Mettiti in comunicazione con noi

Cultura Eventi e Spettacolo

S.O.S. SALVIAMO IL CONVENTO DEI PADRI CAPPPUCCINI DI ARIANO IRPINO.

Pubblicato

-

Dal prof. Giovanni Orsogna riceviamo e pubblichiamo:

LETTERA APERTA ALLE ISTITUZIONI E ALLA CITTA’ DI ARIANO

Cari Arianesi vicini e lontani,
un altro pezzo di storia di Ariano destinato alla “damnatio memoriae”, mentre le istituzioni sono sorde e distratte.
L’ultimo convento dei Cappuccini, situato sopra una collinetta alle falde della collina della Madonna del Carmine di Ariano Irpino, da circa 100 anni i trova in stato di abbandono, incuria e a rischio distruzione e/o di vandalismo.
Vi è una contrada tra le più belle di Ariano: Contrada Paradiso, con vista panoramica da mozzafiato verso il Taburno e la Bella Dormiente. Un convento, l’ultimo rimasto dei 7 che vi erano nel passato: Sotto il titolo della SS.ma Trinità nella seconda metà del sec. XVI, per voto della città del Tricolle, il sindaco del tempo Boezio Tasso, della famiglia di Torquato Tasso, venuto al seguito della Famiglia ducale Gonzaga, a spese del Municpio comprò il terreno e volle far contribuire alla fondazione della Chiesa e convento, affidandolo ai PP. Cappuccini.
Questa famiglia monastica,è stata presente fino alla soppressione dei conventi epoca napoleonica e del 1860. Sede di studentato era provvista di una bella chiesa, oggi inesistente, con opere importanti tra le quali quelle del pittore fiammingo Giovanni de Metz.  La Chiesa venne demolita nei primi decenni del novecento.
Quello che resta del convento venne acquistata dalla Famiglia del Sindaco e consigliere Provinciale Nicoletti.

Oggi il monumento conventuale è di proprietà privata. ne resta il chiostro murato in parte, il pozzo e il refettorio, adibito a stalle nel novecento.
All’interno sono ancora visibili i resti di due affreschi cinquecenteschi di S. Francesco di Assisi e di S. Antonio da Padova, altri frammenti importanti quali un frate che pesa le erbe officinali con un bilancino. Il tutto è ricoperto da cale.
Lungo la strada che conduce al Santuario di S. Liberatore, il convento è costeggiato da un muro a secco di epoca cinquecentesca con all’angolo un nicchia con statua di S. Antonio di Padova. sul lato esposto ad est, è stato sbancato per implementarte un supermercato, che andrebbe a togliere la visuale della città di Ariano.

Gli affreschi già segnalati nel PUC e al Comune e Soprintendenza competente, sono in stato di conservazione gravissimo, con rischio di distacco. Alllo stato,poichè nel PUC di Ariano, in fase di approvazione definitiva non risultano più nessuna tavola e/o proposta di vincolo, sono stati considerate opere insignificanti e destinate alla distruzione qualora i proprietari decideranno un’alienazione e/o progettazione di nuove strutture moderne quali agriturismo o altro.

Così venne decretata la istruzione degli affreschi fiamminghi mittleuropei della villa Fedele ex casina di caccia e di rappresentanza della famiglia Nicoletti. Successivamente acquistatata da altri proprietari.

RIVOLGO AGLI ARIANESI, ALLE AUTORITA PREPOSTE, ALLE ASSOCIAZIONI, ALLE SCUOLE E AI SINGOLI CITTADINI L’APPELLO:

1- Salviamo e tuteliamo queste reliquie del passato, sono stati testimoni muti di devozione, di sacrifici, e casa di educazione e crescita della città.
2- Si propone il restauro conservativo dell’immobile, la messa in sicurezza del muro del convento (costruito con le pietre del castello).
3- Al Sindaco, quale Ufficiale di governo l’intervento a che si possa convincere le istituzioni e i privati proprietari nel fare una convenzione per la valorizzazione dell’immobile con un progetto ad hoc.
3- Alla Soprintendenza, che è già a conoscenza, di vigilare e/o in mancanza di effettuare il distacco degli affreschi cinquecenteschi.

Spero che gli Arianesi escano dal torpore e promuovano azioni concrete in merito e che non si lamentino che la città perde pezzi di storia e di arte.

Ringrazio Ariano in movimento e Giovanni Maraia, unica personalità che è sempre in prima fila ed attento con uno sparuto gruppo di arianesi che vogliono che la città il suo territorio venga tutelato e opportunamente difeso

E’ in preparazione un libro bianco di documentazione sui beni artistici, storici, immobili e naturalistici, da parte dello scrivente.

Invito a sostenerci con una petizione popolare”

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Inaugurazione della mostra di pittura di Rossana Scaperrotta

Pubblicato

-

Sarà inaugurata oggi sabato 28 maggio, alle ore 17:30, la mostra di pittura di Rossana Scaperrotta “TUnNEL”. 

Nelle sale dell’Acquedotto Romano della Rocca dei Rettori di Benevento l’artista ricostruisce, attraverso l’esposizione di 22 originali dipinti, il suo percorso artistico e la costante evoluzione in cui spazio ed impegno civile si fondono e si compongono, dando forma e figura ad una visione dell’arte dove a prevalere sono i “sentimenti”. Quelli semplici, puri.
Conosciamo l’ artista attraverso un breve profilo.

