Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

6 maggio: Parigi ricorda l’inaugurazione della sua Torre in “pizzo d’acciaio”

Rosa D'Apice

Pubblicato

-

Il 6 Maggio del 1889, lo stesso giorno in cui ricorreva il centenario della Rivoluzione Francese, apriva al pubblico

quella che sarebbe diventata l’icona di Parigi e della Francia nel mondo: la Tour Eiffel. Si tratta di una straordinaria opera ingegneristica composta da 4 pilastri di ferro arcuati, che vanno unendosi verso l’alto. La Torre fu allestita in occasione dell’Esposizione Universale della Scienza e della Tecnica, da Gustave Eiffel, ingegnere specializzato nella costruzione di ponti metallici, che già aveva lavorato alla struttura interna della Statua della Libertà. Era stata concepita come una struttura in ferro, che per 30 anni è stata la più alta del mondo con i suoi 312 metri, superata nel 1930 dal Chrysler Building a Manhattan, a sua volta battuto un anno dopo, dall’Empire State Building. Alla sua costruzione lavorarono 300 operai per poco più di 2 anni e furono impiegati 18.038 pezzi di ferro e 2,5 milioni di bulloni. Inizialmente la funzione della Torre, che fu scelta tra altri 100 progetti, era di pura rappresentanza, infatti si prevedeva il suo smantellamento alla chiusura dell’Esposizione, dal momento che piaceva poco all’èlite intellettuale parigina. A salvarla, è stata l’utilità scientifica e logistica delle antenne poste sulla sua sommità capaci di favorire le trasmissioni di telecomunicazioni. Altri fattori che ne hanno impedito lo smantellamento, sono stati: le numerose visite turistiche, ovvero 300 milioni di persone dalla sua inaugurazione, e lo stupefacente panorama di Parigi che si può godere dalle tre piattaforme che la caratterizzano. Dei turisti che si sono recati a Parigi, molti possono vantarsi di essere saliti sulla Torre Eiffel, ma non tutti. Tra questi ultimi si può annoverare il dittatore nazista Adolf Hitler, che in piena Seconda guerra mondiale, avrebbe voluto salire sulla sua sommità: non fu possibile realizzare il suo desiderio, perché gli ascensori trasparenti erano “guasti da tempo” e il Fuhrer dovette declinare l’invito di salire 1.665 scalini. “Stranamente”, gli stessi ascensori ripresero a funzionare perfettamente subito dopo la sua partenza!

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Vincere la paura del virus e ritrovare il benessere si può: servono coraggio e azione!

Maurizio Pompeo

Pubblicato

-

Obiettivo di un essere umano dovrebbe essere la realizzazione di una felicità definitiva, inseribile nella via verticale della conoscenza. Ciò che dovremmo tenere distante è invece la depressione, seppur temporanea, inserita nella via orizzontale, quella dell’aspettativa. (altro…)

Continua a leggere

Attualità

I Socialisti arianesi al fianco del Commissario per il rilancio di Ariano

redazione

Pubblicato

-

A margine della manifestazione che ha visto la consegna simbolica delle chiavi delle proprie attività da parte dei commercianti di Ariano, i rappresentanti del Partito Socialista arianese hanno incontrato il Commissario Prefettizio nella sala del consiglio comunale  per illustrare le attività intraprese dal partito a difesa dei servizi ospitati nella nostra città  e quelle da intraprendere nei prossimi mesi. Di seguito il comunicato del PSI arianese: (altro…)

Continua a leggere

Attualità

Mentre i vaccini danno i primi risultati, riflessioni, dubbi e domande ci invadono

Federico Barbieri

Pubblicato

-

Sulla rivista Lancet, venerdì 22 maggio, sono stati pubblicati i dati relativi a un potenziale vaccino contro il Sars-Cov-2 (causa della malattia denominata Covid-19). Lo studio è stato effettuato, e continua tuttora, in Cina, da un’azienda biofarmaceutica, la CanSino Biologics. (altro…)

Continua a leggere

Più letti