Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Amministrative ad Ariano – Franza non può rappresentare il centrosinistra: ecco perché

Aleandro Longhi

Pubblicato

-

Enrico Franza ha deciso di candidarsi a sindaco di Ariano Irpino per il centrosinistra. In politica è buona norma non autocandidarsi, ma è perlomeno strano che Franza si voglia candidare per il centrosinistra. Molti del centrosinistra si sentono traditi proprio da Franza, che lo scorso anno è stato candidato, su proposta del PSI, anche da: Partito Democratico, Sinistra Italiana e Mdp – Art.1. Abbiamo, a quel tempo, sostenuto la candidatura del Franza e fatto un’impegnativa campagna elettorale, ma oggi in molti siamo pentiti, per una serie di motivi.

1) Abbiamo scoperto che Franza, prima di essere socialista, era stato un dirigente di Forza Italia. Lo abbiamo saputo solo dal sindaco uscente di Forza Italia, Domenico Gambacorta.

2) Non solo il Franza non ha avuto il coraggio di sfidare Gambacorta in un pubblico dibattito, ma ha rifiutato la richiesta che il Gambacorta aveva fatto a lui. E ce lo ha anche tenuto nascosto!

3) È arrivato al ballottaggio grazie ai candidati e agli attivisti del centrosinistra e non per un suo effetto trainante: prova ne sia che i socialisti, che si sono presentati come lista civica che nel simbolo portava il nome di Franza, non hanno eletto nessun consigliere.

4) Le sei liste del centrodestra hanno ottenuto il 62% dei voti, ma Gambacorta è arrivato soltanto al 48%: il 14% degli elettori del centrodestra ha optato per un voto disgiunto, votando per gli altri candidati a sindaco. Gli elettori di destra non hanno votato per Franza, ma contro Gambacorta, sia al primo turno che al ballottaggio.

5) Franza ha deciso da solo, con alcuni suoi sodali, di fare un’alleanza organica con la Lega sovranista di quel tal Antonio Loffredo, segretario di Ariano. Ovviamente, il centrosinistra non ha mai suggerito e tantomeno avallato quell’infausta scelta, non solo da aborrire a livello nazionale, ma ancora più aberrante se fatta al Sud: la Lega di Salvini è quella che affermava, tra l’altro, che i meridionali puzzano e nella quale si sono imbarcati molti dei saltimbanchi della peggior politica meridionale.

6) Franza ha snobbato il centrosinistra formando una giunta da lui definita “tecnica”, ma che tale non era. In una giunta tecnica, il sindaco dev’essere un tecnico e Franza, è tutt’altro. Tra gli assessori non si sono intravisti “tecnici” di chiara fama, ma soltanto assessori indicati dal PSI, non ancor sazio per aver eletto un sindaco, o indicati dalla Lega e comunque, non indicati dal centrosinistra.

7) La caratteristica peculiare degli assessori, è stata quella di non essere stati candidati nelle liste del centrosinistra.

8) Nell’unico confronto di alcune decine di minuti tra il centrosinistra e l’eletto sindaco Franza, gli avevamo fatto notare che lui aveva due opzioni, non avendo una maggioranza in Consiglio comunale: fare una giunta politica di centrosinistra fedele al suo programma e cadere in piedi, oppure fare la cosiddetta “giunta tecnica”, come gli aveva imposto la Lega, e cadere sdraiato.

9) Franza è uscito di scena come previsto, mentre era “bocconi” e ormai, nelle prossime elezioni, non può più rappresentare quel centrosinistra che ha ampiamente snobbato.

10) È buona norma che un candidato sia trasparente, che si sappia tutto di lui e che si confronti con i partiti che l’hanno candidato. Franza, all’opposto, ha formato una giunta con la destra: come può pretendere di rappresentare il centrosinistra? Purtroppo per lui, la Lega è tornata all’ovile e si è alleata coi partiti di destra.

11) Franza e la sua Giunta hanno amministrato per quasi 8 mesi e non risulta che abbiano fatto atti esemplari per il risanamento amministrativo: non hanno verificato se nelle case popolari ci siano assegnatari proprietari di altre case; se alcuni immobili di pregio del Comune siano stati dati in comodato d’uso gratuito a qualche notabile arianese; come non hanno mandato gli atti delle opere pubbliche incompiute o non collaudate, alcune con finanziamenti europei, né alla Regione né alla Corte dei Conti.

Attualità

Emergenza Covid19 – Continuano a salire i contagi in Irpinia, oggi 16 i nuovi casi, ecco dove.

redazione

Pubblicato

-

Continuano a salire i contagiati da Covid-19 in provincia di Avellino. Oggi sono risultati positivi al coronoavirus i tamponi effettuati su 16 persone, questi i comuni interessati

1 residente a Baiano, già sottoposto a test sierologico;

4 a Cervinara, di cui un rientro dall’estero e un contatto;

1 a Chiusano San Domenico, rientro dall’estero;

3 a Conza della Campania, di cui due contatti di positivo;

1 a Frigento; 1 a Grottaminarda, contatto di caso;

1 Mirabella Eclano, contatto di caso;

3 a San Martino Valle Caudina, di cui due contatti di caso;

1 a Trevico.

