Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Bonomi e Salvini: il Sud è terra di fannulloni

Antonio Bianco

Pubblicato

-

Il lamento degli imprenditori è unanime: mancano i lavoratori stagionali poiché il reddito di cittadinanza ha trasformato i giovani in bamboccioni stravaccati sui divani a guardare la TV.

Concetti ripetuti dal capo della Confindustria Carlo Bonomi e da Matteo Salvini, i quali guardano la punta del dito ed immaginano di vedere la luna. La realtà è ben più profonda e variegata, i lavoratori stagionali ricevano paghe da fame, non godono di alcun diritto, incluse le ferie, non usufruiscono del giorno di riposo, né maggiorazioni del salario per il lavoro svolto nei giorni festivi. Il capo della Confindustria Bonomi e Salvini vogliono degli schiavi pronti a dire: si padrone? Le briciole cadute dal tavolo non assicurano la crescita del Paese e calpestano la dignità del lavoratore. Il reddito di cittadinanza ha impedito che circa 1,5 milioni di persone cadessero nel girone infernale dalla completa indigenza. Ha svolto una rilevante funzione sociale anche se non ha inciso sulla nascita di posti di lavoro, finalità per la quale il legislatore aveva varato il provvedimento. Se vi fosse stata una reale mobilità dei lavoratori, il reddito di cittadinanza avrebbe rappresentato una breve parentesi durante la quale il disoccupato avrebbe dovuto seguire un percorso di formazione e, dopo un breve stop and go, sarebbe stato ricollocato in un altro settore produttivo. In realtà il reddito di cittadinanza ha fornito solo un po’ di ossigeno vitale ai disoccupati senza che fossero costretti ad accettare lavori privi di tutela giuridica e con un salario inferiore all’importo del reddito di cittadinanza. Al capo della Confindustria Carlo Bonomi ed ai suoi sodali deve essere chiaro che i lavoratori vogliono un posto di lavoro dignitoso senza essere sfruttati. Se ai lavoratori  stagionali fossero offerte le tutele di uno Stato civile con una paga adeguata, ben pochi, mi auguro nessuno, presenterebbe la domanda per il reddito di cittadinanza.  Occorre dare alle persone un futuro che non sia di solo di emarginazione, dove l’emigrazione è una scelta volontaria non l’unica opzione per non subire l’onta della sudditanza. Nel Meridione sono presenti potenzialità inespresse di 3 milioni di inoccupati che, se immessi nel mercato, consentirebbero di far decollare il PIL non solo di questa macro area ma dell’intero Paese. Il PNRR mette in campo le risorse finanziarie per la rinascita di questo territorio privo di treni ad alta velocità, di asili nido, di trasporto pubblico locale, di acquedotti che non siano un cola brodo.  Vi sarebbe un incremento dei posti di lavoro, aumenterebbero i consumi con indubbi benefici per tutto il Paese sia in termini macro economici che sociali e lasceremmo dietro le spalle la politica di assistenza varata con il reddito di cittadinanza.

Bonomi e Salvini, il Sud non è terra di fannulloni.

Attualità

Covid in Irpinia-7 positivi oggi in provincia

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 729 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID  7 persone: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Covid in Irpinia-6 casi oggi in provincia

redazione

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 484 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 6 persone: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Ciampi(M5S) :Alto Calore, la Regione dia seguito agli impegni presi. La maggioranza firmi la mia mozione

redazione

Pubblicato

-

Ho depositato una mozione al presidente del (altro…)

Continua a leggere

Più letti