Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

M5Stelle Ariano – “Una Casa delle Associazioni dove progettare un futuro giovane”.

Pubblicato

-

Si è aperto un ampio dibattito, sui social e nelle associazioni, sul forte bisogno di trasparenza nelle politiche per i giovani.


Tutto questo in seguito all’annullamento della pubblica selezione, indetta dal Comune, per l’affidamento del servizio dell’Informagiovani, e interrotta quando si era giunti a scegliere due associazioni su le 4 partecipanti, tra cui la poco gradita Associazione Ariano in movimento.
A quanto sembra quello che è accaduto è la norma, non esiste per molte associazioni la possibilità di poter avere una valutazione oggettiva dei propri progetti. Non aver la possibilità di essere valutati o esserlo in base a criteri elettorali significa attuare una forma di discriminazione nei confronti di chi non è compiacente al potere.
In questo modo si tappano le ali alle competenze di quei giovani che ancora vivono ad Ariano. In questi casi non è la crisi economica che spinge a fare la valigia per emigrare bensì l’amara constatazione che nonostante gli sforzi, l’entusiasmo e le benedette competenze frutto di anni di studio o lavoro, nonostante tutto nulla cambia né cambierà mai.
Probabile sia così ma l’impegno di un gruppo di ragazzi per elaborare una proposta progettuale di qualità per l’Informagiovani ha permesso di interrompere quel disegno, forse fatto su misura per qualche amico.
Questa esperienza dimostra che è sempre utile mettersi in gioco, fino alla fine, nonostante il clientelismo, nonostante la politica fatta per gli amici e gli amici fatti per raccogliere voti.
Nel 2015 l’Amministrazione, sempre pressata dalla poco gradita associazione, deliberò un disciplinare per l’erogazione di contributi alle associazioni di cui si è perso traccia, perdendo così l’occasione di elaborare una procedura standardizzata, oggettiva e trasparente di valutazione e finanziamento delle proposte progettuali più valide e coerenti con gli obiettivi.
Le critiche del mondo dell’associazionismo giovanile si sommano alla dilagante delusione degli arianesi che hanno visto, per l’ennesima volta, svanire le proprie speranze.
Il nostro non vuole essere un messaggio di rassegnazione ma appunto di speranza, prima di tutto nelle nostre capacità e poi in una comunità destinata per forza di cose a svegliarsi da questo brutto incubo durato troppi anni.
La mancanza di trasparenza e di dialogo con tutti i cittadini, tratti distintivi dell’attuale amministrazione, sono fenomeni umani e come tali, affermava Giovanni Falcone, sono destinati a morire e far posto ai valori della legalità e della trasparenza amministrativa.
Noi non ci arrendiamo perché siamo i primi a renderci conto dell’alto valore insito nelle attività svolte dalle associazioni di giovani presenti sul territorio.
Per questi motivi oltre a chiedere procedure standardizzate per la selezione dei progetti proposti dalle associazioni all’Amministrazione chiediamo alla stessa di impegnarsi ad individuare uno stabile, tra i tanti in progressivo deperimento, utile ad ospitare tutte le associazioni cittadine. Uno spazio dove far incontrare le idee e le competenze di cui è ricca questa Città, una Casa delle Associazioni dove più che competere si collabori per la crescita socio-culturale di Ariano.

Advertisement
Clicca per commentare

Attualità

Disatro idrico a Cassano Irpino, esplode condotta causando la dispersione di migliaia di metri cubi di acqua

Pubblicato

-

Nelle zone rurali di Cassano Irpino è esplosa una condotta dell’acquedotto dell’Alto Calore, causando spavento tra i residenti i quali si sono subito resi conto della gravità del problema, allertando le autorità. Sul posto sono prontamente intervenuti tecnici della società insieme agli amministratori per cercare di individuare le cause e circoscrivere il danno. Notizie in aggiornamento

Continua a leggere

Attualità

Covid in Irpinia-84 positivi in provincia, 13 casi ad Avellino e 9 a Mercogliano

Pubblicato

-

L’Azienda Sanitaria comunica che su 1.172 tamponi effettuati,sono risultate positive al Covid 84 persone:

