Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Cronaca di una giornata che segna il risveglio del Meridione

Antonio Bianco

Pubblicato

-


Quando i Sindaci scendono in piazza la misura è colma, il governo sforna solo cifre ma, gratta gratta, la storia èsempre la stessa: i soldi al ricco Nord e le briciole al Sud. Domenica 25 aprile a Napoli la manifestazione dei Sindaci segna la consapevolezza delle donne e degli uomini che il Sud è stato abbandonato al suo destino. Non è polemica ma rappresentazione di un malessere profondo che affonda le sue radici nella Questione Meridionale mai seriamente affrontata, mai risolta. A questa si unisce il pregiudizio che sfocia nel razzismo alimentato dall’ingiusto mantra dello sperpero delle risorse destinate al Sud e sprecate dalla classe politica che balla, suonando il mandolino. Tutto ciò è stato smentito dall’operazione verità messa in campo da studiosi, costituzionalisti, dalla società civile e dal Quotidiano del Sud che hanno dimostrato lo sperequato spostamento di denari verso il Nord e sottratti all’area più povera del Paese. È venuto il momento di perequare le due macro aree, diversamente monterà la rabbia sociale ed un abisso si aprirà sotto i nostri piedi. I Sindaci provenienti dal Meridione incarnano i diritti negati a 21 milioni di cittadini privati del trasporto pubblico, dei treni ad alta velocità, dell’acqua potabile, di ospedali e che non sono considerati persone ma trattati come stranieri in Patria. Si mettano in conto enormi risorse finanziarie per far decollare il Sud, passerella ideale per nuovi e proficui canali commerciali verso l’Asia e l’Africa. Meraviglia il silenzio dei tg Nazionali della Rai che ancora una volta ha perso l’occasione di essere la tv di tutti gli italiani e non solo della partitocrazia che l’ha colonizzata. Solo il tg4 ha dato notizia alquanto ampia della manifestazione di Napoli, per il resto il silenzio assoluto. Il vento sta cambiando e si prospetta un nuovo equilibrio che riaffermi la centralità della costituzione e dei diritti di pertinenza di tutti gli italiani, inclusi i meridionali. È solo l’inizio, ci vedrete sempre più numerosi ed allora anche la Rai lottizzata non potrà far finta di nulla, ci siamo e nessuno ci fermerà.

Attualità

Vittorio Melito:”continua la mortificazione del nostro ospedale”

redazione

Pubblicato

-

 

Il 9 dicembre il Consiglio comunale di Ariano Irpino approvò all’unanimità un documento sulla condizione dell’ospedale e della sanità sul territorio. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Comunità Montana dell’Ufita – Giuseppe Leone si dimette da Presidente

redazione

Pubblicato

-

Il segretario generale, Tommaso Girolamo, in una nota indirizzata a consiglieri e  assessori della giunta della (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Emergenza Covid in Irpinia – 124 persone positive in provincia, 21 casi a Montella

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 1.108  tamponi effettuati sono risultate positive al COVID  124 persone: (altro…)

Continua a leggere

Più letti