistra, noi abbiamo voluto una persona di esperienza politica e professionale, impegnata da sempre nel sociale, come ha dimostrato, lavorando in silenzio durante l’emergenza sanitaria in cui ha operato attraverso l’Associazione Vita, una persona generosa, con la giusta umiltà e la conoscenza della macchina amministrativa, per poter tirare Ariano fuori dal guado e questa persona per noi non può che essere Giovanni La Vita, l’avvocato di tutti.

Attualità

Emergenza Covid in Irpinia-115 persone positive in provincia,6 casi ad Ariano

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 1.554 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 115 persone:
– 3, residenti nel comune di Aiello del Sabato;
– 1, residente nel comune di Aquilonia;
– 6, residenti nel comune di Ariano Irpino;
– 2, residenti nel comune di Atripalda;
– 7, residenti nel comune di Avella;
– 12, residenti nel comune di Avellino;
– 4, residenti nel comune di Baiano;
– 1, residente nel comune di Candida;
– 1, residente nel comune di Capriglia Irpina;
– 1, residente nel comune di Cervinara;
– 1, residente nel comune di Cesinali;
– 1, residente nel comune di Forino;
– 2, residenti nel comune di Frigento;
– 8, residenti nel comune di Grottaminarda;
– 2, residenti nel comune di Lioni;
– 4, residenti nel comune di Manocalzati;
– 3, residenti nel comune di Mirabella Eclano;
– 6, residenti nel comune di Montecalvo Irpino;
– 3, residente nel comune di Monteforte Irpino;
– 1, residente nel comune di Montella;
– 1, residente nel comune di Montemarano;
– 3, residenti nel comune di Monteverde;
– 7, residenti nel comune di Montoro;
– 3, residenti nel comune di Moschiano;
– 3, residenti nel comune di Mugnano del Cardinale;
– 2, residenti nel comune di Pietradefusi;
– 3, residenti nel comune di Prata PU;
– 5, residenti nel comune di Quadrelle;
– 1, residente nel comune di Roccabascerana;
– 2, residenti nel comune di San Martino Valle Caudina;
– 1, residente nel comune di San Michele di Serino;
– 1, residente nel comune di San Sossio Baronia;
– 2, residenti nel comune di Santo Stefano del Sole;
– 1, residente nel comune di Savignano Irpino;
– 2, residenti nel comune di Senerchia;
– 1, residente nel comune di Serino;
– 1, residente nel comune di Sirignano;
– 8, residenti nel comune di Solofra;
– 1, residente nel comune di Taurano.
L’Azienda Sanitaria Locale ha avviato indagine epidemiologica sui contatti dei casi positivi.

Continua a leggere

Attualità

Giusta la protesta dei commercianti: la casta batta un colpo, mancano i ristori

Antonio Bianco

Pubblicato

-

Le scene di protesta dei ristoratori, commercianti e ambulanti attuate in Italia mostrano, ancor di più, l’inadeguatezza degli interventi economici dello Stato. I manifestanti hanno tenuto sotto assedio Montecitorio, protetta da un imponente cordone di polizia in tenuta antisommossa. Non si può rimanere indifferenti di fronte a scene che mostrano famiglie, anziani, giovani stanchi delle promesse non mantenute, dei ristori annunciati dall’attuale e dal precedente governo pervenuti con estrema lentezza. Non basta deliberare con il DPCM oppure con decreti legge per rendere operativi i ristori, occorre che siano varati i decreti attuativi tutt’ora mancanti e di là da venire. Senza i denari scatta la rivolta sociale, più volte i servizi segreti hanno dato l’allarme, la sofferenza sociale si è acuita per la mancanza di lavoro ed è resa ancora più cruda dalla pandemia. I commercianti non vivono d’aria, non si spengono come l’interruttore dell’illuminazione domestica, hanno la necessità di liquidità, spesso negata dalle banche e complicata dallo Stato con provvedimenti tardivi messi in campo dalla burocrazia lenta e macchinosa. Queste condizioni favoriscono la criminalità organizzata che offre prestiti immediati a tassi usurari finalizzati a sottrarre le imprese ai legittimi proprietari, spesso usate per il riciclaggio dei proventi illeciti. Il governo di unità nazionale, se vuole garantire la pace sociale, deve mettere in campo tutti gli strumenti giuridici e finanziari che assicurino la continuità del vivere civile di chi ha perso il lavoro per la chiusura delle imprese commerciali. Il Recovery Fund è una ghiotta occasione e non va sprecata, il Centro-Nord ne ha bisogno mentre è vitale per il Sud al fine di creare i 3 milioni di posti di lavoro necessari per mettere in moto il motore economico di questa area, oggi, la più povera dell’intera Eurozona. I tempi sono brevi, entro aprile vanno presentati i progetti ed il cronoprogramma di esecuzione dei lavori all’Europa per ricevere la prima tranche di finanziamenti. Ora o mai più vi sono le condizioni per far rinascere la coesione nazionale e dare la speranza a 20 milioni di Meridionali di essere cittadini italiani.

Continua a leggere

Attualità

GIORNATA NAZIONALE DONAZIONE ORGANI, AD AVELLINO ILLUMINATI PALAZZO DELLA PROVINCIA, LA PREFETTURA E LA FONTANA BELLEROFONTE

redazione

Pubblicato

-

11 aprile, Giornata Nazionale della Donazione di organi, tessuti e cellule: una preziosa occasione per portare l’attenzione della cittadinanza tutta su di un tema di tale rilievo umanitario e, quindi, per rammentare a ciascun cittadino la centralità della donazione degli organi, dei tessuti e delle cellule nella cura di patologia severe.

(altro…)

Continua a leggere

Più letti