Rossana Scaperrotta nasce ad Ariano Irpino, provincia di Avellino, il 28 gennaio 1955. Fin dai primi anni si evidenzia la sua predisposizione alla creatività. La sua attività professionale (Caposala presso il Frangipane) non la distoglie da una ricerca interiore che la porta a frequentare i laboratori artistici della prof.ssa Rosalba Albanese e del maestro Lello Albanese, dai quali apprende alcune tecniche pittoriche e dell’arte ceramica. Dal 1997 fa parte dell’associazione culturale “Vicoli ed Arte” fondata dall’arch. Carmine Iuorio e tesa alla valorizzazione dei vicoli e delle arti del suo paese, Ariano Irpino, noto anche per la tradizione ceramista.

Si appassiona alla composizione di opere originali utilizzando pietre marine raccolte soprattutto dalla bellissima costa cilentana. Nel 2019, libera ormai da impegni professionali, si dedica alla sua passione e si iscrive all’Atelier del maestro Mario Ferrante a Benevento. Grazie al sostegno e all’aiuto del maestro Ferrante, acquisisce e perfeziona molte tecniche pittoriche. I temi delle sue opere spaziano dai paesaggi agli eventi di grande attualità.

Opere esposte

“L’ora di andare…” 42/32 (titolo disegno locandina)

“Il suono del silenzio” 40/60

“Spazio sacro” 29/40collezione privata

“Riparo” 30/42 collezione privata

“A un passo da te” 21/29.30

“Clair de luna “34/51

“Tu chi sei?” 29/21

“Il nido” 20/26

“Quello che c’è…” 33/24

“I giorni della merla” 40/50

“Controverse sensazioni” 23/31

“Inchiostro vivo” 32/44

“Mottua” 32/44

“Consuetudini infrante” 40/60

“L’ombrello” 25/36

“Concerto” 30/40

“Cercarsi” 30/42

“Toccando il tuo silenzio” 30/42

“Maternità” 30/42

“Dolorosa quiete” 42/32

“Disarmante crudeltà” 20/40

“Nuove coltivazioni” 30/42

“Il bambù di notte” 30/20

Continua a leggere

Attualità

Progetto APP-ART:Il Rotary Community Corps Avellino Est promuove le opere custodite nelle chiese della Diocesi di Ariano- Lacedonia

Pubblicato

-


Il Rotary Community Corps Avellino Est è lieto di condividere la II tappa del progetto APP-Art, finalizzato alla valorizzazione del patrimonio artistico-culturale delle più belle opere custodite nelle chiese della Diocesi di Ariano I. – Lacedonia.
Con la collaborazione di appassionati di storia locale sono state realizzate targhette descrittive con QR-code, contenenti minuziosi dettagli, foto, video, audio e descrizioni, tradotti anche in lingua inglese, per ciascuna opera identificata.
Dopo la prima consegna delle 32 targhe presso la Chiesa di S. Maria Maggiore di Grottaminarda, l’RCC è pronto a condividere informazioni sui piccoli tesori custoditi presso il Santuario di Maria SS. di Carpignano.

Il progetto di descrizione e digitalizzazione delle opere d’arte sarà dedicato, per ciascuna chiesa, a cittadini illustri che si sono distinti in campo artistico, letterario e professionale, dando lustro alla nostra Irpinia.

I Tappa App-Art ricorda:
Prof. Antonio Palomba.

II tappa App-Art ricorda:
Maestro Salvatore Fucci .

Continua a leggere

Attualità

Assessore regionale al turismo Casucci in Irpinia per il rilancio turistico

Pubblicato

-

Tour in Irpinia dell’Assessore regionale al turismo e alla semplificazione amministrativa, Felice Casucci, che ha toccato diverse realtà della provincia di Avellino accompagnato dal sindaco di Monfredane, Ciro Aquino.
Prima tappa a Capriglia Irpina, dove ha incontrato il sindaco Nunziante Picariello con il quale ha visitato il borgo della comunità ed il Castello su cui si avvieranno attività di promozione territoriale e turistica.
Successivamente tappa ad Atripalda, presso l’azienda vitivinicola Matroberardino, per un primo confronto sui percorsi dell’enoturismo che la Regione Campania intende organizzare con particolare riferimento all’Irpinia che vanta prestigiosi vini Docg, come Fiano di Avellino,  Greco e Taurasi. Presente il candidato sindaco di Attiva Atripalda, Paolo Spagnuolo.
Successivamente Casucci è stato a Montella, per un incontro con il sindaco, Riziero Buonopane, incentrato intorno al rilancio dei borghi delle aree interne.
Infine, l’Assessore regionale al Turismo, ha visitato il centro storico di Montemarano dove si è confrontato su enogastronomia e la ricettività del bosco. Presente il candidato sindaco di Montemarano 2027, Luigi Ricciardelli.
Appuntamenti che proseguiranno in Irpinia sabato 28 maggio con tappe a Caposele su “Appennini, un viaggio tra le esperienze e le storie” e a seguire Lapio. Si tratta di incontri per raccogliere idee necessarie per sviluppare attrattivita’ territoriale da organizzare in un processo di condivisione tra le piccole municipalità della provincia di Avellino. 

Continua a leggere
Advertisement

Più letti