Mettiti in comunicazione con noi

Cultura Eventi e Spettacolo

Eccellenze in Mostra: il nuovo format per la promozione del territorio.

redazione

Pubblicato

-

“Fiere ed Eventi” prepara un evento itinerante tra il territorio irpino e il Sannio dedicato alle aziende operanti nei settori dell’Agroalimentare, dell’Artigianato, del Commercio e dei Servizi e del Turismo. Primo appuntamento nel Vallo di Lauro-Baianese a Sirignano, dal 16 al 18 ottobre.

“Eccellenze in Mostra” è il nuovo format con cui la società “Fiere ed Eventi” intende valorizzare le produzioni tipiche e artigianali del territorio irpino e sannita. Si tratta di un evento fieristico itinerante il cui obiettivo principale è contribuire alla conoscenza delle aree interne della Campania, condividendo, aggregando e valorizzando le numerose risorse presenti sul territorio e a volte poco note. Tale attività è intesa come un’opportunità di rilancio dell’economia di queste aree, in un momento in cui la crisi globale cerca di offuscare l’ottimismo e lo sviluppo imprenditoriale. Proprio nell’ottica di favorire la più ampia partecipazione possibile di aziende ed espositori “Eccellenze in Mostra” prevede diverse formule di adesione agevolate e alla portata delle diverse tipologie di aziende. Le categorie merceologiche cui si rivolge il format sono quelle relative ai prodotti di Eccellenza nei settori dell’Agroalimentare, dell’Artigianato, del Commercio e dei Servizi, del Turismo, con particolare attenzione all’aspetto culturale e alla valorizzazione materiale dei luoghi. L’evento si terrà in diverse location tra la provincia di Avellino e quella di Benevento e non solo, componendo un calendario di appuntamenti volto a garantire la promozione continua di tutti gli attori partecipanti e la creazione di un circuito di buona comunicazione. Si comincerà dal 16 al 18 ottobre 2015, nel Vallo di Lauro-Baianese presso lo Stadio Comunale di Sirignano (AV), per poi proseguire dal 6 all’8 novembre, nella Valle dell’Irno, presso il comune di Montoro (AV). Dal 20 al 22 novembre la location sarà, invece, la Valle Caudina con il comune di Montesarchio (BN). Successivamente l’evento si sposterà nell’area del Matese presso Bojano, in provincia di Campobasso, dal 5 all’8 dicembre. Il calendario dei primi cinque appuntamenti si concluderà nelle Terre dell’Ufita a Flumeri (AV), dal 18 al 20 dicembre 2015. Ricco il programma di iniziative previste durante ogni tappa di “Eccellenze in Mostra”. L’evento itinerante offre ai visitatori di tutte le età, la possibilità di partecipare a tante attività realizzate in collaborazione con importanti associazioni di settore. Oltre all’esposizione di stand ospitanti aziende di eccellenza provenienti dai vari territori della regione Campania e ai numerosi momenti di incontro e dibattito, sarà possibile partecipare a laboratori di degustazione, mostre e spettacoli. Slow Food terrà un ciclo di laboratori del gusto dedicati a varie produzioni tipiche locali; Coldiretti curerà, invece, un laboratorio dedicato alla Dieta Mediterranea e ai suoi valori. Infine, appuntamenti a cura di Irpiniambiente, saranno dedicati alla sensibilizzazione dei più giovani al tema della raccolta differenziata. E proprio ai giovani saranno dedicate le giornate di sabato, con l’apertura degli spazi espositivi agli istituti scolastici locali. Un padiglione sarà dedicato alla degustazione dei prodotti tipici e uno alla convegnistica e alle esposizioni artistiche. I bambini avranno a disposizione un’area baby-park. Durante l’evento sarà presentato, infine, il progetto “Crociere in Irpinia”, una ulteriore iniziativa volta a valorizzare l’inestimabile patrimonio turistico della provincia di Avellino. “Eccellenze in Mostra” è una nuova, imperdibile opportunità per le Aziende e per i Comuni di porsi all’attenzione del grande pubblico; un’occasione da non mancare per lo sviluppo delle aree interne.

Per informazioni

Telefono: 0825.1914031– 330.658881 – 339.7266297
Segreteria: info@fiereventi.eu
Sito
web: www.fiereventi.eu

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Alessio Boni in un corto su Carlo Gesualdo

redazione

Pubblicato

-

Prende vita il cortometraggio “Il Perdono”, prodotto da Irpinia Film Commission, diretto da Roberto Flammia e dedicato al genio musicale del principe Carlo Gesualdo.
Lo fa avvalendosi della partecipazione, da protagonista, di Alessio Boni, uno dei più validi e importanti attori del piccolo e grande schermo italiano. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Una nuova opportunità per i giovani con il progetto Erasmus+

redazione

Pubblicato

-

10 borse di mobilità per intraprendere un’esperienza lavorativa di 2 mesi a Malta in ambito turistico e culturale (altro…)

Continua a leggere

Attualità

La Carfagna gioca con i numeri trecento sindaci Meridionali scenderanno in piazza il 25aprile a Napoli per rivendicare il 68% del Recovery Fund

Antonio Bianco

Pubblicato

-

Il governo Draghi senza sosta snocciola le percentuali del Recovery Fund da assegnare al Sud. La memoria è corta, dimenticano che l’Europa ha attribuito al Meridione, quale area sottosviluppata, almeno il 68% dei 209 miliardi destinati all’Italia. In questa amnesia generalizzata è caduta per sino la ministra per il Sud e la coesione sociale Mara Carfagna, di origine salernitana, la quale durante l’intervento nel question time al senato, con tono trionfante annunciava che il Meridione avrà in dote non il 34% ma il 40% dei fondi del Recovery Fund. La Carfagna snocciola solo numeri senza che vi siano nuovi progetti da mettere in campo per il Sud e, si ripete, dimentica che l’UE ha assegnato al Meridione il 68% del Recovery Fund. Fra le infrastrutture da finanziare, con il 40% dei fondi del Recovery Fund, include opere già in parte iniziate e pure finanziate come la tratta ferroviaria ad alta capacità tra Napoli e Bari. Mentre l’alta velocità da Salerno a Reggio Calabria e sino a Palermo è solo un sogno, in egual misura è la realizzazione del ponte sullo stretto di Messina, il quale consentirebbe il completamento del corridoio dell’alta velocità da Palermo sino a Berlino. Indubbi sarebbero i vantaggi che si arrecherebbero all’occupazione ed all’aumento del PIL dell’area meridionale che vedrebbe intensificare il traffico dei containers dei porti di Augusta e di Gioia Tauro provenienti dall’Asia, facendo concorrenza al porto di Tangeri in Marocco, oggi un hub in continua espansione nella movimentazione dei containers. Inoltre il significativo aumento del traffico passeggeri migliorerebbe la mobilità, ridurrebbe l’inquinamento prodotto dalle automobili ed i tempi di percorrenza sino a 3 ore tra Reggio Calabria e Roma. Non possiamo stare zitti, il Meridione è parte integrante del Paese, se il governo e la Carfagna continuano a dare i numeri al lotto si rischia la balcanizzazione del Paese.

Continua a leggere

Più letti