Mettiti in comunicazione con noi

Politica

Carmela Roberto (UDC): “Non può un opuscolo far cambiare idea ai cittadini”.

redazione

Pubblicato

-

Da Carmela Roberto UDC riceviamo e pubblichiamo:

«Dopo 15 mesi di attività amministrativa, la giunta Gambacorta ha pensato bene di tenere una conferenza stampa per la presentazione di un opuscolo dal titolo ”Un anno di Pubblica Amministrazione”, al fine di aggiornare la cittadinanza su ciò che in questo anno è stato fatto dai lavori pubblici fino alla scuola, passando per decoro urbano fino alle politiche fiscali e così via. In premessa andrebbe sottolineato come da che mondo è mondo non debbano essere coloro che operano a livello amministrativo a decantare il lavoro svolto, le opere realizzate nell’interesse e per il bene degli altri, ma dovrebbero essere i cittadini ad esprimere un giudizio obiettivo sul valore che danno a ciò che è stato realizzato. Se questo non accade, come nel caso di Ariano, vuol dire che nulla di veramente rilevante è stato messo in atto. Elogiarsi pubblicamente o realizzare un opuscolo, tra l’altro stampato a spese dei contribuenti, di certo non cambierà lo stato delle cose, tantomeno le opinioni». Lo dichiara Carmela Roberto, dirigente provinciale dell’Udc di Avellino. «Piuttosto che occuparsi di propaganda spicciola – continua Carmela Roberto – sarebbe molto più importante se il sindaco prendesse coscienza dello stato morale in cui versa la “sua”cittadinanza, alla quale non basterà di certo un opuscolo per cambiare giudizio nei confronti della sua amministrazione».

«Ma – scrive ancora la dirigente dello scudocrociato – veniamo ai contenuti dell’opuscolo in questione. Innanzitutto si dimentica di dire che parte delle attività riportate non rientrano trai meriti di questa amministrazione. Si dimentica di dire che la promessa di riavvicinare i cittadini alla politica locale così come quella di dare ai giovani la possibilità di vivere questa città sono svanite nel nulla. Si dimentica forse che i cittadini da tempo ormai attendono risposte in merito alla situazione traffico di Cardito, ai disservizi idrici e al rincaro delle tasse (regali dell’ultima stagione estiva). Sono argomenti questi, che non rientrano nell’opuscolo, sui quali anche noi come Unione di Centro abbiamo richiamato l’attenzione del sindaco più volte,ma senza ottenere nulla in termini di ascolto e di confronto». Tra le questioni che Carmela Roberto intende sottolineare c’è di sicuro quella relativa al servizio idrico: «Sono mesi – si legge ancora nella nota – che si combatte contro la giornaliera interruzione del servizio idrico. Abbiamo dovuto attendere l’ultimo consiglio comunale, che si è celebrato solo nei giorni scorsi, per la creazione di un tavolo congiunto composto da tecnici del Comune e tecnici dell’Alto Calore Servizi, al fine di programmare interventi prioritari da effettuare. Ma in tutti questi mesi l’amministrazione dov’era? Perché nessuno ha ritenuto opportuno spiegare ai cittadini ciò che stava accadendo? Forse il Primo Cittadino era impegnato nel portare avanti la sua attività di presidente della Provincia, attività che a parere della comunità sottrae tempo ed energie al Comune di Ariano Irpino».

«In ultimo – conclude Carmela Roberto – a Gambacorta, il quale, in un’intervista rilasciata ai media locali in merito alla pubblicazione dell’opuscolo, ha dichiarato come tutti, insieme all’amministrazione comunale, debbano correre e fare la propria parte, vorrei ricordare che i cittadini sono costretti già a correre abbastanza per stare dietro ai propri problemi, alle proprie difficoltà aggravate anche da decisioni assunte dall’amministrazione – leggasi aumento delle tasse. Il sindaco forse dimentica che il compito di correre per dare un volto nuovo ad Ariano, una nuova speranza alla nostra Città, è stato affidato a lui e alla sua amministrazione, attraverso il voto».

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Petitto incontra il Governatore De Luca:”L’Irpinia al centro dei nostri discorsi”

redazione

Pubblicato

-

L’Irpinia al centro del mio incontro con il (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Documento Hirpinia – L’Area Vasta segue la linea del Sindaco Franza

redazione

Pubblicato

-

L’Assemblea dei Comuni  in data 16/04/2021 ha approvatoall’unanimità il Documento Hirpinia avanzato dal Sindaco Franza, che sintetizza il percorso di lavoro e i contenuti generali che i Comuni interessati dalla realizzazione del lotto Apice-Orsara della linea ad Alta Velocità di Rete (AVR) Napoli-Bari, intendono intraprendere congiuntamente. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

La Carfagna gioca con i numeri trecento sindaci Meridionali scenderanno in piazza il 25aprile a Napoli per rivendicare il 68% del Recovery Fund

Antonio Bianco

Pubblicato

-

Il governo Draghi senza sosta snocciola le percentuali del Recovery Fund da assegnare al Sud. La memoria è corta, dimenticano che l’Europa ha attribuito al Meridione, quale area sottosviluppata, almeno il 68% dei 209 miliardi destinati all’Italia. In questa amnesia generalizzata è caduta per sino la ministra per il Sud e la coesione sociale Mara Carfagna, di origine salernitana, la quale durante l’intervento nel question time al senato, con tono trionfante annunciava che il Meridione avrà in dote non il 34% ma il 40% dei fondi del Recovery Fund. La Carfagna snocciola solo numeri senza che vi siano nuovi progetti da mettere in campo per il Sud e, si ripete, dimentica che l’UE ha assegnato al Meridione il 68% del Recovery Fund. Fra le infrastrutture da finanziare, con il 40% dei fondi del Recovery Fund, include opere già in parte iniziate e pure finanziate come la tratta ferroviaria ad alta capacità tra Napoli e Bari. Mentre l’alta velocità da Salerno a Reggio Calabria e sino a Palermo è solo un sogno, in egual misura è la realizzazione del ponte sullo stretto di Messina, il quale consentirebbe il completamento del corridoio dell’alta velocità da Palermo sino a Berlino. Indubbi sarebbero i vantaggi che si arrecherebbero all’occupazione ed all’aumento del PIL dell’area meridionale che vedrebbe intensificare il traffico dei containers dei porti di Augusta e di Gioia Tauro provenienti dall’Asia, facendo concorrenza al porto di Tangeri in Marocco, oggi un hub in continua espansione nella movimentazione dei containers. Inoltre il significativo aumento del traffico passeggeri migliorerebbe la mobilità, ridurrebbe l’inquinamento prodotto dalle automobili ed i tempi di percorrenza sino a 3 ore tra Reggio Calabria e Roma. Non possiamo stare zitti, il Meridione è parte integrante del Paese, se il governo e la Carfagna continuano a dare i numeri al lotto si rischia la balcanizzazione del Paese.

Continua a leggere

Più letti