Mettiti in comunicazione con noi

Politica

Comune – Resoconto di Guido Riccio sull’ultimo Consiglio Comunale.

redazione

Pubblicato

-

Guido Riccio, consigliere di minoranza del Psi, ha voluto fare un resoconto dalla sua pagina di facebook, sull’ultimo consiglio comunale. Ecco quanto evidenziato dal consigliere Riccio:

Cari amici vi voglio fare un resoconto dell’ultimo consiglio comunale di Ariano Irpino del 19 ottobre, parlandovi degli argomenti principali.

Il primo argomento trattato è stato il trasferimento definitivo del mercato ortofrutticolo.
E’ questo un argomento che è stato portato in discussione dopo che il sottoscritto ha presentato una interrogazione documentata con foto del grave degrado e dell’assenza di igiene e di sicurezza dall’area mercatale del Calvario.
In consiglio comunale ho messo in evidenza, esprimendo voto contrario, che soltanto dopo la mia denuncia pubblica, il comune è stato costretto a correre ai ripari.
Fino a ieri su quell’area non vi erano ancora le condizioni minime di agibilità tanto che ho fatto notare il persistere, da oltre due mesi di gravi omissioni che hanno consentito lo svolgimento del mercato.
Infatti la conferenza dei servizi(Vigili del Fuoco, Asl, Comune, Vigili Urbani, etc) in data 21 luglio aveva consentito l’apertura provvisoria di un area mercatale dettando le condizioni minime di igiene e di sicurezza che il Comune avrebbe dovuto realizzare entro trenta giorni ovvero entro il 21 agosto.
Quest’ultimo termine ancora oggi non è rispettato appieno, tanto che la mia interrogazione cristallizza lo stato dei luoghi alla data del 14 settembre con prove fotografiche che dimostrano che a quella data nulla era stato fatto.
A conferma di quanto sopra vi è la Determina Dirigenziale n 569 del 18/09/15(quindi dopo la data della mia interrogazione) con la quale si dà incarico ad un impresa di realizzare i lavori necessari.
La mia opposizione è servita quindi da pungolo per smuovere una situazione ferma.

Si è parlato poi dell’impianto di depurazione in contrada Cerreto per il quale ho espresso voto favorevole a riprova che l’opposizione è pronta a sostenere problematiche di carattere collettivo e che non hanno il sapore del clientelismo.

Altro argomento importante trattato è stato il RICONOSCIMENTO dei debiti fuori bilancio.
Tale punto all’ Odg chiedeva l’approvazione di debiti fuori bilancio relativi al pagamento di oneri e spese legali a seguito di cause perdute dal Comune di Ariano; l’importo di tali debiti è complessivamente di euro 60mila.
Il mio intervento ha rimarcato come spesso il Comune si avventura in cause giudiziarie cosiddette Temerarie e puntualmente ne esce sconfitto con grave danno economico per le casse comunali e quindi per le tasche dei cittadini che vedono sempre di più aumentare le tasse (vedi aumento Tari del 20%).
Ho chiesto un approfondimento della problematica perchè vengano fuori le responsabilità personali di chi è preposto a determinati compiti non sottacendo che il Comune si avvale di vertici dirigenziali, a ciò pagati, che dovrebbero assistere l’Amministrazione e il Consiglio Comunale giuridicamente e amministrativamente.
Ho lanciato un grido di allarme sulla situazione degli espropri pregressi e non portati a compimento , che potranno in un futuro prossimo compromettere la stabilità economica del Comune e quindi un invito a fare una verifica delle pratiche inevase per prevenire tali situazioni.
All’esito di questa discussione, constatato che la maggioranza non era presente nella sua interezza, ho invitato i colleghi di opposizione ad abbandonare l’aula e quindi non prendere parte alla votazione”.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Documento Hirpinia – L’Area Vasta segue la linea del Sindaco Franza

redazione

Pubblicato

-

L’Assemblea dei Comuni  in data 16/04/2021 ha approvatoall’unanimità il Documento Hirpinia avanzato dal Sindaco Franza, che sintetizza il percorso di lavoro e i contenuti generali che i Comuni interessati dalla realizzazione del lotto Apice-Orsara della linea ad Alta Velocità di Rete (AVR) Napoli-Bari, intendono intraprendere congiuntamente. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

La Carfagna gioca con i numeri trecento sindaci Meridionali scenderanno in piazza il 25aprile a Napoli per rivendicare il 68% del Recovery Fund

Antonio Bianco

Pubblicato

-

Il governo Draghi senza sosta snocciola le percentuali del Recovery Fund da assegnare al Sud. La memoria è corta, dimenticano che l’Europa ha attribuito al Meridione, quale area sottosviluppata, almeno il 68% dei 209 miliardi destinati all’Italia. In questa amnesia generalizzata è caduta per sino la ministra per il Sud e la coesione sociale Mara Carfagna, di origine salernitana, la quale durante l’intervento nel question time al senato, con tono trionfante annunciava che il Meridione avrà in dote non il 34% ma il 40% dei fondi del Recovery Fund. La Carfagna snocciola solo numeri senza che vi siano nuovi progetti da mettere in campo per il Sud e, si ripete, dimentica che l’UE ha assegnato al Meridione il 68% del Recovery Fund. Fra le infrastrutture da finanziare, con il 40% dei fondi del Recovery Fund, include opere già in parte iniziate e pure finanziate come la tratta ferroviaria ad alta capacità tra Napoli e Bari. Mentre l’alta velocità da Salerno a Reggio Calabria e sino a Palermo è solo un sogno, in egual misura è la realizzazione del ponte sullo stretto di Messina, il quale consentirebbe il completamento del corridoio dell’alta velocità da Palermo sino a Berlino. Indubbi sarebbero i vantaggi che si arrecherebbero all’occupazione ed all’aumento del PIL dell’area meridionale che vedrebbe intensificare il traffico dei containers dei porti di Augusta e di Gioia Tauro provenienti dall’Asia, facendo concorrenza al porto di Tangeri in Marocco, oggi un hub in continua espansione nella movimentazione dei containers. Inoltre il significativo aumento del traffico passeggeri migliorerebbe la mobilità, ridurrebbe l’inquinamento prodotto dalle automobili ed i tempi di percorrenza sino a 3 ore tra Reggio Calabria e Roma. Non possiamo stare zitti, il Meridione è parte integrante del Paese, se il governo e la Carfagna continuano a dare i numeri al lotto si rischia la balcanizzazione del Paese.

Continua a leggere

Attualità

Emergenza Covid in Irpinia – 73 persone positive in provincia, 8 casi ad Ariano

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 1.142 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID  73 persone:

(altro…)

Continua a leggere

Più letti