Continua a leggere

Attualità

Elezioni Ariano – Ariano Che Produce fuori dal Patto Civico

redazione

Pubblicato

-

Dalla lista civica “Ariano Che Produce”, riceviamo e pubblichiamo: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Premio GUIDO DORSO” – Targa del Presidente della Repubblica Mattarella al Centro di ricerca Biogem di Ariano Irpino

redazione

Pubblicato

-

L’iniziativa – patrocinata dal Senato, dal Cnr e dall’Università di Napoli “Federico II” – è giunta
alla 41° edizione. A Palazzo Giustiniani i riconoscimenti ai nuovi “Ambasciatori del Mezzogiorno”
PREMI: AL SENATO LA CONSEGNA DEL “GUIDO DORSO”

Saranno consegnati lunedì 12 ottobre, alle ore 16, presso la sala Zuccari di palazzo Giustiniani, i
premi “Guido Dorso”, promossi dall’omonima associazione presieduta da Nicola Squitieri.
L’iniziativa – patrocinata dal Senato della Repubblica, dal Consiglio Nazionale delle Ricerche e
dall’Università degli studi di Napoli “Federico II” – segnala dal 1970 contestualmente giovani
studiosi del nostro Mezzogiorno e personalità del mondo istituzionale, economico, scientifico e
culturale che “hanno contribuito con la loro attività a sostenere le esigenze di sviluppo e di
progresso del Sud”. I riconoscimenti intendono dare sempre più visibilità all’altra faccia del Sud.
Quella efficiente, che fa profitti, che promuove iniziative vincenti. che vuole indicare quei percorsi
operosi nel mondo dell’imprenditoria, della ricerca, dell’innovazione, non un Sud delle
lamentazioni ma protagonista del suo sviluppo. Destinatari quest’anno per le varie sezioni della 41°
edizione sono: Filippo Patroni Griffi, presidente del Consiglio di Stato (istituzioni); Gaetano
Manfredi, ministro dell’Università e della Ricerca (università); Roberto Defez, direttore laboratorio
di biotecnologie microbiche dell’istituto di bioscienze e biorisorse del Cnr di Napoli (ricerca): Paolo
Scudieri, presidente Adler Pelzer Group (imprenditoria); Federico Pirro, Università di Bari
(economia); Giovanni Grasso, consigliere per la stampa e la comunicazione del Presidente della
Repubblica (giornalismo). La sezione ordinaria è stata assegnata alla dott.ssa Eva Panetti
(Università Parthenope) per il progetto di ricerca “Imprenditorialità e innovazione in Campania”.
La targa di rappresentanza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, destinata ad
una istituzione che opera per il progresso economico, sociale e culturale del Mezzogiorno, è
stata quest’anno conferita al Centro di ricerca Biogem di Ariano Irpino, presieduto da
Ortensio Zecchino.
Nel manifestare la propria soddisfazione per l’ambito riconoscimento del Capo dello Stato, il prof.
Zecchino ha tra l’altro dichiarato che: “E’ motivo di grande orgoglio per la Comunità scientifica di
Biogem ricevere, nell’ambito del Premio Dorso, la Targa del Presidente della Repubblica,
ricordando l’onore che il Presidente Mattarella ci ha fatto visitando il nostro Istituto nel settembre
del 2018. Un riconoscente pensiero va alla Associazione Guido Dorso e al suo Presidente per
l’azione di stimolazione culturale che da anni meritoriamente svolge per la crescita del
Mezzogiorno.”
La commissione giudicatrice è composta da: Giuseppe Provenzano, ministro per il Sud e la
coesione territoriale; Andrea Amatucci, presidente del comitato scientifico dell’associazione Dorso;
Massimo Inguscio, presidente del Cnr; Arturo De Vivo, rettore dell’università di Napoli “Federico
II”, Nicola Squitieri, presidente dell’associazione Dorso, e Francesco Saverio Coppola, segretario
della commissione.
Nell’albo d’onore dei vincitori del “Guido Dorso” figurano alcuni tra i più autorevoli esponenti del
mondo delle istituzioni, della ricerca, dell’economia e della cultura: da Giovanni Leone a Giorgio
Napolitano; da Renato Dulbecco a Franco Modigliani; da Antonio Marzano a Pietro Grasso; da
Pasquale Saraceno a Francesco Paolo Casavola; da Antonio D’Amato a Dominick Salvatore. Il
premio Dorso consiste in un’artistica opera in bronzo creata, in esclusiva, dallo scultore Giuseppe
Pirozzi. L’evento – che si svolgerà in sicurezza e nel rispetto delle norme anti covid – sarà trasmesso in diretta sul sito web del Senato e dell’Associazione Dorso. (altro…)

Continua a leggere

Più letti