– 6, residenti nel comune di Ariano Irpino;

– 2, residenti nel comune di Atripalda;

– 1, residente nel comune di Avella;

– 13, residenti nel comune di Avellino;

– 5, residenti nel comune di Caposele;

– 1, residente nel comune di Chiusano di San Domenico;

– 1, residente nel comune di Domicella;

– 4, residenti nel comune di Forino;

– 1, residente nel comune di Frigento;

– 2, residenti nel comune di Grottaminarda;

– 1, residente nel comune di Guardia Lombardi;

– 6, residenti nel comune di Lioni;

– 9, residenti nel comune di Mercogliano;

– 1, residente nel comune di Montecalvo Irpino;

– 3, residenti nel comune di Monteforte Irpino;

– 1, residente nel comune di Montella;

– 1, residente nel comune di Montoro;

– 1, residente nel comune di Mugnano del Cardinale;

– 1, residente nel comune di Nusco;

– 1, residente nel comune di Ospedaletto d’Alpinolo;

– 3, residenti nel comune di Pietradefusi;

– 5, residenti nel comune di Prata PU;

– 1, residente nel comune di Roccabascerana;

– 2, residenti nel comune di Rotondi;

– 2, residenti nel comune di San Martino Valle Caudina;

– 6, residenti nel comune di Serino;

– 1, residente nel comune di Teora;

– 1, residente nel comune di Torre delle Nocelle;

– 1, residente nel comune di Villamaina;

– 1, residente nel comune di Zungoli.

L’Azienda Sanitaria Lo indagine epidemiologica sui contatti dei casi positivi.cale ha avviato

Continua a leggere

Attualità

Giornata scientifica del Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia-Valore strategico di tutela delle denominazioni d’origine

Pubblicato

-

La XIV edizione della giornata scientifica del Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia si svolge il 10 dicembre 2021, presso l’aula magna del Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino. Tema della giornata sarà il valore strategico e le esigenze di tutela delle denominazioni d’origine.

Dopo poco più di 50 anni dai primi riconoscimenti in Italia dei vini a denominazione d’origine, il settore vitivinicolo italiano si presenta sul mercato nazionale e internazionale con 77 vini DOCG, 332 vini DOC e 118 vini IGT. Un patrimonio di identità che porta sul mercato l’88 dell’offerta nazionale. La giornata di studio di quest’anno vuole essere un’occasione di riflessione sul valore strategico delle denominazioni e sulle crescenti esigenze di tutela da minacce che, in un mercato sempre più caratterizzato dagli scambi internazionali, diventano sempre più frequenti e multiformi.

L’evento vedrà la partecipazione del Magnifico Rettore dell’Ateneo federiciano, il Prof. Matteo Lorito, dei Professori Danilo Ercolini – Direttore del Dipartimento di Agraria-, Angelita Gambuti – Coordinatrice dei Corsi di Laurea in Viticoltura ed Enologia e in Scienze Enologiche, Giuseppe Blaiotta – Presidente Sezione della Vigna e del Vino, Giuseppe Cringoli – Presidente della Scuola di agraria e veterinaria dell’Ateneo federiciano, Raffaele Coppola – Fondazione Italiana per gli Studi sul Vino, i dottori Roberto Di Meo – Presidente Assoenologi Campania, Angelo Frattolillo – Confagricoltura Avellino, Antonio Capone – Presidente Ordine agronomi e forestali di Avellino, Domenico Biancardi – Presidente della Provincia di Avellino.

Interverranno: il prof. Eugenio Pomarici – ordinario di Economia Agraria, Università degli studi di Padova, il dott. Michele Alessi – Direttore Ufficio PIVE VII Settore vitivinicolo -MIPAAF, la dott.ssa Simona Lamorte – MIPAAF, la dott.ssa Elvira Bortolomin – Presidente Consorzio del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG.

Il Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino, oltre ad ospitare l’evento, curerà un intervento musicale dal vivo. Moderatore della giornata sarà il Prof. Boris Basile, Università Federico II. Il vino dell’Anno Accademico, uno shiraz, sarà presentato dal prof. Luigi Moio, Università Federico II.

Continua a leggere

Più letti