Mettiti in comunicazione con noi

Editoriali

Com’è stato il 2012 per Ariano Irpino.

Pubblicato

-

 

 

Il 2012 sarà ricordato negativamente dai cittadini arianesi ed irpini per un provvedimento adottato dal Governo e dal Parlamento Italiano: la soppressione dei cosiddetti tribunali minori. Dal 13 settembre del 2013 cesseranno di svolgere la loro funzione sia il Tribunale e la Procura di Ariano Irpino che il Tribunale e la Procura di Sant’Angelo dei Lombardi . Ariano viene accorpato a Benevento e Sant’Angelo ad Avellino. Da anni il dibattito sulla Giustizia in Italia è incentrato sull’arretratezza o inadeguatezza di molte norme relative al processo penale e civile, sulla carenza delle strutture giudiziarie, sulla mancanza di magistrati e sui ritardi nell’informatizzazione dei servizi. Dei tanti settori da rivisitare l’attenzione del legislatore si è soffermato, tuttavia, su quello meno importante ed urgente: la geografia giudiziaria. Solo qui si è intervenuti. Non perché non si riconosca la necessità di mettere mano al numero degli uffici del giudice di pace o delle sedi distaccate dei tribunali o degli stessi tribunali minori. Ma se c’era davvero da modificare gli ambiti entro cui devono operare Procure e Tribunali, non certo è stato fatto il lavoro migliore. In effetti è successo che sono state eliminate in un sol colpo oltre 600 uffici di giudici di pace, 220 sedi distaccate di tribunali e solo 31 tribunali minori. Non si è tenuto conto del criterio della giustizia di prossimità, dei costi che saranno sopportati, dell’inadeguatezza delle sedi che andranno ad assorbire fascicoli e personale, nè delle esigenze dei cittadini che risiedono in territori montani e disagiati, nè, ovviamente, delle tradizioni culturali e sociali dei territori che sono da sempre sedi di tribunali. Insomma , come ha sostenuto più volte l’Organismo Unitario dell’Avvocatura, è stato adottato un provvedimento inutile, incostituzionale e dannoso per il cittadino. Non servirà a nulla recuperare pochi magistrati e accorpare solo 31 tribunali. I problemi del funzionamento della Giustizia sono ben altri. Anche per queste ragioni l’Organismo Unitario dell’Avvocatura , di intesa con le amministrazioni comunali e gli ordini forensi , ha deciso di impugnare il provvedimento governativo sia davanti al Tar che alla Corte Costituzionale. Un parere dell’ex vice-presidente del Csm Verde sulla incostituzionalità del decreto adottato lascia ben sperare. La vicenda, tuttavia, è amara per Ariano Irpino e Sant’Angelo, anche per il comportamento adottato dalla classe politica irpina presente in Parlamento. I nostri rappresentanti hanno prima votato la legge delega che affidava al Governo il compito di ridisegnare la geografia giudiziaria e poi si sono del tutto disinteressati quando bisognava far cambiare parere al Governo in sede di commissioni Giustizia di Camera e Senato. Insomma, non hanno fatto nulla per il territorio. E prossimamente verranno a chiedere il voto. E’ evidente che Ariano( sperando che il nuovo Governo ci ripensi) perderà molto del suo ruolo con la soppressione del Tribunale. Da sempre il Tricolle è stato punto di riferimento per il territorio. Adesso si corre il rischio di una vera marginalizzazione. I segnali sono evidenti: negli ultimi anni è stata accorpata l’Asl Av 1 a quella di Avellino, è stata ridimensionata l’Agenzia per le Entrate, si parla di riduzione di reparti all’ospedale e di ridimensionamento anche di Inps e Genio Civile. Un vero disastro per una città che, essendo priva di una economia dinamica, puntava molto sui servizi e sul terziario. Come si intende combattere questo declino ? Non siamo in possesso della sfera di cristallo, ma certamente si capisce da sé che alla ribalta deve salire una nuova classe dirigente. Possibilmente sgombra da dogmatismi e ideologismi. Una classe dirigente che deve pensare solo al bene comune. Una parola abusata e inusuale ? No. Una necessità impellente !

Clicca per commentare

Attualità

Lettera del Commissario Nuzzolo per la Festa della Repubblica.

Pubblicato

-

By

Cari cittadini di Ariano,
oggi si celebra la “festa del 2 giugno” per ricordare il 68° anniversario della nascita della Repubblica italiana, allorché nel non lontano 1946 gli italiani scelsero, attraverso l’istituto del referendum a suffragio universale, la strada della Repubblica . (altro…)

Continua a leggere

Cronaca

Aggrediscono 4 agenti e tentano di dare fuoco alla cella.

Pubblicato

-

Un gruppo di detenuti nel carcere di massima sicurezza di Ariano Irpino, ubicati nella 1° sezione sottoposti a circuito penitenziario riservato ai dimittenti in “sorveglianza dinamica” con brevi fine pena,ha attuato una eclatante azionedi protesta: (altro…)

Continua a leggere

Così non va

Bidoni per la raccolta differenziata porta a porta sparsi in città.

Pubblicato

-

Da qualche settimana è partita la raccolta differenziata porta a porta e quello che si sta verificando per alcune strade del centro storico e non solo, è davvero poco edificante. (altro…)

Continua a leggere

Più letti