Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

La mail falsa attribuita all’onorevole Maraia

Pubblicato

-

Voglio esprimere solidarietà all’onorevole Generoso Maraia. L’articolo 54 della nostra Costituzione recita: “… I cittadini a cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina e onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge”. L’on. Maraia, in quanto deputato, ha così giurato: “Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell’interesse esclusivo della Nazione”. Quindi non credo che l’on. Maraia il 30 aprile 2022 abbia inviato una mail in cui si denunciava l’inerzia del sindaco Franza per “una inconsistente azione amministrativa e una rumorosa assenza del sindaco nei luoghi che contano della politica locale e nazionale”. Per questo motivo riteneva necessario avviare una verifica politica e amministrativa. Nella medesima mail veniva incensato l’ex sindaco Mimmo Gambacorta. L’ignoto autore della mail incriminata, non solo ha fatto una scorrettezza politica, ma ha perpetrato il grave reato di sostituzione di persona (articolo 494 codice penale, che prevede la reclusione fino ad un anno). Nella società arianese si è aperto un dibattito, che non interessa soltanto chi fa politica: circolano diverse correnti di pensiero. Ci sono coloro che, neanche troppo velatamente, dichiarano che la mail non è un falso e che l’on. Maraia l’abbia smentita, non si sa per quali oscuri motivi. C’è chi afferma che la mail sia un falso, ma che le valutazioni sulla giunta Franza rispecchino la realtà. C’è chi pone la questione delle prossime elezioni politiche, della diminuzione del numero dei parlamentari e dei voti ai 5 Stelle e quindi le difficoltà dell’on. Maraia ad essere rieletto. Chi aggiunge inoltre, che Franza voglia usare il trampolino da sindaco per lanciarsi verso il Parlamento, in concorrenza con lo stesso Maraia. C’è chi pensa che Maraia stia tastando il terreno per far cadere la giunta Franza dopo le elezioni politiche del 2023 e, in caso di una sua mancata rielezione, stia pensando di candidarsi a fare il sindaco di Ariano. C’è chi, invece, sostiene che Maraia, memore della parola d’ordine del Movimento 5 Stelle, “Onestà, Onestà”, abbia mal digerito che il sindaco avesse conferito un’importante delega a un consigliere comunale del suo partito, anche se questi era stato condannato in primo grado a due anni di reclusione per estorsione (il consigliere ha rimesso la delega dopo le proteste delle opposizioni). C’è chi, addirittura afferma che Maraia stia tentando un avvicinamento a Forza Italia, dopo essersi espresso sui social il 24 aprile, in maniera positiva sull’operato di Mimmo Gambacorta, dichiarando altresì che era venuto il momento di avviare una pacificazione delle forze politiche di Ariano Irpino e non solo. C’è chi chiede a quale titolo Maraia si intrometta nelle questioni del Comune, visto che non ne fa parte. Insomma, quella falsa mail, ha scatenato un intenso dibattito politico o di fantapolitica, in tutta Ariano. L’unico modo per risolvere la questione è quella annunciata dall’onorevole Maraia su “Il Mattino” del 3 maggio, ovvero una denuncia alla polizia postale, finalizzata a identificare chi gli si sia sostituito e abbia inviato una falsa mail. Certamente l’on. Maraia non ha bisogno di suggerimenti, saprà di sicuro che nel palazzo della Camera c’è un posto di polizia dove avrà senz’altro già fatto denuncia e quindi nel giro di pochi giorni scoprirà o avrà già scoperto, chi ha osato sostituirsi alla sua persona. Chiedo all’on. Maraia di rendere pubblico quel nome: gli Arianesi hanno diritto di sapere la verità.

Attualità

Centro di Giustizia Riparativa, lunedì la presentazione a Palazzo Caracciolo con Agnese Moro

Pubblicato

-

Si terrà dopodomani, lunedì 28 novembre alle ore 9,30, presso la Sala Grasso di Palazzo Caracciolo,  il primo incontro pubblico relativo al progetto che ha istituito il Centro di Giustizia Riparativa, denominato “Il Lampione della Cantonata”, ed al quale hanno aderito il presidente della Provincia, il direttore della Caritas, il Garante Provinciale delle persone private della libertà personale, il dirigente del Centro Giustizia Minorile per la Campania ed il Direttore dell’ Ufficio UEPE (Ufficio Esecuzione Penale Esterna).

Parteciperà all’incontro Agnese Moro. Con la sua testimonianza farà comprendere l’importanza della “giustizia riparativa” che mira ad aprire nuovi orizzonti di dialogo e di lettura della dimensione penale, favorendo la stessa a nuovi approcci di mediazione, mediante un comune percorso di consapevolezza tra reo e vittima di reato. 

Sarà l’occasione in cui il mondo accademico, rappresentato per l’incontro dal docente dell’Università degli Studi di Salerno, Girolamo Daraio, spiegherà l’importanza del Centro che svolgerà azioni di mediazione reo-vittima sia in costanza dell’accertamento penale sia post iudicatum, nel corso dell’esecuzione penale. 

“Il Lampione della Cantonata” sarà il luogo in cui la comunità di Avellino e provincia potrà essere ascoltata in modo attento, mettendo da parte l’impulso e la tentazione del giudizio. Ciò sarà possibile per il mediatore, Giovanna Perna, “soltanto se le persone si faranno coinvolgere (non convincere), al fine di coltivare la speranza di cercare assieme la giustizia, perché soltanto cercandola assieme, forse la si può almeno un poco avvicinare”.

Continua a leggere

Attualità

Tavolo Comunale di coordinamento della Rete contro la Violenza di Genere

Pubblicato

-

Si è tenuto, ieri 25 novembre, presso la sala consiliare del Comune di Ariano Irpino, in occasione della giornata internazionale della lotta contro la violenza sulle donne, il

TAVOLO COMUNALE DI COORDINAMENTO DELLA RETE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

Invitati al tavolo: Asl, Amministrazione Comunale, Piano Sociale Ambito A1 _ Centro AntiViolenza Ananke, Forze dell’Ordine. Organizzatori: Consiglio delle Donne e Forum dei Giovani di Ariano Irpino. Il Consiglio delle Donne, che osserva il mondo che ci circonda da punto di vista femminile, è un luogo di elaborazione e discussione, in stretto collegamento con l’amministrazione comunale. Valorizza la presenza femminile all’interno della società nelle sue varie articolazioni: familiari, sociali, lavorative e associative; si fa promotore di una cultura e di un linguaggio di genere, di attività a favore della cultura della non violenza e promuove il perseguimento dei diritti delle donne attraverso azioni di sensibilizzazione e comunicazione, nonché di interventi educativi tesi alla prevenzione del fenomeno della violenza di genere e della discriminazione. Il presente Tavolo Comunale di coordinamento della rete contro la violenza di genere, promosso dal Consiglio delle Donne e dal Forum dei Giovani di Ariano Irpino e sostenuto dal Comune di Ariano, ha lo scopo di fare il punto della situazione sulle attività in essere e su quelle in programma, in forma singola o associata, delle Istituzioni che partecipano allo stesso, al fine non solo di potenziare le reti operative antiviolenza impegnate sul territorio ma anche di colmare i divari territoriali dei servizi specializzati nell’assistenza delle vittime.​Questo organismo, in un’ottica di “comunità”, può e deve porsi sempre di più come luogo di confronto e collante tra le numerose realtà del territorio – istituzioni, enti, forze dell’ordine, associazioni, realtà del terzo settore – che sono attive su problematiche delicatissime. Se ogni componente del Tavolo conosce meglio le altre che ne fanno parte e sa di poter contare su di esse anche tramite la condivisione di informazioni utili, si può rafforzare e rendere più efficace la rete dei servizi alle donne in difficoltà. L’Amministrazione comunale si vuole attivare affinché questo primo incontro diventi un Tavolo permanente per confrontarsi periodicamente. Presenti al Tavolo di coordinamento: – Sindaco Enrico Franza; – Assessore alle politiche sociali dott. P. Molinario – Assessora alla Cultura, al Turismo e Promozione del Territorio, Maria Elena De Gruttola – Consigliera V. Pietrolà – Vicequestore e Dirigente del Commissariato di Ariano I. dott.ssa Maria Felicia Salerno – Ispettore del Commissariato di Ariano Irpino A. Lanno – Dott.ssa Rossella Schiavo, psicologa e responsabile del Centro AntiViolenza Ananke – Dott. Mario Ferrante, dirigente Asl AV – Consiglio delle Donne, vice presidente Raffaella Zecchino – Forum dei Giovani, Deborah De Gruttola

Continua a leggere

Attualità

Olympia–La Carta dei Diritti della Donna nello Sport, domani convegno al Museo Civico della Ceramica

Pubblicato

-

Il 25 Novembre 2022 alle ore 17,00 presso il Museo Civico della Ceramica ad Ariano Irpino, il Panathlon Club presieduto da Lucia Scrima presenta “Olympia” – “La Carta dei Diritti della Donna nello Sport”, l’evento è organizzato con il patrocinio del Comune di Ariano Irpino e in collaborazione con l’Osservatorio sul Fenomeno della Violenza sulle Donne della Regione Campania, Fidapa Sez. di Ariano Irpino, Futsal Irpinia squadra femminile di calcio a 5, Psb Education Job Consulting, Associazione Vita.

Indirizzi di saluto: Lucia Scrima – Presidente Panathlon Club Ariano Irpino

Sara Sebastiano – Presidente Fidapa Sez. Ariano Irpino

Enrico Franza – Sindaco di Ariano Irpino

Tina Santillo – Direttore Scientifico PSB

Interventi : avv. Marica Grande

avv. Vincenzo Romolo

Benito Melchionna – Procuratore Emerito della Repubblica

Sara Sebastiano – Presidente Fidapa

Guglielmo Ventre – Presidente Ass. Vita

Le conclusioni saranno affidate al Governatore dell’Area 11 Campania del Panathlon International Prof. Francesco Schillirò. Proiezione del video coreografico a cura di “ASD Expression” del Maestro Michele Leone. Dibattito e testimonianze con le atlete della Futsal Irpinia. Parteciperà all’evento la Dott.ssa Rosaria Bruno Presidente dell’Osservatorio della Regione Campania sul Fenomeno della Violenza sulle Donne. Saranno inoltre presenti le ASD del territorio. Al termine della manifestazione ci sarà l’installazione della “Panchina Rossa”, restaurata dalla Fidapa, presso la Piazzetta Sant’Andrea. Farà da cornice all’evento l’opera “Olympia” dell’artista Dina Pascucci.

Continua a leggere
Advertisement

Più letti